Prima Squadra

Magika Castel San Pietro vs REN-AUTO 80-61 (18-19; 20-8; 22-19; 20-15), giocata sabato 29/4. Magika: Roccato 2, Venturoli 6, Rosier 22, Zuffa, Rizzati 10, Panighi, Melandri 9, Cerè 11, D’Agnano 17, Daidone 3. All.re Naldi. REN-AUTO: Novelli 2, Mecozzi 2, Pratelli, Duca E. 11, Pignieri 8, Duca N. 10, Borsetti, Capucci 21, Benicchi, Mescolini, Gambetti 2, Mongiusti 5. All. Maghelli Arbitri: Resca e Manzi. Per la penultima giornata della poule playoff alla Ren-Auto di coach Andrea Maghelli spetta l'impegnativa trasferta sul campo della capolista Magika: dopo il netto successo a Fiorenzuola le rosanero non hanno niente da perdere e possono giocare a mente libera. Coach Maghelli parte con Novelli, Capucci, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro dell'incontro lo segnano le padrone di casa, ma Capucci pareggia subito. Dopo 5' in assoluta parità la Ren-Auto trova il primo vantaggio con un canestro di Noemi Duca, ben imbeccata in transizione da Capucci, 8-10; la stessa Capucci buca la difesa e appoggia il +4 l'azione successiva. La Magika pareggia, ma ancora la scatenata Capucci, questa volta con una tripla, tiene avanti le rosanero, 14-17. Alla prima pausa la Ren-Auto è avanti di una sola lunghezza sul 18-19. Il primo canestro del secondo quarto lo segna Noemi Duca con una sospensione dal gomito sinistro dell'area, 18-21. Castel San Pietro non ci sta, deve vincere per mantenere la testa della classifica e si scuote: parziale di 11-2 e partita ribaltata, 29-23. Le padrone di casa chiudono la frazione in crescendo e all'intervallo sono sopra di 11, 38-27. Al rientro in campo non cambia praticamente nulla in termini di punteggio e tra le due squadre rimangono 11 punti di distacco, almeno fino all'incredibile epilogo: Capucci appoggia il canestro del 57-46, ma Rosier segna sulla sirena dalla propria lunetta il più clamoroso dei buzzer beater. All'ultima pausa Castel San Pietro è in controllo 60-46. La prima metà del quarto quarto è tutto di marca biancoazzurra, ma la Ren-Auto ha il merito di continua a lottare e segna qualche bel canestro. Lo sforzo tuttavia non è sufficiente a riaprire il match. Finisce 80-61. «Tutto sommato abbiamo tenuto - spiega coach Maghelli - e lo scarto si deve soprattutto al fatto che loro hanno segnato parecchi canestri difficili e noi, al contrario, sbagliato soluzioni comode. Sembra strano dirlo quando si subiscono 80 punti, abbiamo difeso nella maniera giusta, ma loro sono state brave a segnare anche in condizioni proibitive e questo ci ha un po' tagliato le gambe. In attacco invece potevamo fare di più, perché abbiamo sbagliato tiri ben costruiti e non siamo riuscite a sfruttare, per errori di lettura, alcune situazioni vantaggiose. Le ragazze hanno comunque disputato una buona gara». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 6 maggio, alle ore 20.30, per il derby con la Libertas Forlì, ultima gara della stagione.

Fiore Basket vs REN-AUTO 52-71 (13-23; 15-20; 11-15; 13-13), giocata sabato 22/4. Fiore Basket: Patelli 3, Lekreessane 4, Longeri, Cremona 7, Negri 3, Bertoni 13, Sambou 5, Meschi 13, Zane 4, Nonni. All. Russo REN-AUTO: Novelli 9, Duca E. 14, Pignieri 14, Duca N. 13, Renzi 2, Borsetti 2, Capucci 7, Benicchi 7, Tiraferri 3, Mescolini, Gambetti. All. Maghelli Arbitri: Salatti e Moro Per la terzultima giornata della poule playoff alla Ren-Autp spetta la trasferta più lunga del campionato, quella a Fiorenzuola D'Arda: nessuna delle squadre ha nulla da chiedere al match in termini di classifica, ma ad entrambe la vittoria interessa, per rispettare il fattore campo, Fiorenzuola, o per spezzare una serie negativa, la Ren-Auto. Coach Andrea Maghelli parte con un quintetto composto da Capucci, Tiraferri, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro dell'incontro lo segnano le padrone di casa, ma Eleonora Duca, bene imbeccata in transizione dalla gemella Noemi, segna in appoggio, subisce fallo e realizza il libero aggiuntivo, 2-3. La numero 9 rosanero segna i primi 6 punti della Ren-Auto, ma Fiorenzuola ne segna uno in più, 7-6. Una scatenata Alessia Pignieri firma il parziale di 5-0 che ribalta momentaneamente la contesa, 7-11. La Ren-Auto è in controllo, chiude bene in difesa e riparte veloce capitalizzando praticamente ogni possesso: altri 7 punti