Happy Basket

Vis Ferrara-HAPPY BASKET 38-81 (10-22 ; 7-21 ; 13-16 ; 8-22), giocata mercoledì 12/12. Vis: Barrati 7, Camata 2, Farinelli, Branca 4, De Rossi 10, Zerbini 11, Benincasa 2, Basaglia 2, Canella, Testa, Maini. All. Brandini Happy Basket: Novelli 11, Nanni 16, La Forgia 9, Palmisano 18, Palmisani, Tosi 6, Renzi 4, Farinello 5, Varlamova 6, Poplawska Li. 2, Poplawska La. 4, Lazzarini A.. All. Bezzi Arbitro: Gava di Ferrara Nemmeno la scomoda trasferta infrasettimanale di Ferrara smorza le energie della RenAuto: con coach Eros Bezzi in panchina per l'occasione, le rosanero proseguono la propria marcia solitaria in testa alla classifica, trovando in terra emiliana il settimo successo in altrettante gare. Partita decisa fin dalle prime battute: l'Happy è fluida in attacco soprattutto grazie allo straordinario lavoro difensivo che paralizza le padrone di casa e porta ad un gioco offensivo veloce ed efficace, in cui una buona circolazione di palla libera al tiro quasi sempre la giocatrice meglio piazzata ed i contropiedi sono capitalizzati con continuità. Già dal secondo quarto il match è in discesa e addirittura un'inevitabile rilassatezza della RenAuto nelle battute finali impedisce al risultato di assumere contorni ancora più marcati. «Davvero una buona partita - commenta coach Bezzi -: abbiamo ruotato tutte le ragazze ed ognuna ha dato il cento per cento. Anche quando Ferrara ha provato delle difese miste non ci siamo fatte sorprendere e con il nostro gioco in velocità le abbiamo messe subito in difficoltà. Dal canto nostro molto bene in attacco, ma è stata una super difesa l'arma che ci ha permesso di indirizzare già dal primo quarto la gara». La RenAuto tornerà in campo alla Carim sabato 15 dicembre, alle ore 20.30, per il match con il Progresso Bologna.

HAPPY BASKET-Virtus Cesena 71-31 (18-11; 16-8; 20-7; 17-5), giocata mercoledì 12/12. Tabellino: Poggi 4, Martinini 4, Innocenti, Tiraferri 13, Ricci 2, Mescolini 2, Gambetti 16, Guiducci 8, Vergine 5, Fulgenzi, Semprini 6, Del Fabbro 11. All. Rossi Per tenere vive le possibilità di accesso alla seconda fase del campionato alla RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi serviva contro Cesena non solo una vittoria, ma un successo con più di 5 punti di scarto per ottenere il vantaggio nel doppio confronto. In campo però nessuno dei due problemi si pone perché l'Happy vince nettamente e, in particolare nel secondo tempo, concede alle ospiti davvero poco. La partita di fatto dura 10', dopo un primo quarto piuttosto equilibrato, infatti, la RenAuto allunga nel secondo e si porta all'intervallo avanti di 15 sul 34-19. E' di fatto il colpo del k.o., perché Cesena nel secondo tempo segna appena 12 punti e non riesce minimamente a contenere la verve offensiva delle rosanero, che aumentano il margine minuto dopo minuto fino alla sirena. «Vittoria che conferma il nostro buon momento - spiega coach Rossi -, lavoriamo bene, sono molto contento. Non pensavo potessimo vincere con un divario così ampio, anche perché Cesena voleva fare risultato pieno per la classifica, ma le ragazze hanno giocato davvero bene, tutte e dodici. Abbiamo segnato 71 punti trovando buone soluzioni in attacco per tutta la partita e ne abbiamo subiti appena 31: il pubblico si è divertito. Ci aspettano altre due gare che dobbiamo portare a casa per forza, se vogliamo qualificarci alla seconda fase, questo è solo il primo passo». La RenAuto U16 tornerà in campo a Santarcangelo venerdì 14 dicembre, alle ore 16.00, per il match con il Basket Santarcangelo.

