Happy Basket

Faenza Futura-HAPPY BASKET 62-16 Troppo forte la capolista Faenza Futura per la RenAUto U13 di coach Gabriele Rusin: la differenza fisica tra le due squadre crea enormi difficoltà alle rosanero, sempre alle prese con evidenti mismatch, ma nonostante questo le ragazze dell'Happy giocano la loro partita e nel primo tempo, pur faticando in attacco, tengono in difesa. All'intervallo, infatti, Faenza è avanti 20-6, poi l'Happy cala alla distanza e le padrone di casa vanno via nel punteggio. «Faenza è fisicamente devastante - spiega coach Rusin -, ma tecnicamente non ci è così tanto superiore. Sono contento per come le ragazze hanno giocato nei primi 20' e, soprattutto, sono contento che abbiano visto all'"Oh, Happy Day" come difendono U16 e Serie C, perché tutto comincia dallo stare attaccato alla propria avversaria diretta. Se vogliamo crescere dobbiamo imparare dalle nostre compagne più grandi». La RenAuto tornerà in campo alla Carim martedì 19 febbraio, alle ore 16.30, per il match con il Faenza Basket Project.

HAPPY BASKET-Capra RA 65-39 (17-8; 17-10; 21-5; 10-16), giocata sabato 9/2. HAPPY BASKET: Novelli 7, Nanni 2, La Forgia 4, Palmisano 12, Palmisani 7, Pignieri 7, Renzi 6, Farinello 5, Borsetti 6, Lazzarini A. 9. All. Rossi Capra RA: Maioli, Lugaresi, Montanari, Morigi 14, Gentile 9, Rani 6, Brignani, Stevanovic, Rossi 10, Pirazzini, Domini, Amaini. All. Laghi In una Carim gremita la RenAuto torna in campo a due giorni dal "ratto" di Forlì, per allungare a tredici la striscia vincente. Novelli, La Forgia, Farinello, Palmisani e Renzi compongono il quintetto di partenza scelto da coach Pier Filippo Rossi. Farinello da tre segna i primi punti della gara e di lì a poco Renzi firma il 5-0. A metà primo quarto Palmisano con una sospensione dal gomito realizza il canestro il 10-1. La difesa dell'Happy è asfissiante e Ravenna non riesce a trovare la via del canestro. Il Capra Team, allora, si mette a zona e questo complica un po' la vita all'attacco rosanero: le ospiti si riavvicinano, 12-7. Una gran tripla di Lazzarini dall'angolo rimette tra le due squadre tre possessi di distanza, 17-8, al primo mini-intervallo. Due triple consecutive, di Palmisani e Palmisano, aprono il secondo quarto per il nuovo massimo vantaggio, 23-8. La RenAuto in attacco è scatenata: la palla gira benissimo e, quando questo non succede, arriva il taglio giusto per un canestro in penetrazione. Ancora Lazzarini dalla lunga brucia la retina, 28-12 a poco meno di 5' dall'intervallo. Con 2'45" da giocare Novelli ruba palla con una grandissima difesa, si lancia in contropiede e subisce un clamoroso antisportivo che la stessa playmaker dalla lunetta e Borsetti, sull'attacco successivo, capitalizzano al meglio, 32-16. All'intervallo la RenAuto ha 16 punti di vantaggio, 34-18. La ripresa comincia come si era chiuso il primo tempo: l'Happy gioca una pallacanestro fluida ed efficace, che produce un immediato parziale di 5-1 per il 40-20. La qualità del gioco rosanero entusiasma i tifosi, che si godono l'intensità difensiva e le ripartenze che ne scaturiscono: a metà quarto un contropiede ben orchestrato da Palmisano, Farinello e La Forgia consente a quest'ultima di realizzare iil canestro del 44-21. Ravenna sbaglia tantissimo, questo è vero, ma non riesce a prendersi un solo tiro pulito, perché le rosanero tengono sempre l'uno contro uno e sporcano le traiettorie di passaggio. Quattro punti di Pignieri a 1' dall'ultima pausa valgono il 55-23 con cui si chiude la frazione. La RenAuto non ne vuole sapere di smettere di giocare e continua a segnare: la terza tripla di Lazzarini e un'altra ricezione profonda di Renzi valgono il 62-27. Il finale di gara non ha molto da dire, l'Happy vince 65-39 e riceve il meritatissimo e prolungato applauso del pubblico. «Se