allungano a 14-0 il parziale, 7-20 a 1'45" dalla prima pausa. Un bel primo quarto si chiude sul punteggio di 13-23. Il primo canestro della seconda frazione lo segna Fiorenzuola, ma la Ren-Auto risponde con una gancio di Renzi e un canestro in fade-away di Noemi Duca, 15-27. Le padrone di casa provano a riavvicinarsi e con una paio di buone difese tornano a -7, ma la Ren-Auto non si scompone e con pazienza arriva, grazie ad una tripla frontale di Capucci, al massimo vantaggio, +16 per il complessivo 25-41, a poco meno di 1' dall'intervallo. Fiorenzuola mette una tripla, ma sulla sirena Pignieri trova ancora la via del canestro: si va al riposo lungo sul 28-43. Ottimo primo tempo della Ren-Auto attenta in difesa, soprattutto a chiudere l'area, ed efficace in attacco, sia in transizione che contro la difesa schierata. Le padrone di casa limitano i danni grazie a qualche tripla. Al ritorno in campo la musica non solo non cambia, ma la Ren-Auto alza il volume e trova la via del canestro in tutti i modi: una tripla di Tiraferri dall'angolo e un gioco da tre punti di Noemi Duca valgono addirittura il +23, 33-56. Nel finale di quarto le padrone di casa riducono leggermente lo svantaggio, ma la Ren-Auto chiude comunque il parziale avanti di 19 sul 39-58. Nel quarto quarto, con la partita sostanzialmente già in ghiaccio, la Ren-Auto ritrova la miglior verve offensiva e allunga nuovamente fino al +25, nuovo massimo vantaggio, 44-69. Gli ultimi minuti servono solo a fissare il punteggio: finisce 52-71. «Le ragazze sono state brave - spiega coach Maghelli -, perché sono subito partite con la giusta intensità e hanno immediatamente dato la propria impronta alla partita. Questo di fatto ci ha permesso giocare in controllo fin dal primo quarto. C'è stato solo un momento nella terza frazione in cui per qualche minuto ci siamo un po' bloccate, ma la cosa non ci ha creato problemi. Già dalla settimana scorsa si erano visti segnali di miglioramento soprattutto nell'atteggiamento e stasera abbiamo meritatamente raccolto il frutto del lavoro delle ultime settimane». La Ren-Auto tornerà in campo a Castel San Pietro (BO) sabato 29 aprile, alle ore 20.30, per il match con la Magika.

REN-AUTO vs Puianello Basket Team 75-76 (25-13; 3-12; 21-18; 17-23; 9-10), giocata sabato 15/4. REN-AUTO: Novelli, Mecozzi, Duca E. 16, Pignieri 6, Duca N. 19, Renzi, Borsetti, Capucci 11, Benicchi 1, Tiraferri 22, Mescolini, Mongiusti. All. Maghelli Puianello: Oppo 3, Moretti 14, Manzini 17, Luppi, Albertini, Dettori 17, Dzinic 10, Cherubini, Raiola 14, Torelli, Boiardi 1, Graffagnino. All. Giroldi Abitri: Meli e Guerrini Dopo la pausa pasquale la Ren-Auto di coach Andrea Maghelli torna alla Carim in cerca di riscatto dopo due prove negative e affronta Puianello, altra squadra in un momento no: le ospiti hanno in classifica il doppio dei punti delle rosanero, ma hanno vinto, così come la Ren-Auto, una sola partita nel girone di ritorno per di più di un solo punto contro Fiorenzuola ultima in classifica. Inutile aggiungere che la vittoria sarebbe un toccasana per entrambe le formazioni, pur con significati di classifica diversissimi. Coach Maghelli sceglie un quintetto composto da: Capucci, Tiraferri, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. La partenza della Ren-Auto è da sogno: 4 punti di Noemi Duca, 2 di Pignieri e una tripla di Tiraferri valgono il 9-0 iniziale. Puianello segna un libero e una tripla e si mette in partita, 9-4. Nel primo quarto sono comunque le rosanero a comandare, organizzate e lucide in attacco e letali in difesa: Eleonora Duca guida l'offensiva con 8 punti negli ultimi minuti e Pignieri chiude il quarto con un gioco da tre punti. All'intervallo la Ren-Auto è avanti di 12 sul 25-13. Di tutt'altro tenore la seconda frazione: Puianello comincia a pressare forte poco prima della metà campo e manda in confusione l'attacco rosanero, al punto che, quando non perde palla, la Ren-Auto sbaglia comunque almeno un paio di transizioni comode. D'altra parte la difesa tiene, ma Puianello approfitta, oltre ai contropiedi innescati dai recuperi, della netta superiorità fisica per avere secondi e terzi tiri. Le ospiti vincono il quarto 12-3 e si va così al riposo con un solo possesso tra le squadre, 28-25. Al ritorno in campo la Ren-Auto è scatenata: tre triple consecutive, due di Tiraferri e una di Eleonora Duca, fruttano il nuovo +12, 37-25. La Ren-Auto gioca meglio, ma Puianello resta scia e torna anche a -4. All'ultimo intervallo le rosanero hanno comunque due possessi pieni di vantaggio, 49-43. Nell'ultima frazione le rosanero sembrano in controllo e mantengo 8 punti di vantaggio a meno di 2' dalla fine, grazie a due liberi di Tiraferri, 66-58. A questo punto però sale in cattedra Raiola, che guida Puianello ad una veemente rimonta. Non solo, quando sul 66-65 la Ren-Auto perde palla, con una manciata di secondi da giocare, Pignieri ferma Dettori con un fallo antisportivo. La numero 11 ospite però fa 1/2 dalla lunetta e a nulla valgono gli ultimi disperati tentativi di muovere ulteriormente il punteggio. Si va al supplementare sul 66-66. Eleonora Duca con un gioco da tre punti accende subito l'overtime, 69-66; Puianello risponde con un 6-0 che ribalta la contesa, 69-72. Controparziale Ren-Auto, ancora 6-0, grazie ad una tripla e a un libero di Capucci e ad un canestro di Eleonora Duca, 75-72. Nuovamente, però, Puianello accorcia, 75-74. Dopo un paio di azioni concitate Puianello può giocare l'attacco per vincere con 14" per l'azione d'attacco e 17" in totale alla fine. La difesa lavora benissimo, chiude ogni passaggio, ma propio all'ultimo, sul tuffo di una giocatrice rosanero, la palla carambola su un'avversaria e finisce a Raiola che si butta dentro e subisce fallo. Inizialmente gli arbitri assegnano due liberi alla giocatrice di Puianello, poi, dopo un consulto al tavolo, ribaltano la decisione e comminano un'infrazione di 24" alle ospiti e quindi palla alla Ren-Auto con 3" da giocare. Altro consulto concitato e nuovamente due liberi a Raiola, che, nonostante la bagarre e la pausa forzata, fa 2/2 e riporta in vantaggio Puianello, 75-76. La Ren-Auto prova a costruire un tiro negli ultimi 3", ma la difesa ospite tiene e la partita finisce dopo 45' di grande intensità. «E' stata una partita particolare - attacca coach Maghelli -, ma innanzitutto voglio fare i compimenti alle ragazze che in difesa si sono battute in tutti i modi possibili, anche se poi in attacco qualcosa abbiamo sbagliato. Partita vinta due volte e persa due volte in maniera rocambolesca, con un rimpallo che ci ha condannato dopo l'ennesima ottima difesa. Le ragazze hanno sempre lottato, nonostante abbiano preso onestamente qualche botta di troppo e peccato che non siamo riuscite a portarla a casa, perché penso avessimo meritato di vincerla, ma evidentemente nell'ultima azione la fortuna non ha girato dalla nostra parte». La Ren-Auto tornerà in campo a Fiorenzuola D'Arda (PC) sabato 22 aprile, alle ore 18.00, per il match con il Fiore Basket.

Basket Cavezzo vs REN-AUTO 85-50 (19-9; 33-9; 14-15; 19-17), giocata sabato 1/4. Cavezzo: Siligardi 5, Denti 14, Zanoli 13, Cariani 16, Kolar 9, Marchetti 9, Maini, Andreotti 4, Costi 10, Calzolari 1, Bellodi, Pronkina 4. All. Piatti REN-AUTO: Novelli 2, Mecozzi, Pratelli, Duca E. 2, Pignieri 20, Duca N. 15, Borsetti, Capucci 2, Tiraferri 1, Puliti, Mongiusti 8. All. Maghelli Sfida estremamente impegnativa per la Ren-Auto che viaggia lungo la via Emilia per far visita alla capolista Cavezzo: pronostico sulla carta tutto per le padrone di casa con le rosanero che, d'altra parte, devono provare a dare fastidio. Coach Maghelli sceglie un quintetto composto da Novelli, Capucci, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. Cavezzo parte subito forte con un canestro ed una tripla; i primi punti della Ren-Auto li segna Capucci con un 2/2 dalla lunetta. Fino al 7-4 il primo quarto rimane in equilibrio, poi le emiliane cominciano a segnare a raffica dalla lunga distanza e, con un parziale di 8-0, allungano fino al 15-4. La Ren-Auto in attacco non è precisa, perde troppi palloni e anche quando costruisce bene e sbaglia tanto. Cavezzo al contrario dimostra di valere il primo posto e sbaglia pochissimo, 19-5. Due canestri consecutivi di Noemi Duca permetto alle rosanero di accorciare e di chiudere il quarto sul 19-9. L'ennesima tripla di Cavezzo apre la seconda frazione, 22-9. Le padroni di casa passano a zona e pressano dalla rimessa forzando parecchie palle perse, ma Noemi Duca e Pignieri provano comunque a tenere le rosanero in linea di galleggiamento, 