HAPPY BASKET-Faenza Futura 41-44 (12-10; 16-7; 6-17; 7-10), giocata martedì 11/12. Tabellino: Oddi 2, Prosperi, Gambetti C., Gambetti A. 2, Montemaggi, Pignieri 12, Gasparroni, Pratelli 21, Cartoscella, Delvecchio 1, Mancini, Hyseni 3. All. Rusin Partita dai due volti per la RenAuto U13 di coach Gabriele Rusin: contro Faenza Futura le giovani rosanero giocano un gran primo tempo, ma finiscono le energie e, soprattutto nella terza frazione, subiscono il ritorno delle ospiti. Come spesso capita l'Happy paga contro Faenza il gap fisico, ma nei primi 20' nessuno se ne accorge, al punto che all'intervallo le riminesi sono avanti in doppia cifra, +11 sul 28-17: una difesa attenta e intensa permette all'attacco di ripartire veloce e di prendere di infilata la difesa avversaria. Il vantaggio alla pausa lunga è pienamente meritato. Nel terzo quarto, però, la RenAuto comincia ad accusare la stanchezza e cala vistosamente, incartandosi in attacco e facendo grande fatica nel contenere in difesa la fisicità avversaria. Faenza torna così in partita e impatta al 30', 34-34. L'ultimo quarto è equilibratissimo, gli attacchi segnano poco e alla fine sono gli errori ai liberi, tirati benissimo a pile cariche, a fare la differenza. «Nei primi due quarti abbiamo giocato come sappiamo fare - spiega coach Rusin -, passando e girando la palla e difendendo con aggressività. Nel terzo quarto abbiamo cominciato a difendere peggio e a giocare con egoismo; probabilmente anche a causa della stanchezza non abbiamo contenuto i loro uno contro uno, siamo state meno reattive sulle palle vaganti e abbiamo sbagliato troppi liberi, fatto determinante in una gara punto a punto». La RenAuto U13 tornerà in campo a Faenza sabato 15 dicembre dicembre, alle ore 18.30, per il match con il Basket Project.

HAPPY BASKET-A.I.C.S. 55-54 (19-15; 10-12; 16-18; 10-9), giocata lunedì 10/12 Tabellino: La Forgia 8, Palmisano 11, Palmisani 8, Tosi 6, Poplawska Li. 4, Poplawska La. 6, Panzeri 2, Lazzarini A. 10, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi Vittoria importantissima in chiave classifica per la RenAuto U18, che batte Forlì con un finale al cardiplamo: le rosanero di coach Pier Filippo Rossi, avanti sul 53-51, vengono infatti superate con una tripla a 35" dalla sirena, ma segnano il canestro del nuovo vantaggio con 9" da giocare. Sembra finita e invece le ospiti beneficiano di due liberi a tempo scaduto: 0/2 e soffertissima vittoria Happy. Andando con ordine, in avvio è l'A.I.C.S a fare meglio e a portarsi avanti di due possessi sul 5-9; l'Happy però entra in partita e con un parziale di 10-2, ribalta il punteggio e chiude il primo quarto avanti di quattro, 19-15. Da qui in poi la partita segue lo stesso canovaccio fino all'ultimo quarto: la RenAuto trova diversi allunghi, 25-19, 42-35, ma manca per poca precisione il colpo del k.o. e così le ospiti puntualmente recuperano, fino a mettere la testa avanti sul 45-47 ad inizio quarto quarto. L'ultima frazione rimane in equilibrio, fino all'epilogo già raccontato. «Compimenti alle nostre avversarie che hanno giocato una grande partita - commenta coach Rossi - e sono rimaste in gara, approfittando dei tanti nostri errori. Il maggior problema di questo gruppo è che tra U18 e Serie C il calendario è fittissimo e allenarsi bene tutte insieme è una rarità. Stasera l'unica cosa positiva è che abbiamo vinto». La RenAuto U18 tornerà in campo a Ravenna lunedì 17 dicembre dicembre, alle ore 18.20, per il match con lo Junior Basket.

Hellas Basket-HAPPY BASKET 54-66 (11-18; 14-18; 8-16; 21-14), giocata giovedì 6/12. Tabellino: Novelli 11, Nanni 9, La Forgia 2, Palmisano 23, Palmisani 4, Tosi, Renzi 4, Farinello, Varlamova 9, Poplawska Li., Poplawska La. 2, Lazzarini A. 2. All. Rossi La RenAuto di coach Pier Filippo Rossi torna anche da Cervia col referto rosa e fa sei su sei in campionato, mantenendo così la vetta solitaria della classifica. Fatta eccezione per i primissimi minuti, giocati senza troppa intensità, le rosanero non trovano grossi ostacoli e non appena stringono in difesa guadagnano margine; in attacco, poi, Cervia lascia giocare senza aggredire e così anche alla voce "punti segnati" le cose si mettono bene fin dal primo quarto. Nella terza frazione il margine tocca anche i 24 punti di scarto e davvero non c'è più partita, se non per definire nella forma il risultato. «Quando difendiamo per davvero le altre squadre fanno fatica - commenta coach Rossi -: non siamo partite benissimo, ma appena prese le misure abbiamo allungato e il punteggio sarebbe potuto essere anche più ampio, se non fossimo state un po' leziose in certe situazioni d'attacco. Cervia ha un paio di giocatrici di livello, ma grazie alla difesa non abbiamo mai realmente sofferto. A parte tutto sono molto contento, è la sesta vittoria in fila, la squadra sta lavorando bene». La RenAuto tornerà in campo a Ferrara mercoledì 12 dicembre dicembre, alle ore 21.15, per il match con la Vis.

