Senza categoria

Basket Santarcangelo-HAPPY BASKET 43-18 (8-4; 17-2; 10-4; 8-8), giocata martedì 12/12. Tabellino: Fulgenzi 3, Kajo 5, Clementi 4, Gambetti 2, Mauro Vairani 2, Pratelli 2, Del Vecchio, Nasufi, Brocchi, Zamagni, Battistel. All. Brancolini Non era certo una partita da vincere quella che vedeva opposte l'U13 di coach Erika Brancolini all'imbattuta capolista Santarcangelo, ma un'occasione per valutare la crescita dell'Happy Basket, quello sì. E contro un'avversaria più avanti tecnicamente e molto più fisica le bimbe della RenAuto vanno sotto solo nella seconda frazione, complice qualche distrazione difensiva ed un paio di errori da sotto in attacco, giocando il resto della gara con intensità e pareggiando meritatamente l'ultimo periodo. Solo quaranta giorni fa la gara andata era finita 3-55, una differenza evidente che testimonia come la strada intrapresa sia quella giusta,. «In attacco dobbiamo crescere, perché siamo ancora troppo timorose nel prendere iniziative - spiega coach Brancolini -, ma in difesa ho visto dei progressi sia nella tenuta dell'uno contro uno che negli aiuti». L’U13 tornerà in campo a Cesena mercoledì 20 dicembre, alle ore 17.15, per il match con la Nuova Virtus.

HAPPY BASKET-Brisighella 71-43 (23-10; 19-6; 7-14; 22-13), giocata sabato 18/11. Tabellino: Vergine 8, Innocenti 4, Del Fabbro 14, Tiraferri 20, Mescolini 6, Ricci 4, Gambetti 12, Guiducci 1, Michelotti 2, Casamenti, Mancusi, Mussoni. All. Giunchi Basta un tempo alla RenAuto U14 di coach Laura Giunchi per aver ragione di Brisighella: le rosanero partono subito forte con un parziale di 23-10 nella sola prima frazione e bissano nel secondo quarto, concedendo appena 6 punti alle avversarie. Al riposo lungo il tabellone dice 42-16 ed il match può già dirsi chiuso. L'Happy ha un piccolo, comprensibile dato lo scarto, calo nel terzo quarto, ma si riprende prontamente nell'ultima frazione, riallunga, e va a vincere in scioltezza.

La doppietta non arriva. Peccato. L’Under 18 gioca una partita gagliarda, combattutissima, senza respiro, ma si deve arrendere al supplementare a Parma. Squadre mai in vantaggio in maniera consistente, tranne un +8 durato poco per le Tigers. Poi tanta lotta, tanti errori ma anche tanta voglia di vincere. Happy quasi sempre sotto nel punteggio e molto in difficoltà sul 21-29 a inizio ripresa. Poi il momento migliore per le nostre girls, che con un parziale di 13-4 ribaltano la sfida e si portano sul 34-33 a due minuti dalla fine del terzo quarto. Non basta, perché il quarto periodo è di un’intensità pazzesca. L’Happy sembra favorita sul 45-42 poi, dopo una buonissima azione difensiva di 24 secondi, arriva una clamorosa tripla di tabella da parte di Parma. Da quel 45 pari in poi è davvero corrida. Sul -1, l’Happy a 20 secondi dalla fine segna un libero e, nell’azione successiva, Parma sbaglia. Si va al supplementare e lì la stanchezza ha il sopravvento, insieme ai problemi di falli (quattro uscite con cinque penalità). Si sbaglia qualche libero di troppo e la preghiera da metà campo, sul -3 al suono della sirena, non ha effetto. Parma si aggiudica la Coppa Emilia Romagna, per l’Happy c’è il secondo posto. Nella finale vanno in doppia cifra per punti le due Greta e Alessia. La Coppa è color argento e non oro, ma un grazie a queste ragazze va dato. Doveroso, e viene dal cuore, ringraziare le tre tra queste che dall’anno prossimo non saranno più under 18 per ragioni d’età: Greta, Federica e Claudia. Grazie a tutte e grazie specialmente a voi. So che ci tenevate. REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – TIGERS PARMA 55-58 (OT) HAPPY: La Forgia 10, Fattori 2, Lisa Poplawska, Laura Poplawska, Borsetti, Palmisani, Muggioli 17, Palmisano 6, Tosi 4, Pignieri 10, Girelli 2, Prasal 4. All.: Rossi. TIGERS: Andriani 4, Rollo 6, Sala, Parizzi 8, Ghezzi 6, Romice, Pastorino 2, Vettori 21, Orlandini 3, Frati, Chierici 6, Stefanini 2. All.: Frazzi. Parziali: 11-11, 21-25, 34-35, 50-50, 55-58.