26-14. Purtroppo non basta perché Cavezzo strappa ancora e con un parziale di 20-0 vola sul 46-14. Pignieri dalla lunetta interrompe una lunghissima secca, che però non ferma l'avanzata delle padrone di casa: Cavezzo non sbaglia praticamente mai e chiude il primo tempo, e di fatto il match, avanti di 34 lunghezze sul 52-18. La Ren-Auto rientra in campo nel secondo tempo con l'obbligo morale di onorare la partita e di provare almeno ad aggiudicarsi i rimanenti parziali: missione compiuta nel terzo quarto, vinto 15-14, grazie ad una difesa più attenta e ad un attacco meno frettoloso. Nell'ultima frazione però Cavezzo torna a segnare da tre con continuità, ma è nuovamente Pignieri, 20 punti per lei, a ristabilire l'equilibrio parziale. Finisce 85-50. «Un tempo non lo abbiamo giocato - commenta coach Maghelli -, è come se non fossimo entrate in campo. Nel secondo un minimo di reazione c'è stato, ci abbiamo messo un po' più di energia, ma sempre con poco lucidità: sono due partite in fila in cui in campo non riusciamo a fare quello che proviamo in allenamento. Cavezzo ha segnato tanto, ma le abbiamo messe in fiducia noi come già era capitato la settimana scorsa, perché in questo momento non riusciamo a prendere iniziativa né in attacco, né in difesa e le nostre avversarie non fanno fatica. Abbiamo giocato una grande prima fase e ci eravamo fatte delle aspettative: capisco che i risultati negativi della seconda parte di stagione abbiano portato delusione e stanchezza mentale, ma non possiamo mollare così, dobbiamo giocare fino in fondo per onorare quanto di buono abbiamo fatto». La Ren-Auto tornerà in campo alla palestra Carim sabato 15 aprile, alle ore 20.30, per il match con il Puianello Basket Team.

Pall. Scandiano vs REN-AUTO 56-86 (19-29; 15-13; 18-21; ), giocata sabato 25/3. REN-AUTO: Novelli 2, Mecozzi, Madonna, Pratelli, Duca E. 7, Pignieri 14, Duca N. 13, Borsetti, Capucci 4, Tiraferri 12, Gambetti, Mongiusti 4. All. Maghelli Scandiano: Fedolfi 16, Pignagnoli 4, Brevini, Balboni 12, Marino 3, Meglioli A. 9, Bocchi 2, Teti 3, Pellacani 6, Cantore 7, Meglioli E. 24, Nalin. All. Pozzi Arbitri: Zambelli e Onofri La Ren-Auto di coach Andrea Maghelli torna alla Carim dopo quasi un mese per provare a prolungare la striscia positiva e rimanere sola al quinto posto in classifica: rosanero e Scandiano sono infatti appaiate a 10 punti, con le padrone di casa che rimpiangono i due punti praticamente regalati all'andata. Coach Maghelli deve fare a meno di Benicchi e Renzi e sceglie di partire con un quintetto composto da: Capucci, Pignieri, Mongiusti, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro del match lo segna Scandiano, una tripla, ma Pignieri risponde subito con un bel lay-up in traffico. Le emiliane sono più reattive, mettono immediatamente un'altra tripla e un canestro in transizione per il 2-8 che costringe coach Maghelli all'immediato time-out. Dopo la sospensione Scandiano segna la terza tripla su altrettanti tentativi, ma ancora Pignieri risponde, 4-11. L'inizio di partita di Scandiano ha dell'incredibile: altre due triple, 5/5, e due canestri danno il massimo vantaggio alle ospiti, 6-21. Pignieri e Noemi Duca trovano due ricezioni profonde e muovono il punteggio, 10-21. La Ren-Auto reagisce e torna a -10 con le gemelle Duca sugli scudi, 13-23 a 3' dalla prima pausa. Scandiano allora passa a difendere con una zona 2-3 allungata che le rosanero però bucano con un paio di canestri pesanti di Tiraferri, 19-29. La Ren-Auto ha l'ultima occasione con 9" sul cronometro ma il tiro non entra e il punteggio non cambia. In avvio di secondo quarto le rosanero tornano a -7 con un libero di Pignieri e un canestro in contropiede di Noemi Duca, 22-29. E' un ottimo momento per la Ren-Auto che chiude bene in difesa, anche perché le percentuali di Scandiano inevitabilmente si normalizzano, ed è fluida in attacco: ancora Tiraferri segna la tripla del -3, 27-30. La partita sembra completamente riaperta e invece Scandiano riallunga, complice una serie di errori al tiro della Ren-Auto, 29-37 a 4'30" dall'intervallo lungo. Per fortuna Tiraferri è scatenata e colpisce ancora da tre; Noemi Duca aggiunge una sospensione dal gomito e il margine torna ad un possesso, 34-37. Ancora una volta però l'inerzia si ribalta, più che altro perché la Ren-Auto