HAPPY BASKET-Hellas Cervia 48-51 (16-11; 4-15; 16-14; 12-11), giocata mercoledì 5/12. Tabellino: Poggi 2, Martinini, Innocenti 4, Comini 6, Tiraferri 10, Ricci, Mescolini 6, Gambetti 14, Guiducci, Vergine 2, Semprini, Del Fabbro 2. All. Rossi La RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi gioca una gran partita contro la fortissima capolista Cervia, ma perde in volata pagando a caro prezzo i pochi errori commessi. La gara comincia subito bene, coach Rossi ha buone risposte da tutte, soprattutto in difesa, e così, nonostante il notevole gap fisico, l'Happy si prende il primo quarto. Nella seconda frazione, complici anche i problemi di falli, la squadra rallenta e sbaglia tanto in attacco anche quando costruisce buoni tiri. Al riposo lungo le due squadre sono divise da 6 punti, 20-26. Nella ripresa la RenAuto riparte di slancio, recupera il divario e, ancora con una grande difesa, mette la testa avanti ed è sopra di quattro, 48-44, con meno di due minuti da giocare. Le rosanero però, stremate dalla grande cavalcata, peccano di lucidità nel finale, non commettono fallo, pur avendo due penalità da spendere prima del bonus, e non sono precise dalla lunetta; Cervia, dal canto suo, dimostra il proprio valore mantenendo la freddezza e capitalizzando su ogni errore delle avversarie. Finisce 48-51. «Ero sicuro che le ragazze avrebbero fatto una gran partita, perché hanno sempre giocato bene contro tutti - spiega coach Rossi -: bastavano un fallo, o un libero in più per vincere, ma non posso pretendere che a questa età non ci siano cedimenti. Contro una squadra fisicamente impressionante abbiamo vinto tre quarti con una difesa straordinaria, sia per intensità che per tecnica. Nell'ultimo minuto e mezzo siamo andati un po' in confusione, loro potevano mollare e invece hanno fatto tutto bene. Mi dispiace per i genitori, per la società, per me, ma soprattutto per loro, che hanno combattuto e lottato per tutta la gara». La RenAuto U16 tornerà in campo alle scuole Bertola mercoledì 12 dicembre dicembre, alle ore 19.00, per il match con la Virtus Cesena.

A.I.C.S.-HAPPY BASKET 34-56 (2-19; 12-11; 8-7; 12-19), giocata domenica 2/11. Tabellino: Oddi 3, Gambetti C., Gambetti A. 8, Pignieri 26, Prosperi 1, Rinaldi, Pratelli 5, Cartoscella 2, Delvecchio 2, Mancini 9, Hyseni, Montemaggi. All. Rusin Basta il primo quarto alla RenAuto U13 di coach Gabriele Rusin per espugnare il campo di Forlì ed avere ragione dell'A.I.C.S.: le rosanero partono fortissimo e piazzano nei primi 10' un parziale di 19-2 che chiude in largo anticipo la partita, almeno per quanto riguarda la sostanza. Nella forma i due quarti centrali sono caratterizzati da un certo equilibrio, mentre nell'ultima frazione è ancora l'Happy a trovare l'allungo per il definitivo 34-56. «Abbiamo disputato una buona gara - commenta coach Rusin -: tutte hanno giocato e mostrato il giusto impegno. Contro avversarie molto più grandi di noi abbiamo fatto dei passi in avanti per quanto riguarda l'aggressività difensiva, ma ancora non basta: siamo "dolci nell'aggressività", nel senso che stiamo attaccate alle avversarie, ma senza la dovuta cattiveria agonistica, che poi è quella che un po' ci manca anche in attacco quando il gioco si fa più fisico. Dobbiamo imparare a lottare di più, a subire i contatti e a guadagnarci tiri liberi. In attacco meglio le spaziature, su cui stiamo lavorando per evitare di pestarci i piedi, e meglio l'attitudine al tiro dopo rimbalzo offensivo, senza riaprire sempre il gioco fuori». La RenAuto U13 tornerà in campo alla Carim martedì 11 dicembre dicembre, alle ore 16.30, per il match con Faenza Futura.