I numeri non mentono. Sono quelli che raccontano dell’imbattibilità di queste ragazze nella stagione 2016/2017: 25/25, venticinque su venticinque. Applausi, standing ovation e riverenza per le Sharks di coach Rossi, un gruppo che ha avuto la forza di tenere la testa concentrata e di aumentare l’attenzione all’evolversi del grado di difficoltà delle partite. Le sfide importanti, quelle degli ultimi mesi, sono state prese dall’Happy col giusto atteggiamento, con la voglia di prendersi quella Coppa che poi, guarda un po’, è finita veramente nelle mani di Anna e socie verso le 19.40 di sabato 3 giugno. Col Francia, alla Carim, la tensione era inevitabile. Era viva, presente, anche quando l’Happy, peraltro costantemente nella partita, era sopra nel punteggio. Nessuna fuga e allora quel carico enorme di responsabilità era ben visibile. C’è stato da lottare, non si è potuto mollare nemmeno un attimo. 15-12 per noi il primo quarto. 30-23, sempre per noi, all’intervallo. Qualche problema di falli all’inizio, il timore che il Francia recuperasse tutto lo svantaggio. Un groviglio di emozioni contrastanti. È pur vero, d’altra parte, che le nostre son state sempre avanti. Fino al 49-38 conclusivo. E allora lode a loro, a quella tigna e a quegli strappi di carattere. Ai 40 minuti di una Giorgia stellare, ai preziosissimi punti di Greta, alla leadership di Anna, a Marta che torna a lottare senza paura dopo problemini imprevisti. A Laura, Lisa e Laura, in campo con un contributo di energia. A Matilde, che fa esplodere le sue tifose in tribuna quando entra alla fine. Ad Anais, Flavia e Giulia, perché vederle supportare le compagne con forza è uno dei messaggi più belli di questa partita. E poi ad Alessia, perché quella tripla lì… Quella tripla lì… Chi c’era sa REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – F. FRANCIA 49-38 HAPPY: Comini, La Forgia 14, Villa, Mecozzi, Grassia, Pignieri 10, Palmisano 8, Lisa Poplawska 1, Laura Poplawska, Zamboni, Prasal 14, Palmisani 2. All.: Rossi. F. FRANCIA: Carolei 11, Gasparino 2, Zanasi, Meneghetti, Tartarini 9, Mereu, Sibani 1, Degli Esposti 7, Matteuzzi, Marchi 8, Leonelli, Zini. All.: Menichetti. Parziali: 15-12, 30-23, 38-31, 49-38.

È FINALE!!! Anche l’Under 18 arriva all’ultimo atto della stagione in Coppa Emilia Romagna e farà compagnia all’Under 16 in un weekend di marca Happy alla palestra CARIM. Sabato 3 giugno, alle 18, finale Under 16 F. Francia-Happy. Domenica 4 giugno, sempre alle 18, finale Under 18 Tigers Parma-Happy. Poi la festa finale al Colle, sperando di sorridere di due risultati positivi e di due coppe di valore. A Reggio Emilia per l’Happy il compito era facilitato dal +31 dell’andata. Una partita eccellente quella che ha dato l’ampio margine alle ragazze e così, in questo ritorno, bastava non distrarsi. Pur non scintillando, l’Happy a Reggio è stata sempre in vantaggio, quasi sempre di 10 e più punti, col margine finale ridotto dalle ospiti ma senza che mai ci fosse il possesso per il pari o per il vantaggio. Forza ragazze, cariche!!! TRICOLORE REGGIO EMILIA – REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI 63-67 TRICOLORE: Cappelli 10, Ferretti 10, Dallari 2, Munari 6, Russo, Diaby, Bini 27, Cabrera 2, Del Core 4, Goldoni 2, Gualtieri. All.: Perricone. REN-AUTO: La Forgia 10, Fattori 4, Borsetti, Palmisani 6, Muggioli 15, Palmisano 6, Tosi 8, Pignieri 2, Girelli 6, Prasal 10. Parziali: 18-22, 29-39, 47-58, 63-67.

Che gli vuoi dire a queste qua? Niente, non gli puoi dire assolutamente niente. Sono imbattute. Tra 2016 e 2017 hanno visto solo rosa. E adesso sono in finale, un ultimo atto che più meritato non si può. Mica era scontato, anzi. Dopo l’impresa di Calendasco, un +3 ottenuto in trasferta tra mille difficoltà, le girls si sono presentate a ranghi un po’ più compatti, anche se non del tutto in salute, per il ritorno casalingo della Carim. E lì, nel calore ancora non così opprimente della palestra di casa, prima faticano con una Calendasco di qualità che è molto precisa dall’arco (12-9 per l’Happy il primo quarto), poi danno gas e fuggono via. Nel 33-16 del primo tempo ci sono 14 punti di Greta e 13 di una Anna che ha messo il cuore oltre l’ostacolo. Sulla tripla di Alessia, in apertura di ripresa, si capisce che queste ragazze qua, le nostre, non vogliono mollare nulla. Hanno fame di vittoria. Una fame che, siamo sicuri, non è stata saziata da questo 60-42. Ve ne è rimasta ancora un po’, vero? Ecco, restate affamate. Restate leonesse. Ci vediamo tra una settimana… HAPPY BASKET RIMINI – CALENDASCO 60-42 HAPPY: Comini 2, La Forgia 19, Villa, Mecozzi, Pignieri 9, Palmisano 4, Lisa Poplawska 1, Laura Poplawska 4, Palmisani 17, Zamboni, Prasal 4. All.: Rossi. CALENDASCO: Torrembini, Sala 3, Ciarlesi, Losi 2, Cremona 14, Ferrari, Bastia 2, Lavezzi 13, Cicalini 2, Laurito, Agolini 6, Carini. All.: Merli. Parziali: 12-9, 33-16, 46-26, 60-42.