sbaglia almeno tre canestri facili, al contrario di Scandiano che non regala nulla. Parziale di 5-0 delle ospiti, che sbagliano anche due liberi a tempo quasi scaduto, e primo tempo che si chiude sul 34-42. Il primo canestro della ripresa lo segna Scandiano ed è la tripla che riporta il divario in doppia cifra, 34-45. In campo adesso c'è una squadra sola: Scandiano fa tutto bene ed è in totale fiducia, al contrario della Ren-Auto che non riesce a sbloccarsi. A 4' dall'ultima pausa il divario è pesante, -18 sul 41-59. La Ren-Auto prova a scuotersi e con un buon finale di frazione rosicchia sette punti e tiene viva la partita, 52-63 all'ultimo intervallo. Pignieri segna il primo canestro del quarto quarto e riporta lo scarto sotto la doppia cifra, 54-63. E' ancora Scandiano però a trovare il parziale: 7-0 e nuovo allungo, 54-70. Gli ultimi 5' servono solo a sancire l'ulteriore sprint dell'emiliane che vincono con pieno merito. Finisce 56-86. «Innanzitutto complimenti a Scandiano che ha giocato bene e tirato con percentuali altissime - attacca coach Maghelli -. Gli ultimi 50" del primo tempo hanno pesato, perché potevamo chiudere praticamente pari e invece abbiamo rischiato di finire a -10 con una serie di errori "gratuiti" su tiri comodi, ma a dire il vero eravamo comunque già in confusione, non abbiamo fatto le scelte giuste e siamo state poco lucide contro il loro tipo di difesa. A inizio terzo quarto Scandiano ha preso fiducia e a quel punto la confusione è aumentata e non ci abbiamo capito più niente». La Ren-Auto tornerà in campo a Cavezzo (MO) sabato 1 aprile, alle ore 21.00, per il match con il Basket Cavezzo.

Scuola Basket Samoggia vs REN-AUTO 57-60 (11-17; 14-17; 14-13; 18-13), giocata domenica 19/3. SBS: Scandellari, Bortolani 3, Palmieri 22, Tartarini 6, Bernardini, Venturi, Cattabiani 9, Grandini 5, Melloni 10, Zarfaoui 2, Ronchetti, Parrinello. All. Palmieri REN-AUTO: Novelli 7, Mecozzi, Pratelli, Duca E. 16, Pignieri 13, Duca N. 11, Capucci 3, Tiraferri 8, Mescolini, Gambetti, Mongiusti 2. All. Maghelli Arbitri: Gaudenzi e Neri Dopo il successo nel derby la Ren-Auto di coach Maghelli fa il bis, ancora in trasferta, e questa volta porta a casa uno scalpo pesante: le rosanero espugnano infatti il campo di una delle capoliste, la Scuola Basket Samoggia, fino ad oggi avanti 3-0 negli scontri diretti stagionali. Dopo la palla due la Ren-Auto parte subito fortissimo, trascinata dalla verve offensiva di Eleonora Duca e Alessia Pignieri, autrici dei primi 11 punti della squadra, e da una difesa solidissima. La prima frazione si chiude sull'11-17 e la seconda segue più o meno lo stesso canovaccio, al punto che all'intervallo la Ren-Auto è avanti di 9, 25-34. Nel terzo quarto Samoggia, a zona 1-3-1 da metà della seconda frazione, riesce a riavvicinarsi con un parziale di 6-0, ma la reazione rosanero è veemente e il vantaggio tocca anche la doppia cifra. Le padrone di casa limano qualcosa e si arriva così all'ultima pausa sul 39-47. Il quarto quarto è una battaglia con Samoggia che, ovviamente, tenta il tutto per tutto per ribaltare la contesa: a 27" dalla sirena, con la Ren-Auto avanti di 3, Novelli perde palla a centrocampo e concede alle emiliane l'appoggio del -1. La capitana rosanero si fa però immediatamente perdonare nell'azione decisiva: Samoggia commette subito fallo per fermare il cronometro, ma Novelli, fredda come il ghiaccio, realizza i due liberi che di fatto chiudono la gara. Finisce 57-60. «Le ragazze sono state davvero brave - spiega coach Maghelli - perché siamo stati praticamente avanti per tutta la partita. Nel finale, quando Samoggia si stava riavvicinando, sono riuscite a mantenere la calma e a punire dalla lunetta con un 5/6 pesantissimo. Sapevamo che avrebbero usato molto la difesa 1-3-1 ed eravamo pronte: abbiamo attaccato bene quella a tutto campo e trovato soluzioni credibili, giocando semplice, anche contro quella a metà campo. La chiave è stata comunque la difesa: la squadra ha lavorato bene per tutta la partita anche quando ho chiesto determinati adattamenti in situazioni particolari. C'è stata grande concentrazione, avevamo una gran voglia di vincerla e si è visto nel finale». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 25 marzo, alle ore 20.30, per il match con la Pall.Scandiano.