HAPPY BASKET- Budrio 52-39 (11-13; 21-12; 11-4; 9-9), giocata sabato 1/12. Happy Basket: Novelli 13, Nanni, La Forgia 6, Palmisano 2, Palmisani 8, renzi Farinello 5, Varlamova 11, Lazzarini A. 7, Lazzarini N.. All. Rossi Budrio: Frabetti 1, Zalambani 8, Richetta 1, Martelli, Gilioli 15, Pazzaglia 2, Giacometti 10, Russo, Gnudi 2, Marcheselli. All. Busciglio Arbitro: Zavatta di Cesena Sul parquet “amico” della Carim la RenAuto di coach Pier Filippo Rossi cerca contro Budrio la quinta vittoria consecutiva, per mantenere imbattibilità e testa della classifica. Senza Re, Pignieri, Borsetti e Tosi le rosanero partono con un quintetto composto da: Novelli, Nanni, Palmisano, Farinello e Renzi. Inizia meglio Budrio che segna due volte e si porta avanti sullo 0-4; risponde Novelli che, con un canestro ed una tripla ribalta la situazione, 5-4. Si gioca ad un ritmo forsennato, con tanti errori e difese che non riescono a schierarsi; ne esce una gara a punteggio basso con Budrio che a metà primo quarto trova il nuovo vantaggio sul 5-6. In questa fase l’Happy fatica non poco a rimbalzo difensivo e concede tanti secondi tiri alle ospiti che, fortunatamente, non capitalizzano. Per aumentare la presenza fisica in area coach Rossi manda in campo Varlamova, che ripaga subito la scelta con un bel canestro in reverse e la “legna” che mancava. Il finale di frazione è combattuto e le squadre si rispondono colpo su colpo, con Budrio che riesce a mantenere un possesso di vantaggio al primo mini-intervallo, 11-13. Al ritorno in campo la RenAuto ha ben altra verve ed infatti piazza subito un 10-0 di parziale che costringe le ospiti al time-out. Non basta la sospensione, però, a rallentare le ragazze di coach Rossi, che incrementano il vantaggio e toccano il +14, 32-18, con un canestro di Farinello. Budrio è comunque viva e con tre triple negli ultimi minuti di primo tempo dimezza lo svantaggio. Si va così al riposo lungo con l’Happy avanti 32-25. Il secondo tempo ripropone il canovaccio iniziale: si corre e si sbaglia tanto e servono così quasi 2’30” perché Novelli con due liberi cambi il punteggio, 34-25. L’Happy pasticcia in attacco, ma quantomeno compensa con una difesa energica e dei buoni rientri, che consentono di non pagare dazio per le troppe palle perse. Dopo oltre 5’ di terzo quarto il punteggio parziale è di 2-2 e serve un canestro di Varlamova per interrompere la siccità offensiva del match. In chiusura di frazione, tuttavia, la RenAuto riallunga grazie ad una difesa ermetica, appena 4 punti subiti in 10’, e trova con Lazzarini, proprio sulla sirena, la pesantissima tripla del 43-29. Il primo canestro dell’ultimo quarto lo segna Varlamova dopo quasi 3’ di gioco: è il canestro del nuovo massimo vantaggio, +16 sul 45-29. La RenAuto continua a difendere con grande aggressività e Budrio fatica terribilmente a trovare la via del canestro; in generale, comunque, la stanchezza si fa sentire, a scapito della lucidità offensiva delle due squadre. L’Happy fa comunque tutto il necessario per gestire con tranquillità la dote accumulata e porta così a casa il quinto meritatissimo successo in altrettante gare disputate. Finale alla Carim: RenAuto batte Budrio 52-39. «Sapevamo che sarebbe stata una gara a punteggio basso - spiega coach Rossi -, perché Budrio gioca così: partita brutta, ma vincere le partite brutte è un segnale positivo. Abbiamo tenuto in difesa, aspetto importantissimo anche in prospettiva, visto che ci aspettano avversarie ostiche. Dobbiamo migliorare a livello di esecuzione e concentrazione nei giochi d’attacco, ma è una vittoria pesante che ci permette di rimanere in testa alla classifica. Le ragazze stanno lavorando bene, niente da dire sull’attitudine e su quello che mettono in campo: oggi avevamo rotazioni più corte, con quattro assenze e Palmisano febbricitante e siamo arrivati in fondo col fiato un po’ corto, ma partite del genere l’anno scorso le perdevamo». La RenAuto tornerà in campo a Cervia giovedì 6 dicembre dicembre, alle ore 20.15, per il match con l'Hellas Basket.