vinciamo partite come quella di giovedì a Forlì significa che siamo in fiducia - spiega coach Rossi -, che abbiamo preso consapevolezza. E' una bella soddisfazione allenare un gruppo ad ottenere certi risultati. Ravenna ci ha lasciato giocare ed in questo momento siamo un gradino sopra: nella difesa a uomo a metà campo siamo molto solide e in attacco stiamo lavorando per avere più fluidità. Sono contento perché il gruppo mi sta dando la massima disponibilità. Dobbiamo lavorare bene nelle prossime due settimane per provare a chiudere il campionato». La RenAuto tornerà in campo a Forlì domenica 17 febbraio, alle ore 18.00, per il match con la Libertas Rosa.

HAPPY BASKET-Boiardo Scandiano 50-54 (18-13; 15-12; 8-18; 9-11), giocata sabato 9/2. Tabellino: Poggi 4, Martinini 5, Comini, Tiraferri 15, Ricci, Mescolini 8, Gambetti 6, Guiducci 1, Vergine, Battistel, Semprini, Del Fabbro 11. All. Rossi Alla Carim si festeggia l'"Oh, Happy Day", giornata tutta rosanero con RenAuto U16 e Serie C in campo una dopo l'altra: le U16 sono le prime a scendere in campo per affrontare il Boiardo Scandiano, squadra tosta e fisicamente superiore, in un match spareggio tra compagini a pari punti. Le rosanero partono benissimo in difesa, ma in attacco faticano contro la supremazia fisica delle ospiti e così, fino a metà quarto, il match rimane in equilibrio e a punteggio bassissimo. Poco alla volta, però, la RenAuto, partendo da un'eccellente pressione difensiva, trova i canestri che le permettono di infilare un parziale di 8-0 e di passare da 4-5 a 12-5 a 2' dal primo intervallino. Il quarto si chiude sul 18-13. Nella seconda frazione il copione rimane praticamente invariato: la grande pressione dell'Happy contro i centimetri di Scandiano, che spesso fatica a superare la metà campo, ma che poi si tiene in partita con secondi e terzi tiri da rimbalzo d'attacco. Il Boiardo però sbaglia troppo e così la RenAuto trova il massimo vantaggio, +12 sul 28-16, grazie a 5 punti consecutivi di Del Fabbro a 3' dalla pausa lunga. All'intervallo l'Happy è avanti 33-24. La partita cambia radicalmente nella terza frazione: Scandiano trova in pochi minuti tre triple, che ribaltano il risultato, e costringono, dall'altra parte, la RenAuto ad attaccare la schierata. Le rosanero faticano contra la zona 2-3 delle avversarie e non trovano la via del canestro, 36-38 con 4' da giocare nel terzo quarto. A 2' dall'ultima frazione, però, la pressione difensiva rimette in moto la "rumba" rosanero: ne esce un parziale di 5-0 che riporta avanti l'Happy, 41-38. Nell'ultimo minuto la zona ospite crea ancora difficoltà e Scandiano torna avanti, 43-41, all'ultima pausa. Nel quarto quarto c'è aria di battaglia, lo scontro si fa molto fisico e questo non può che agevolare le ospiti, che restano avanti, pur faticando, grazie al prolungato uso della zona che lascia pochissimo spazio all'attacco rosanero. A 5' dalla sirena il tabellone dice 45-50. Le ragazze della RenAuto lottano con tutte le forze, ma le energie cominciano a venire meno e Scandiano può così allungare con qualche libero, 48-54. Finisce 50-54, ma l'Happy esce comunque a testa altissima. «Sono veramente soddisfatto di questo gruppo - spiega coach Rossi - perché le ragazze sono al primo anno di U16, giocano contro squadre più grandi di età, ma non mollano mai. Nelle ultime partite le nostre avversarie sono dovute ricorrere alla zona, perché diversamente avrebbero perso: questa è una grande soddisfazione e testimonia quello di buona che la squadra sta facendo in campo. Le ragazze stanno dando il massimo in palestra e in cinque mesi hanno fatto grandi progressi e, soprattutto, non si arrendono finché non suona la sirena». La RenAuto U16 tornerà in campo alle scuole Bertola mercoledì 20 febbraio, alle ore 18.50, per il match con la Pol.Masi.

