Happy Basket

Il miglioramento lo vedi nel confronto tra una partita e l’altra, settimana dopo settimana e mese dopo mese. Le Esordienti Happy, piccole per età perché in tante con uno o due anni di meno rispetto all’annata della competizione, non smettono di progredire e divertirsi. Anche nell’ultima partita della stagione è successo. Contro Cervia, alla palestra Bertola, il primo canestro è delle ospiti, poi, dopo un primo periodo equilibrato ma con l’Happy a comandare, ecco un secondo quarto spettacolare che manda all’intervallo le due squadre sul 23-8. 15 punti di vantaggio per le nostre, che mostrano buone cose anche nella ripresa. Collaborazione, difesa e tanta voglia di correre in contropiede. Per l’Happy, che chiude il match sul 47-28, un successo che segna un deciso miglioramento rispetto al -13 di due mesi fa con le stesse avversarie. Ottima partita da parte di tutte, con particolare segnalazione per Sara Kajo, 17 punti, e Giorgia Pignieri, 13. FORZA HAPPY, BRAVE RAGAZZE!!!

Il sogno di stringere tra le mani la Coppa Emilia Romagna è infranto: Vico si dimostra superiore, commette pochi errori e non permette mai all’Happy di rientrare in partita dopo un secondo quarto choc. Al 40’, alla sirena finale, nei volti delle ragazze di casa Rimini c’è l’ovvia delusione di chi ci ha creduto e la consapevolezza che quei momenti lì, quelli del dopopartita, li devi vivere. Li devi vivere per migliorare. Ci devi passare attraverso, non costeggiarli e dimenticarli. Ci devi entrare a fondo. Devi, in qualche modo, affrontare la delusione, non dimenticarla o scansarla. La responsabilità è, anche e soprattutto, questo. Essere coscienti di quel che si è fatto e viverne i risultati, qualunque essi siano. Una gioia dopo una bella partita o una delusione cocente dopo una sconfitta. Vivere questa delusione vi aiuterà ad affrontare con maggior forza le partite importanti che affronterete in futuro, fidatevi. A Finale Emilia, sede dell’ultimo atto della Coppa Emilia Romagna Under 14, l’Happy è accompagnata da un buon numero di allegri e festati tifosi, con l’inizio gara che è tutt’altro che disprezzabile. Le Sharks scattano sul 4-0 grazie ai canestri di Elisa e Flavia, ma dall’altra parte Zimbardo comincia a essere pericolosa e le parmensi sono avanti alla fine del primo quarto per 15-11. Il problema, nella valutazione complessiva del match, è quel secondo quarto in cui l’Happy è travolta. Un 17-4 di parziale che porta Vico sul 32-15 e costringe le nostre ad affrontare la ripresa con davanti una montagna da scalare. Il terzo periodo non è malvagio, ma è nel quarto finale che l’Happy produce il massimo sforzo per rientrare in partita. Si arriva più volte a -11, ma mai sotto la doppia cifra di margine. E alla fine, sul 62-47 conclusivo, le facce di quelle in maglia nera mostrano sorrisi infiniti, quelle in maglia gialla invece hanno la testa bassa. Ma è così, è naturale che sia così. Se ci tenete davvero, è questa l’unica reazione possibile: la delusione. Bisogna passarci attraverso, bisogna viverla. E poi su, testa alta, perché una coppa, anche se un pochino più piccola, l’avete portata a casa. Dai ragazze, vogliamo il vostro tifo nel prossimo weekend, E dite a Lollo di rifornirsi di trombette perché ce ne sarà bisogno… REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – VICO BASKET 47-62 HAPPY: Del Fabbro 2, Gambetti, Angelino 2, Grassia 2, Poggi, Tiraferri 8, Vergine, Mecozzi 8, Comini 11, Innocenti 4, Alessi, Martinini 10. All.: Giunchi. VICO: Caroppo, Salvi 2, Villani, Dentoni 23, Ceresini, Bersellini, Zimbardo 23, Ferrarini 11, Milanta 3, Cannizzaro, Del Monte. All.: Franchini. Parziali: 11-15, 15-32, 29-45, 47-62.