HAPPY BASKET-Vallarta Lugo 23-46 (14-4; 2-13; 6-17; 1-12), giocata martedì 27/11. Tabellino: Oddi, Gambetti C., Gambetti A. 2, Pignieri 2, Gasparroni, Rinaldi, Pratelli 13, Cartoscella, Delvecchio, Mancini 6, Zamagni, Brocchi. All. Rusin Dura un quarto la partita della RenAuto U13 di coach Gabriele Rusin: contro Lugo le rosanero partono fortissimo e giocano un primo quarto eccellente, poi però le ospiti, fisicamente più prestanti, si adeguano e aumentano l'aggressività difensiva, rendendo difficoltosa la circolazione di palla dell'Happy. All'intervallo lungo la partita è ancora in equilibrio, 16-17, ma nel secondo tempo Lugo scappa e allunga costantemente fino alla sirena. «Quando Lugo ha cominciato a raddoppiare a metà campo siamo andati in difficoltà - spiega coach Rusin -, perché ancora facciamo fatica a girare bene la palla contro una difesa molto aggressiva e non possiamo pensare di attaccare sempre in uno contro uno. E d'altra parte, quando difendevamo noi, stavamo troppo distanti dalla diretta avversaria. Siamo comunque solo all'inizio, sono cose su cui lavoreremo per migliorare». La RenAuto U13 tornerà in campo a Forlì domenica 2 dicembre dicembre, alle ore 15.00, per il match con l'A.I.C.S. Forlì.  

HAPPY BASKET-Libertas Forlì 71-75 (25-21; 12-19; 13-15; 21-20), giocata lunedì 26/11. Tabellino: La Forgia 12, Palmisano 20, Palmisani 2, Pignieri 23, Poplawska Li., Poplawska La. 2, Lazzarini A. 8, Lazzarini N. 4, Zannoni. All. Rossi Pur trovandosi di fronte una squadra con diverse giocatrici a roster impiegate anche nel campionato di A2 e pur dovendo scontare le pesanti assenze di Borsetti, Panzeri e Tosi, la RenAuto U18 di coach Pier Filippo Rossi gioca una gran partita e sul campo delle scuole Bertola sfiora il successo dopo 40' di assoluto equilibrio. Contro la corazzata Libertas, infatti, le rosanero dimostrano tutte le proprie qualità, tenendo in difesa e lavorando bene in attacco. L'Happy parte bene e fa sua la prima frazione, arrivando al mini-intevallo avanti di quattro, con 25 punti messi a referto. Al rientro in campo viene fuori Forlì, che può contare su un'evidente superiorità fisica con tre giocatrici ben oltre i 190cm di altezza: le ospiti chiudono in difesa e centrano il massimo allungo della partita. Nonostante La Forgia e Palmisano costrette in panchina per parecchi minuti con tre falli a testa, tuttavia, la RenAuto tiene e se la gioca alla pari. All'intervallo il tabellone dice 37-40. Il secondo tempo è addirittura più equilibrato del primo e Forlì riesce ad allungare solo nel finale anche perché, a 5' dalla sirena, Pignieri ricade male dopo una gran stoppata ed è costretta ad uscire. Per lei fino a quel momento 23 punti, 10 rimbalzi, 3 recuperi, 3 assist e 2 stoppate; una perdita considerevole in un momento chiave. Ancora una volta l'Happy riesce ad attutire il colpo e a circa 2' dalla fine trova la tripla del -2; Forlì è però brava e paziente nel possesso successivo e realizza, allo scadere dei 24", il canestro da tre che chiude la contesa. «Abbiamo giocato una partita clamorosa - commenta coach Rossi -, punto a punto sino alla fine contro la corazzata Forlì, squadra che può ambire ad un buon piazzamento alle Finali Nazionali. Nota dolente l'infortunio di Pigneri, una distorsione che sarà valutata nei prossimi giorni. Tutte le ragazze comunque sono state super e mi dispiace perché meritavano la vittoria per quello che hanno fatto in campo, sia in attacco che in difesa: solo un mese fa avevamo perso di 29 contro la stessa squadra, una crescita evidente. E' stata una bellissima serata di basket, sono molto fiero e orgoglioso delle mie ragazze». La RenAuto tornerà in campo alle scuole Bertola lunedì 10 dicembre, alle ore 20.30, per il match con l'A.I.C.S. Forlì.