A.I.C.S.-HAPPY BASKET 45-47 (11-11; 11-15; 15-8; 8-13), giocata giovedì 7/2 A.I.C.S.: Mouharrar, Calabrese 5, Bargellini, Bertaccini, Bozzi 7, Zoli 7, Cedrini 7, Silighini 9, Sampieri 4, Paleari 4, Zaccheroni, Leardini 2. All. Montuschi HAPPY BASKET: Novelli 8, Nanni 1, La Forgia 6, Palmisano 14, Palmisani, Pignieri 5, Renzi 6, Farinello 7, Borsetti, Lazzarini A.. All. Rossi Arbitro: Medici di Cesena (FC) Nel recupero della 9^ giornata di andata la RenAuto di coach Pier Filippo Rossi è di scena a Forlì contro l'A.I.C.S., seconda forza del campionato: un match importante e pieno di insidie, che le rosanero possono però affrontare con relativa serenità grazie ai 4 punti di vantaggio in classifica che garantirebbero di mantenere la vetta anche in caso di sconfitta. Ma, si sa, nello sport vincere aiuta a vincere e così, anche in una serata in cui la difesa di casa imbriglia l'attacco rosanero, la RenAuto mostra la compattezza ed il carattere che le hanno permesso, fin qui, di restare imbattuta. La partita è spigolosa e non certo bella e l'equilibrio regna sovrano: allo scadere del primo tempo l'Happy è avanti col minimo scarto quando Novelli trova sulla sirena la tripla da metà campo del +4. E' un buon presagio. Nella terza frazione, tuttavia, Forlì è più attenta sui due lati del campo e mette a segno un piccolo parziale che in una serata del genere potrebbe però girare l'inerzia. All'ultimo mini-intervallo l'A.I.C.S. è avanti sul 37-34. Nell'ultima frazione le cose sembrano non cambiare, con le padrone di casa che rimpinguano l'esigua dote di vantaggio, a 4' circa della fine, col canestro del +5. La RenAuto però non è imbattuta per caso e trova insospettabili energie per un finale a senso unico: le padrone di casa non segnano più, mentre l'Happy produce tutto quello che non aveva prodotto in precedenza e si va a prendere una vittoria che pesa tantissimo. «Abbiamo dimostrato grande personalità contro una squadra fisica che difende bene a metà campo - spiega coach Rossi -. Abbiamo sbagliato qualcosa di troppo fallendo il colpo di grazia quando riuscivamo a prendere vantaggio; nell'ultima frazione la situazione si è ribaltata, ma abbiamo trovato una paio di giocate che ci hanno portato al successo. L'abbiamo vinta di carattere». La RenAuto tornerà in campo alla Carim sabato 9 febbraio, alle ore 21.00, per il match con il Capra Team Ravenna.