Libertas Forlì vs REN-AUTO 56-57 (16-12; 16-17; 10-14; 14-14), giocata sabato 11/3. Libertas: Shlyakhtur, Vespignani 12, Bernabè 6, Montanari 4, Pieraccini 2, Valensin 21, Ronchi, Pierich, Giorgetti, Silighini 9, Balestra 2, Ragghianti. All. Brighina REN-AUTO: Novelli 2, Mecozzi, Duca E. 11, Pignieri, Duca N. 11, Renzi 4, Borsetti, Capucci 12, Benicchi 2, Tiraferri 15, Mescolini, Mongiusti. All. Maghelli Arbitri: Moro e Aly Belfadel La Ren-Auto di coach Andrea Maghelli va a vincere il derby contro la Libertas Forlì al Pala Romiti e si toglie la proverbiale scimmia dalla spalla: al termine di 40' molto combattuti le rosanero prevalgono di una sola lunghezza e possono finalmente festeggiare la prima vittoria della poule playoff. Dopo la palla a due è la Ren-Auto a partire meglio, ma le padrone di casa rimontano e chiudono il primo quarto avanti di quattro sul 16-12. Dalla seconda frazione in poi è l'Happy a dettare il ritmo e a mantenersi quasi sempre in testa in una partita caratterizzata comunque da strappi, più che da una leadership consolidata di una delle due squadre. Da sottolineare l'impatto di Agnese Tiraferri, classe 2004, decisiva con le sue quattro triple contro la zona 2-3 che Forlì utilizza per tutti i 40'. Se la difesa delle padrone di casa ha il merito di chiudere l'area e di impedire alla Ren-Auto di giocare profondo, le rosanero chiudono la via del proprio canestro con energia ed aggressività e quello che ne esce è una partita dal punteggio piuttosto basso. Nel finale la Libertas recupera un paio di possessi e torna avanti a meno di 1' dalla sirena, ma ancora Tiraferri, questa volta con un bell'arresto e tiro dopo una finta, dà il vantaggio alle rosanero. Forlì sbaglia il primo tentativo di sorpasso, commette immediatamente fallo e sbaglia nuovamente a pochi secondi dalla fine, dopo uno 0/2 di Renzi dalla lunetta. La Ren-Auto può finalmente festeggiare, finisce 56-57. «Non era facile vincere contro una squadra in fiducia che ci ha fatto 40' di zona 2-3 - commenta coach Maghelli -, anche perché noi al contrario veniamo da un periodo difficile. Le ragazze sono state concentrate, hanno ridotto gli errori banali e fatto buone scelte nella maggior parte dei casi. La loro difesa molto chiusa non ci ha permesso di giocare in velocità come al solito, ma abbiamo preso molti rimbalzi in attacco che ci hanno concesso secondi tiri. Nel finale avevo chiesto di non rischiare e di cercare giocate semplici, così abbiamo abbassato il ritmo e allungato i possessi e siamo state brave a portarla a casa». La Ren-Auto tornerà in campo ad Anzola (BO) domenica 19 marzo, alle ore 18.00, per il match con la Scuola Basket Samoggia.

REN-AUTO vs Magika Castel San Pietro 45-50 (12-8; 10-16; 12-18; 8-11), giocata sabato 4/3. REN-AUTO: Novelli 2, Mecozzi, Duca E. 8, Pignieri 7, Duca N. 4, Renzi, Borsetti 3, Capucci 6, Benicchi 4, Tiraferri 9, Gambetti, Mongiusti 2. All. Maghelli Magika: Roccato 8, Venturoli, Rosier 12, Zuffa 2, Rizzati 2, Melandri 10, Cerè, Cordisco, D'Agnano 14, Daidone 2. All. Naldi Arbitri: De Palo e Ercolini Alla palestra Carim va in scena il terzo incontro stagionale tra la Ren-Auto di coach Andrea Maghelli e la Magika Castel San Pietro: se nella prima fase il bilancio degli scontri diretti è stato in pareggio, ben diverso è, al momento, il rapporto vinte/perse nella poule playoff. Le ospiti hanno infatti vinto quattro partite sulle cinque disputate, sconfitte solo dalla capolista Cavezzo, mentre la Ren-Auto è ancora alla ricerca della prima gioia, nonostante partite quasi sempre giocate alla pari. Coach Maghelli parte con un quintetto composto da: Capucci, Pignieri, Renzi, Eleonora e Noemi Duca. Il primo quarto è estremamente equilibrato e le squadre molto contratte: tantissimi errori, difese che giganteggiano e punteggio basso. Al 10' la Ren-Auto è avanti sul 12-8. Nel secondo quarto le ospiti reagiscono e muovono la palla decisamente meglio; la difesa rosanero tutto sommato tiene, ma in attacco le percentuali non migliorano, nonostante la buona costruzione dei tiri. La Magika vince la frazione e passa in vantaggio: si va alla pausa lunga sul 22-24. Al ritorno in campo la Magika segna quel tanto di più che basta per provare a scappare: il parziale è praticamente lo stesso del secondo quarto e si arriva così all'ultima pausa con la Ren-Auto sotto di 8, 34-42. Nell'ultima frazione le rosanero tentano il tutto per tutto e si riavvicinano grazie ad una difesa impenetrabile e a tanti palloni recuperati: purtroppo però gli errori in attacco sono ancora decisivi e le ospiti sono brave a gestire il vantaggio, significativo in una partita a punteggio così basso. Finisce 45-50. «Stasera abbiamo avuto l'atteggiamento giusto per tutta la partita - spiega coach Maghelli - e abbiamo creato tantissimo, ma purtroppo non abbiamo fatto canestro. Nel finale abbiamo aumentato l'energia e prodotto un grandissimo sforzo per provare a ribaltare il risultato: abbiamo recuperato tantissimi palloni, ma sbagliato due lay-up e a quel punto la partita è finita. Molto bene la difesa, abbiamo concesso solo 50 punti, ma è impossibile vincere se ne segni 45. Inevitabilmente i risultati negativi ci condizionano e abbiamo paura di sbagliare, ma, ripeto, l'atteggiamento è stato quello giusto. Non dobbiamo pensare alla classifica, ma giocare ogni volta con questa intensità, con cattiveria e cinismo per vincere il maggior numero possibile delle partite che rimangono». La Ren-Auto tornerà in campo a Forlì sabato 11 marzo, alle ore 20.45, per il match con la Libertas.