+31. Semifinale d’andata di Coppa Emilia Romagna. Opera non completata, c’è ancora il ritorno. Ma +31. Il che, se permettete, va più che bene. L’Happy mette una discreta ipoteca sulla finale vincendo la prima sfida col Tricolore Reggio Emilia per 78-47. Match importante, con tensione nell’aria all’inizio, ma anche sfida presa bene dal nostro gruppo, che si ritrova a +4 nel primo quarto ma poi mette il turbo per volare fino al 38-22 dell’intervallo. L’idea, a quel punto, è che non ci si possa affatto rilassare, in fondo i 40 minuti della Bertola sono solo il primo tempo di un film il cui finale verrà scritto solo mercoledì prossimo a Reggio. E allora tanta grinta, una spruzzata di zona e buone cose da tutte le ragazze coinvolte. La chiave è il 27-13 degli ultimi dieci minuti di gioco. Fondamentale nell’economia del doppio confronto. Si arriva al +31, ben sapendo che per la finale servirà non abbassare la guardia e giocare con lo stesso spirito competitivo anche tra una settimana. Nello score finale segnaliamo i 18 di little Greta (con 8/10 al tiro), con la squadra che non va molto lontano dal 50% dal campo. Ora testa alta e a mercoledì, vietato distrarsi. REN-AUTO HAPPY BASKET RIMINI – TRICOLORE REGGIO EMILIA 78-47 REN-AUTO: La Forgia 18, Fattori 4, Borsetti 1, Laura Poplawska 2, Palmisani, Muggioli 13, Palmisano 13, Lisa Poplawska, Pignieri 5, Girelli 16, Prasal 4. All.: Rossi. TRICOLORE: Ferretti 6, Dallara 2, Notari 4, Munari 8, Russo, Diaby, Bini 10, Cabrera, Cappelli 17. All.: Perricone. Parziali: 18-14, 38-22, 51-34, 78-47.

Ci sono partite ordinarie e partite “diverse”. Gare normali di regular season prese così, come viene, e match intensi, con una posta in palio di livello incredibilmente alto. Insomma, partite speciali. Come quella dell’Under 16 a Calendasco, la semifinale d’andata. In stagione l’Happy le ha vinte tutte, TUTTE, e allora, forse, qualcuno potrebbe pensare a un impegno tutto sommato soft, semplice o giù di lì. Una vittoria da portare a casa in scioltezza… E invece no, perché Calendasco è squadra di alto valore e perché l’Happy si presenta all’appuntamento senza due pedine fondamentali del quintetto, Alessia e Giorgia. L’inizio è ottimo, con l’Happy che vola sul +11 a fine primo periodo sul 10-21. Poi si fa un po’ più fatica, perché Calendasco dimostra il suo valore e perché l’Happy non riesce più a contenere come prima i punti di forza avversari. Si va all’intervallo sul +5 (28-33) e a fine terzo il vantaggio si riduce ancora di più (41-43). È una partita al cardiopalma, con entrambe le squadre consapevoli che si tratta solo dei primi 40 minuti sugli 80 disponibili, ma anche con la voglia da parte dell’Happy di mantenere l’imbattibilità stagionale. Nel quarto periodo non si segna praticamente mai, col parziale del quarto che segna un ridottissimo 5-6. Basta e avanza per le Sharks, strepitose per carattere e nervi saldi (in 3, su 8 a referto, con 4 falli alla fine) fino al 46-49 finale. Lo score recita che in doppia cifra per punti segnati ci cono andate Greta (20) e Marta (11). Da segnalare la super di difesa di Anna nelle fasi decisive sulla pericolosa Lavezzi. Venerdì prossimo si gioca in casa NOSTRA, per arrivare in finale bisogna completare l’opera. Forza leonesse CALENDASCO-HAPPY 46-49 CALENDASCO: Cicalini, Sala 2, Torrembini, Agolini 6, Ciarlesi, Losi 4, Cremona 8, Ferrari 2, Bastia, Laurito, Carini, Lavezzi 22. All.: Merli. HAPPY: Comini, La Forgia 20, Villa, Palmisano 11, Lisa Poplawska 5, Laura Poplawska 4, Palmisani 6, Zamboni 3. All.: Rossi. Parziali: 10-21, 28-33, 41-43, 46-49.