HAPPY BASKET-A.I.C.S. 45-22 (9-3; 12-5; 14-6; 10-8), giocata martedì 5/2. Tabellino: Oddi 4, Prosperi, Gambetti C., Montemaggi, Gasbarroni, Belhaj 10, Rinaldi, Cartoscella 3, Delvecchio 22, Mancini, Zamagni 6, Brocchi. All. Rusin A volte gli inghippi si trasformano in risorse e così, in una settimana in cui l'influenza la fa da padrona, la RenAuto U13 di coach Gabriele Rusin vola contro Forlì trovando nuove soluzioni. Le cose si mettono bene fin dalla palla a due, col passare dei minuti l'attacco diventa più produttivo e così, dato che la difesa non perde colpi, il risultato non è mai in discussione. Da sottolineare l'ottimo esordio di Nermine Belhaj e la mano caldissima di Emma Delvecchio, top scorer con 22 punti. «Sono molto contento - commenta coach Rusin -, perché le tante assenze ci hanno costretto a ridefinire le responsabilità e la risposta del gruppo è stata super. Le ragazze sono state ordinate e si sono passate bene la palla, ma, soprattutto, in difesa sono state bravissime a sfruttare a proprio vantaggio il fatto di essere più piccole e veloci per rubare una miriade di palloni». La RenAuto U13 tornerà in campo a Faenza sabato 9 febbraio, alle ore 16.30, per il match con il Faenza Futura.

HAPPY BASKET-Valtarese 64-58 (18-11; 15-18; 17-13; 14-16), giocata lunedì 4/2. Tabellino: La Forgia 19, Palmisano 13, Palmisani 17, Pignieri 6, Borsetti 3, Poplawska Li., Poplawska La. 2, Panzeri, Lazzarini A. 4, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi La RenAuto U18 di coach Pier Filippo Rossi non tradisce le attese, batte sul linoleum azzurro delle scuole Bertola la Valtarese e conquista con due giornate di anticipo l'accesso alla terza fase del campionato. La gara rimane in equilibrio per i primi 5', poi, sull'8-8, l'Happy passa a condurre per rimanere in testa fino alla fine. Un parziale di 10-3, costruito sulla difesa e su due triple di Palmisani, manda le squadre al primo mini-riposo sul 18-11. L'avvio di secondo quarto è ancor più rosanero, al punto che la RenAuto, trascinata da La Forgia, tocca il +15 sul 27-12, a 4' dall'intervallo. La Valtarese però è avversaria tosta e con un controparziale di 6-17 si riavvicina alla pausa lunga, 33-29. Le ospiti, precise dalla lunga e nei liberi, riescono a pareggiare ad inizio terzo quarto sul 37-37, ma non concretizzano il possibile vantaggio e così è l'Happy a trovare un nuovo, perentorio, allungo fino al 50-37. In finale di quarto Valtarese rosicchia qualche punto per il 50-42 con cui le squadre si siedono per l'ultima pausa. La quarta frazione comincia bene per l'Happy, ma le emiliane trovano la reazione giusta e, con un parziale di 5-13, hanno più volte in mano la palla del possibile vantaggio. Ancora una volta, però, la RenAuto si salva con la difesa e, quando Palmisano segna il canestro del 59-55, sugli spalti si torna a respirare. Nei minuti finali l'Happy chiude tutti gli spazi, segna quando conta e può così festeggiare un successo pesante. «Sono molto contento - commenta coach Rossi -, perché ci tenevamo a chiudere stasera il discorso qualificazione. E' un risultato importante che premia il lavoro fatto fino ad oggi». La RenAuto U18 tornerà in campo a Faenza lunedì 11 febbraio, alle ore 19.30, per il match con il Faenza Basket Project.