REN-AUTO vs Fiore Baket Valdarda 57-64 (15-12; 16-9; 14-25; 12-18), giocata sabato 25/2. REN-AUTO: Novelli 5, Duca E. 6, Pignieri 13, Duca N. 9, Renzi 8, Borsetti, Capucci 8, Lazzarini, Benicchi 2, Tiraferri, Gambetti, Mongiusti 6. All. Maghelli FBK Valdarda: Patelli 3, Lekre 6, Cremona, Negri, Bertoni 2, Sambou, Meschi 24, Zane 4, Nonni, Binelli, Yamble 23, Rastelli 2. All. Russo Arbitri: Zambelli e Casavecchia Per la quinta giornata della poule playoff la Ren-Auto ospita il Fiore Basket per provare a sbloccarsi e cogliere il primo successo: le ospiti sono ultime in classifica, ma reduci dalla sorprendente vittoria sul campo di Samoggia. Coach Maghelli sceglie un quintetto composto da Capucci, Tiraferri, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro lo segna Noemi Duca con un bell'arresto e tiro dalla lunetta, ma Fiorenzuola passa avanti con un canestro e due liberi, 2-4. Eleonora Duca pareggia in appoggio dopo un bel taglio back-door e la partita si assesta sui binari dell'equilibrio. La Ren-Auto trova il primo vantaggio a 2' dalla prima pausa grazie ad un runner di capitan Novelli, 12-10. Fiorenzuola pareggia, ma Pignieri con una tripla sulla sirena tiene le rosanero avanti a fine primo quarto, 15-12. Le ospiti partono meglio nel secondo quarto e con un parziale di 4-0 tornano avanti, 15-16. Alla Ren-Auto basta l'azione successiva per riportarsi in vantaggio: Benicchi appena entrata riceve da Renzi e in sospensione mette il canestro del 17-16. A 2'30" Mongiusti in transizione appoggia il 24-21, poi Renzi da sotto e Novelli, con una tripla, allungano a 9-0 il parziale per il complessivo 29-21. Dopo il time-out ospite segna ancora Mongiusti per il 31-21 con cui si chiude il primo tempo. Il primo canestro della ripresa è di Pignieri che appoggia il massimo vantaggio, 33-21. Fiorenzuola trova un break di 4-0 e prova a riavvicinarsi, ma Pignieri con una tripla e un canestro in contropiede fissa il nuovo massimo vantaggio, +13 sul 40-27. La partita è viva e piena di ribaltamenti di fronte: nuovo parziale ospite, questa volta di 7-0 e divario più che dimezzato, 40-34. Con la Ren-Auto avanti di 4 gli arbitri fischiano un inspiegabile fallo tecnico a Mongiusti, rea di aver rivolto una domanda di chiarimento a coach Maghelli, verosimilmente mal interpretata dagli arbitri, e Fiorenzuola si riporta così a -2. Due provvidenziali liberi di Capucci ridanno ossigeno alle rosanero, ma le ospiti con una tripla riducono al minimo il divario, 43-42, e tengono aperto un parziale di 15-3. Fiorenzuola dalla lunetta torna avanti, ma Capucci risponde subito, 45-44. Altri due liberi e altro vantaggio ospite: il quarto si chiude sul 45-46 con la Ren-Auto a secco su azione negli ultimi 5' di gioco. L'ultima frazione si apre nel peggiore dei modi: tecnico alla panchina per proteste, dopo una clamorosa infrazione di doppio palleggio non comminata ad una giocatrice di Fiorenzuola, e tripla subita dopo la rimessa, 45-50. La Ren-Auto si scuote e con due canestri di potenza di Capucci e Noemi Duca torna a -1, 49-50. Un pick'n'roll perfettamente eseguito da Novelli e Renzi vale il nuovo vantaggio, 51-50 a 5'57" dalla fine. La partita è tesissima e ricca di belle giocate, con continui sorpassi e immediati controsorpassi. A 2'30" le ospiti segnano la tripla del 55-57, ma Capucci pareggia appoggiando a canestro dopo un gran rimbalzo d'attacco. Il finale lascia parecchi dubbi: Fiorenzuola torna avanti, 57-59, ma almeno due contatti dubbi pro Ren-Auto vengono ignorati. Le ospiti possono così arrotondare dalla lunetta e portare a casa la partita. Finisce 57-64. «Abbiamo giocato un buon primo tempo e avremmo potuto chiuderlo anche con un vantaggio più largo - spiega coach Maghelli -. Nel terzo quarto però abbiamo smesso di fare quello che ci aveva permesso di condurre nel primo e abbiamo perso ritmo. A quel punto la partita si è trasformata in una gara punto a punto, in cui loro sono state brave a segnare nei momenti importanti, e a deciderla alla fine sono stati gli episodi». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 4 marzo, alle ore 20.30, per il match con la Magika Castel San Pietro.