Che gli vuoi dire a queste qua? Niente, non gli puoi dire assolutamente niente. Sono imbattute. Tra 2016 e 2017 hanno visto solo rosa. E adesso sono in finale, un ultimo atto che più meritato non si può. Mica era scontato, anzi. Dopo l’impresa di Calendasco, un +3 ottenuto in trasferta tra mille difficoltà, le girls si sono presentate a ranghi un po’ più compatti, anche se non del tutto in salute, per il ritorno casalingo della Carim. E lì, nel calore ancora non così opprimente della palestra di casa, prima faticano con una Calendasco di qualità che è molto precisa dall’arco (12-9 per l’Happy il primo quarto), poi danno gas e fuggono via. Nel 33-16 del primo tempo ci sono 14 punti di Greta e 13 di una Anna che ha messo il cuore oltre l’ostacolo. Sulla tripla di Alessia, in apertura di ripresa, si capisce che queste ragazze qua, le nostre, non vogliono mollare nulla. Hanno fame di vittoria. Una fame che, siamo sicuri, non è stata saziata da questo 60-42. Ve ne è rimasta ancora un po’, vero? Ecco, restate affamate. Restate leonesse. Ci vediamo tra una settimana… HAPPY BASKET RIMINI – CALENDASCO 60-42 HAPPY: Comini 2, La Forgia 19, Villa, Mecozzi, Pignieri 9, Palmisano 4, Lisa Poplawska 1, Laura Poplawska 4, Palmisani 17, Zamboni, Prasal 4. All.: Rossi. CALENDASCO: Torrembini, Sala 3, Ciarlesi, Losi 2, Cremona 14, Ferrari, Bastia 2, Lavezzi 13, Cicalini 2, Laurito, Agolini 6, Carini. All.: Merli. Parziali: 12-9, 33-16, 46-26, 60-42.

Si chiude un anno fantastico per il minibasket Happy. Bimbi e bimbe si sono ritrovate in riva al mare, al bagno 78, per un pomeriggio di giochi, sole e merenda conclusiva. Alla presenza di Roberto Ferrari e del presidente Giampaolo Piomboni, non sono mancati pallone, sorrisi e un ultimo saluto per la stagione sportiva 2016/2017, in attesa di rivedersi tutti insieme a settembre per ricominciare a divertirsi con la palla a spicchi in mano. Ciao bimbi e forza Happy!!!

E allora sbam, FINALEEE!!!!! L’Under 14 perde ma vince, viene fermata ma continua la sua strada, ride per una sconfitta e non piange per una vittoria. Viviamo di ossimori, ma oggi sono tutti giustificatissimi. Sulle montagne russe si sale a perdifiato fino in cima, con l’aria rarefatta, poi si precipita in un lampo parecchi metri sotto, come se non ci fosse un domani. Alla Bertola si va sotto, si recupera, si viaggia quasi in tranquillità a 4-5 minuti dalla fine, poi si ripiomba nel burrone e Cervia, sul +10, ha due liberi per impattare il -12 dell’andata a 7 secondi dalla fine. Un saliscendi di emozioni, uno yo-yo che non finisce mai. Cos’è uno yo-yo, girls? Beh, facciamo paragoni più “attuali”. Diciamo allora che abbiamo vissuto uno “spinner” di emozioni senza pari, sballottati qua e là a velocità vorticosa. Su quei liberi abbiamo tremato, ma la giocatrice di Cervia ne ha messo solo uno, poi il capitano Mati, dall’altra parte, ha a sua volta ristabilito le distanze dalla lunetta per il -10 conclusivo. Finale in tripudio, insolito per un -10 ma super giustificato per lo spirito battagliero che ha contraddistinto le ragazze per tutto il match. Sempre sotto, l’Happy ha comunque la capacità di non affondare e restare sempre in vantaggio nel doppio confronto, non andando mai sotto di più di 12 lunghezze. Sabato c’è la finale con Vico, FORZAAA!!!!! REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – HELLAS BASKET CERVIA 41-51 HAPPY: Muratori 5, Del Fabbro, Gambetti, Angelino 3, Grassia 5, Poggi, Tiraferri 1, Vergine, Mecozzi 16, Comini 9, Innocenti, Martinini 2. All.: Giunchi. CERVIA: Patrignani 3, Prati 2, Casadio 4, Sabetta 12, Iozzino 13, Magnani 2, Zaccaria 10, Abati 4, Rossi 1, Heri. All.: Gatti. Parziali: 5-12, 18-26, 25-33, 41-51.

+31. Semifinale d’andata di Coppa Emilia Romagna. Opera non completata, c’è ancora il ritorno. Ma +31. Il che, se permettete, va più che bene. L’Happy mette una discreta ipoteca sulla finale vincendo la prima sfida col Tricolore Reggio Emilia per 78-47. Match importante, con tensione nell’aria all’inizio, ma anche sfida presa bene dal nostro gruppo, che si ritrova a +4 nel primo quarto ma poi mette il turbo per volare fino al 38-22 dell’intervallo. L’idea, a quel punto, è che non ci si possa affatto rilassare, in fondo i 40 minuti della Bertola sono solo il primo tempo di un film il cui finale verrà scritto solo mercoledì prossimo a Reggio. E allora tanta grinta, una spruzzata di zona e buone cose da tutte le ragazze coinvolte. La chiave è il 27-13 degli ultimi dieci minuti di gioco. Fondamentale nell’economia del doppio confronto. Si arriva al +31, ben sapendo che per la finale servirà non abbassare la guardia e giocare con lo stesso spirito competitivo anche tra una settimana. Nello score finale segnaliamo i 18 di little Greta (con 8/10 al tiro), con la squadra che non va molto lontano dal 50% dal campo. Ora testa alta e a mercoledì, vietato distrarsi. REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – TRICOLORE REGGIO EMILIA 78-47 REN-AUTO: La Forgia 18, Fattori 4, Borsetti 1, Laura Poplawska 2, Palmisani, Muggioli 13, Palmisano 13, Lisa Poplawska, Pignieri 5, Girelli 16, Prasal 4. All.: Rossi. TRICOLORE: Ferretti 6, Dallara 2, Notari 4, Munari 8, Russo, Diaby, Bini 10, Cabrera, Cappelli 17. All.: Perricone. Parziali: 18-14, 38-22, 51-34, 78-47.