Magika-HAPPY BASKET 55-48 (15-14; 19-3; 9-21; 12-10), giocata domenica 3/2. Tabellino: Poggi 8, Martinini 3, Innocenti 2, Comini, Tiraferri 16, Ricci, Mescolini 1, Gambetti 12, Guiducci, Vergine, Semprini, Del Fabbro 6. All. Rossi La RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi torna da Castel San Pietro con il referto giallo, ma ancora una volta le rosanero giocano una grande partita eccezion fatta per un deficitario secondo quarto, svolta della gara. La Magika è squadra forte, strutturata fisicamente e profonda, ma nonostante questo l'Happy se la gioca alla pari nel primo quarto. La seconda frazione, come detto, è quella decisiva, perché le padrone di casa piazzano un micidiale parziale di 19-3, che porta le squadre al riposo sul 34-17. Sembrerebbe l'anticamera dell'imbarcata, ma non per questo gruppo che, ancora una volta, trova le energie per riaprire la sfida grazie ad un super terzo quarto: all'ultimo mini-intervallo il divario è di appena 5 lunghezze, 43-38, impensabile per come si era chiuso il primo tempo. La RenAuto continua a macinare gioco e arriva addirittura a -2, 49-47, con la palla in mano: l'attacco purtroppo non si concretizza e sul ribaltamento di fronte la Magika trova il canestro del 51-47, che restituisce alle padrone di casa l'inerzia per chiudere il match. «Peccato non essere riusciti a portare la gara punto a punto fino alla fine - spiega coach Rossi -: la squadra se lo meritava per come ha rimontato nella ripresa. La Magika è una squadra molto forte che addirittura ha proposto, cosa mai vista in Under 16, una ventina di minuti di zona 2-3, eppure le ragazze non si sono scomposte ed è bastato spiegare loro come attaccare perché si adeguassero. Abbiamo giocato male il secondo quarto, ma per il resto sono state bravissime». La RenAuto tornerà in campo alla Carim sabato 9 febbraio, alle ore 18.00, per il match con Scandiano.

100 2.0 Women Basket College-HAPPY BASKET 43-59 (6-16; 8-15; 17-18; 12-10), giocata venerdì 1/2. Women Basket College: Baschieri 6, Guerra 2, Melloni 11, Malaguti 2, Bozzoli F. 2, Dinaro, Biagiola 11, Montanari, Garutti, Bozzoli C. 9. All. Bergamini Happy Basket: Novelli 13, Nanni 7, La Forgia 9, Palmisano 4, Palmisani 2, Pignieri 8, Renzi 7, Farinello 6, Borsetti, Lazzarini A. 3. All. Rossi Arbitro: Cascioli di Carpi (MO) Continua la marcia perfetta della RenAuto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero rispettano infatti il pronostico e battono a domicilio Finale Emilia, ultima in classifica, ma decisamente rinforzata rispetto alla gara d'andata. Per 25' comunque non c'è storia, perché la pressione difensiva della RenAuto forza tantissime palle perse che mettono da subito un cospicuo margine tra le squadre: +10 a fine primo quarto, +17 all'intervallo e, addirittura, + 26 a metà della terza frazione. A questo punto Finale comincia a pressare a tutto campo e questo, complice anche un certo appagamento dell'Happy, consente alle padrone di casa di aggiudicarsi l'ultima frazione di un match comunque già ampiamente chiuso. Da ricordare che, ormai da parecchie giornate, la RenAuto non può contare su tre giocatrici importantissime come Re, Tosi e Varlamova, fatto che dà ulteriore risalto ai successi di questo gruppo «Vittoria pesante per andare a Forlì con 4 punti di vantaggio - commenta coach Rossi -: per due quarti e mezzo non c'è stata gara, perché abbiamo fatto un ottimo lavoro difensivo, poi loro ci hanno messo in difficoltà col pressing, ma rischi veri non ne abbiamo corsi. Paghiamo un po' di stanchezza, tra giovanili e Serie C le partite sono davvero tante e dobbiamo recuperare le energie e, possibilmente, qualcuna delle assenti per avere rotazioni più profonde». La RenAuto tornerà in campo a Forlì giovedì 7 febbraio, alle ore 21.15, per il match con l'A.I.C.S., recupero della 9^ giornata di andata.