Basket Puianello vs REN-AUTO 69-44 (15-18; 22-8; 15-5; 17-13), giocata sabato 18/2. Basket Puianello: Oppo 10, Moretti 9, Manzini 17, Luppi 2, Martini 4, Dettori 9, Dzinic 3, Raiola 2, Cherubini 3, Valdo, Torelli, Boiardi 10. All. Giroldi REN-AUTO: Novelli 4, Prateli, Duca E. 2, Pignieri 8, Duca N. 12, Renzi 2, Borsetti, Capucci 2, Lazzarini, Benicchi, Tiraferri 12, Gambetti 2. All. Maghelli Arbitri: Resca e Romanello Altro viaggio lungo la via Emilia per la Ren-Auto, di scena questa volta a Puianello: le rosanero sono ancora a secco di vittorie nella seconda fase, diversamente da Puianello, corsara a Fiorenzuola la settimana scorsa Coach Andrea Maghelli parte con un quintetto composto da Capucci, Pignieri, Renzi, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro della gara lo segnano le padrone di casa ed è una tripla; Noemi Duca accorcia subito, ma Puianello segna ancora da tre, 6-2. Le rosanero faticano in attacco a trovare la via del canestro , mentre Puianello capitalizza un paio di viaggi in lunetta, 9-2 dopo 4'. Le emiliane non si fermano e allungano sul 15-4. A 3' dalla prima pausa un libero di Noemi Duca avvia un parziale di 5-0: due assist di capitan Novelli per altrettanti appoggi di Pignieri e Capucci costringono Puianello al time-out, 15-9. Difesa e gioco in velocità sono di nuovo protagonisti al rientro in campo: due transizioni, una conclusa da un appoggio di Pignieri e la seconda da una tripla di Tiraferri dall'angolo, allungano a 10-0 il parziale, 15-14. A 16" dalla fine della frazione un bello svitamento a centro area di Noemi Duca vale il primo vantaggio rosanero, poi, dopo l'ennesimo recupero difensivo, Tiraferri appoggia a canestro ma appena dopo la sirena. Il quarto si chiude sul 15-16. Al rientro in campo ci pensa Novelli a tenere aperto il parziale: 14-0 per il 15-18 complessivo. Pignieri segna anche il canestro del 15-20 - 16-0 il parziale -, ma a questo punto Puianello reagisce e con un 7-0 improvviso torna avanti, 22-20. La difesa delle padrone di casa paga grossi dividendi, tanto più che Puianello aggiusta anche la mira da dietro l'arco e vola sul +10, 30-20. Un arresto e tiro di Gambetti interrompe la siccità offensiva e il parziale a sfavore, 30-22 a 3'30" dall'intervallo. Purtroppo è un fuoco di paglia, perché le padrone di casa fa valere la maggior stazza e allunga, +12 sul 34-22. Il primo tempo si chiude sul 37-26. Al rientro in campo non segna praticamente più nessuno: in 3' solo Novelli, con due liberi, centra il canestro, 37-28. Noemi Duca mette il libero del -8, 37-29, ma da qui in poi Puianello mette il turbo: 12-0 di parziale per un 49-29 che sa di fine anticipata a 2'32" dall'ultima pausa. Il quarto si chiude sul 52-31. Nell'ultima frazione in campo c'è ormai solo una squadra: Puianello continua a segnare, la Ren-Auto, ormai fuori partita, a sbagliare e lo scarto, di conseguenza, a farsi pesante. Finisce 69-44. «Abbiamo giocato un buon primo tempo - commenta coach Maghelli -, nel secondo però abbiamo buttato via troppi palloni e siamo andate in difficoltà sul loro press. A quel punto siamo uscite con la testa dalla partita e abbiamo cominciato a sbagliare anche le conclusioni facili, mentre loro, al contrario, segnavano sempre allargando il campo con la loro lunga. Al di là degli errori, comunque, nel secondo tempo abbiamo completamente sbagliato completamente atteggiamento». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 25 febbraio, alle ore 20.30, per il match con il Fiorenzuola Basket.