Ci sono partite ordinarie e partite “diverse”. Gare normali di regular season prese così, come viene, e match intensi, con una posta in palio di livello incredibilmente alto. Insomma, partite speciali. Come quella dell’Under 16 a Calendasco, la semifinale d’andata. In stagione l’Happy le ha vinte tutte, TUTTE, e allora, forse, qualcuno potrebbe pensare a un impegno tutto sommato soft, semplice o giù di lì. Una vittoria da portare a casa in scioltezza… E invece no, perché Calendasco è squadra di alto valore e perché l’Happy si presenta all’appuntamento senza due pedine fondamentali del quintetto, Alessia e Giorgia. L’inizio è ottimo, con l’Happy che vola sul +11 a fine primo periodo sul 10-21. Poi si fa un po’ più fatica, perché Calendasco dimostra il suo valore e perché l’Happy non riesce più a contenere come prima i punti di forza avversari. Si va all’intervallo sul +5 (28-33) e a fine terzo il vantaggio si riduce ancora di più (41-43). È una partita al cardiopalma, con entrambe le squadre consapevoli che si tratta solo dei primi 40 minuti sugli 80 disponibili, ma anche con la voglia da parte dell’Happy di mantenere l’imbattibilità stagionale. Nel quarto periodo non si segna praticamente mai, col parziale del quarto che segna un ridottissimo 5-6. Basta e avanza per le Sharks, strepitose per carattere e nervi saldi (in 3, su 8 a referto, con 4 falli alla fine) fino al 46-49 finale. Lo score recita che in doppia cifra per punti segnati ci cono andate Greta (20) e Marta (11). Da segnalare la super di difesa di Anna nelle fasi decisive sulla pericolosa Lavezzi. Venerdì prossimo si gioca in casa NOSTRA, per arrivare in finale bisogna completare l’opera. Forza leonesse CALENDASCO-HAPPY 46-49 CALENDASCO: Cicalini, Sala 2, Torrembini, Agolini 6, Ciarlesi, Losi 4, Cremona 8, Ferrari 2, Bastia, Laurito, Carini, Lavezzi 22. All.: Merli. HAPPY: Comini, La Forgia 20, Villa, Palmisano 11, Lisa Poplawska 5, Laura Poplawska 4, Palmisani 6, Zamboni 3. All.: Rossi. Parziali: 10-21, 28-33, 41-43, 46-49.

Bimbi e bimbe, segnatevi questa data: GIOVEDÍ 25 MAGGIO! È il giorno scelto da tutti noi dell’Happy come FESTA FINALE DEL MINIBASKET. Mi raccomando, non mancate: l’appuntamento è al BAGNO 78 SABBIA D’ORO alle 17.30, ci ritroviamo tutti per festeggiare questa fantastica stagione 2016/2017 con giochi e sorrisi. Il divertimento è assicurato! Per informazioni chiamare il numero 3482303907.

Grande gara dell’Under 14 nell’andata della semifinale di Coppa Emilia Romagna. Contro una squadra che in stagione ci aveva sempre battuto, Cervia, arriva un successo di buon auspicio in vista della gara di ritorno casalinga di mercoledì prossimo. Il punteggio, 39-51, è il frutto di due buoni break arrivati nel secondo e nel quarto periodo, dopo un inizio di gara equilibrato nel quale l’Happy era stata anche sotto. Ah, tripla doppia di una certa Agne (16 punti, 10 rimbalzi e 11 recuperi) e gara molto solida da parte di Flavia (7/11 al tiro e 9 rimbalzi). Super partita di tutte le ragazze, che ora aspettano le avversarie di Cervia alla Bertola mercoledì prossimo alle 19.15. FORZA GIRLS!!! HELLAS BASKET CERVIA – REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI 39-51 CERVIA: Prati 2, Casadio 4, Iozzino 8, Poni 2, Orlandi 2, Bertozzi 2, Magnani 2, Zaccaria 11, Diop, Abati 6, Rossi. All.: Gatti. HAPPY: Muratori 4, Del Fabbro, Gambetti 2, Angelino, Grassia 4, Poggi, Tiraferri 16, Mecozzi 7, Comini 14, Alessi 1, Innocenti 1, Martinini 2. All.: Giunchi. Parziali: 12-12, 22-29, 31-37, 39-51.