San Lazzaro-HAPPY BASKET 59-70 (17-21; 13-7; 17-25; 12-17), giocata lunedì 28/1. San Lazzaro: Mantovani, Chichinato 9, Ghigi 23, Benadduce 3, Balboni, Muggioli, Monterumisi 6, Raffaelli 15, Viviani 3. All. Dalè Happy Basket: Novelli 18, Re ne, Nanni 8, La Forgia 13, Palmisano 12, Palmisani, Pignieri 2, Renzi 1, Farinello 12, Borsetti, Lazzarini A. 4. All. Rossi Arbitri: Gallerani e Rimauro di Bologna. E' una RenAuto da dieci in pagella quella che sbanca San Lazzaro, mantenendo l'imbattibilità stagionale: le rosanero di coach Pier Filippo Rossi sfoggiano un sontuoso secondo tempo e colgono l'ennesimo meritato successo. La RenAuto parte bene ed è subito molto produttiva in attacco e così, pur concedendo qualcosa in difesa, chiude sopra di quattro la prima frazione, 17-21. Il secondo quarto è il più complicato, perché l'attacco si inceppa contro la zona di San Lazzaro, che si porta così avanti all'intervallo, 30-28. Al ritorno in campo, però, l'attacco Happy è caldissimo: Novelli e La Forgia guidano le compagne ad un parziale di 25-17 che stende le padrone di casa e porta la RenAuto sul 47-53 all'ultima pausa. Le rosanero aggiungono alla verve offensiva - 6 triple nel secondo tempo - gli aggiustamenti difensivi che danno alla BSL il colpo di grazia: anche l'ultima frazione è vincente e fissa il definitivo 59-70 che vale la decima vittoria in altrettante gare. «Sono molto contento - commenta coach Rossi - vincere contro una squadra ben allenata e valida come San Lazzaro non era facile: le ragazze hanno giocato una partita veramente tosta. Nel secondo quarto non riuscivamo a trovare una via d'uscita contro la loro zona e oltretutto avevamo problemi di falli (ben 25 i liberi realizzati alla fine dal BSL, ndr); nella ripresa abbiamo alzato la pressione e girato meglio la palla in attacco e la partita è cambiata. Le ragazze sono state molto brave, vincere partite come questa è un bel segnale di compattezza». La RenAuto tornerà in campo a Finale Emilia venerdì1 febbraio, alle ore 21.30, per il match con il 100 2.0 Women Basket College.

HAPPY BASKET- Vis Ferrara 70-33 (20-9; 15-10; 20-10; 15-4), giocata sabato 26/1. Tabellino: La Forgia 10, Palmisano 14, Palmisani 14, Pignieri 2, Borsetti 4, Poplawska Li. 4, Poplawska La. 6, Panzeri 4, Lazzarini A. 12, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi Rotondo successo per la RenAuto U18 di coach Pier Filippo Rossi: sul campo della Carim le rosanero battono in scioltezza Ferrara e guadagnano i due punti necessari per mantenersi in seconda posizione dietro il Faenza Basket Project e continuare la corsa verso la successiva fase di campionato. La RenAuto parte subito 6-0 e accumula un vantaggio costante minuto dopo minuto, fatto che consente da subito di ruotare con ampi minutaggi tutte le giocatrici disponibili. All'intervallo lungo, sul punteggio di 35-1,9 la partita è virtualmente già chiusa ed il secondo tempo serve solo ad aumentare il divario tra le contendenti. «Era necessario vincere e lo abbiamo fatto - commenta coach Rossi -: adesso dobbiamo preparare al meglio la sfida con Valtarese, perché sarà il confronto decisivo per decidere chi accederà alla fase successiva». La RenAuto U18 tornerà dunque in campo per questa fondamentale sfida lunedì 4 febbraio, alle ore 20.15, sul campo delle scuole Bertola.