Happy Basket

Pall.Vigarano vs REN-AUTO 72-63 (17-16; 22-21; 18-11; 15-15), giocata lunedì 28/11. Tabellino: Pratelli 6, Monaldini 9, Balducci 7, Del Fabbro 3, Guiducci, Tiraferri 11, Ricci, Mescolini 3, Gambetti 10, Puliti, Curzi, Mongiusti 14. All. Maghelli La Ren-Auto U19 di coach Andrea Maghelli esce sconfitta dal campo di Vigarano, ma gioca un'ottima gara contro la corazzata del girone, squadra fisicamente dominante che può contare su un paio di atlete schierate regolarmente e con impatto in A2. Premesse impegnative che le giovani rosanero cancellano fin dalla palla a due, dal momento che, non solo giocano alla pari con le blasonate avversarie, ma tengono anche la testa avanti per buona parte del primo tempo, toccando la doppia cifra di vantaggio nel secondo quarto. La differenza, alla fine dei conti, la fa la terza frazione, quella in cui le padrone di casa prendono un piccolo margine che riescono poi ad amministrare fino alla fine. Nell'ultima frazione la Ren-Auto si riavvicina, ma Vigarano con un paio di canestri e un tripla nelle ultime azioni ottiene il massimo vantaggio, +9, e porta a casa il referto rosa. Finisce 72-63. «Le ragazze sono state brave - spiega coach Maghelli -, perché hanno giocato alla pari con una squadra molto forte e fisicamente di un'altra categoria. Abbiamo giocato senza paura e alle nostre avversarie non è bastato sfruttare il fisico, hanno dovuto  faticare tanto per vincere la partita. Noi qualche errore di troppo lo abbiamo commesso, ma è normale in partite così difficili: in difesa abbiamo lavorato con raddoppi e aiuti, in attacco finché siamo riuscite a muovere la palla e a muoverci senza le cose sono andate bene, poi quando Vigarano ha aumentato l'aggressività abbiamo perso fluidità. Alla fine loro sono state un po' più continue di noi, ma sono contento perché le ragazze hanno giocato tutta la partita con l'atteggiamento giusto». La Ren-Auto U19 tornerà in campo alla Carim martedì 6 dicembre, alle ore 17.45, per il match con San Lazzaro.

BSL San Lazzaro vs REN-AUTO 54-59 (13-15; 17-20; 13-14; 11-10), giocata sabato 26/11. San Lazzaro: Grandi, Grassi 2, Campalastri 2, Vettore 4, Talarico 22, Trombetti 10, Colli 8, Costabile, Mosconi, Righi 6. All. Dalè. REN-AUTO: Novelli 2, Duca E., Pignieri 14, Duca N. 17, Renzi 7, Garaffoni 2, Borsetti, Capucci 7, Lazzarini, Benicchi, Tiraferri, Mongiusti 10. All. Maghelli Arbitri: De Palo e Fusetti Per la seconda giornata di ritorno del girone B del campionato di Serie B la Ren-Auto di coach Andrea Maghelli è di scena a San Lazzaro per una partita di grandissima importanza: in caso di vittoria infatti le rosanero metterebbero, con quattro partite ancora da giocare, 8 punti e il doppio confronto tra sé e le padrone di casa, quinte in classifica, conquistando così con larghissimo anticipo salvezza e playoff. Forse è proprio il valore della posta in palio a pesare sull'avvio della Ren-Auto, contratta e poco efficace, e a dare invece slancio a San Lazzaro, che resta avanti per 5'. La reazione non tarda comunque ad arrivare e in chiusura di frazione l'Happy riesce a mettere la testa avanti, 13-15. La seconda frazione va decisamente meglio: la difesa è più efficace e genere buone ripartenze che permettono di aumentare il vantaggio, con Mongiusti, autrice di 8 punti, sugli scudi. Questa volta però sono le padrone di casa a reagire e a ridurre il margine alla pausa lunga, 30-35. Al rientro in campo domina l'equilibrio, ma la Ren-Auto riesce a guadagnare un ulteriore, prezioso, punto di vantaggio e a chiudere il terzo quarto avanti di 6, 43-49. L'ultima frazione non comincia bene: la Ren-Auto perde i primi quattro palloni giocati in attacco e San Lazzaro riesce così a tornare a -1. Le squadre si affrontano con pari intensità, non regalano niente in difesa e sbagliano tanto in attacco, un po' per meriti altrui, un po' per la stanchezza accumulato in 40' di fuoco. Le padrone di casa non riescono a completare la rimonta e allora le rosanero si rianimano e costruiscono l'ultimo, decisivo, allungo grazie a due pesantissime triple di Pignieri. San Lazzaro vince la frazione, ma la Ren-Auto capitalizza il vantaggio accumulato e porta a casa la partita. Finisce 54-59. «Non è stata una partita facile - attacca coach Maghelli -, ma è stata una partita vera, dura e intensa, giocata da tutte e due le squadre: si è vista una buona pallacanestro. I primi 5' eravamo ancora in fase di organizzazione, poi abbiamo cominciato a giocare, a difendere duro e a correre in contropiede con giocate anche divertenti. Le ragazze sono state brave a reggere al brutto avvio di quarto quarto, a riprendersi e a costruire e poi amministrare il vantaggio decisivo. Abbiamo fatto un passo decisivo verso i playoff e sabato ci aspetta uno scontro diretto per poter ambire al secondo posto, che, per quanto ininfluente, sarebbe una bella soddisfazione». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 3 dicembre, alle ore 20.30, per il match con la Scuola Basket Samoggia.

Libertas vs REN-AUTO 43-56 (13-20; 16-4; 4-18; 10-14), GIOCATA GIOVEDì 24/11. Tabellino: Pratelli 7, Monaldini 11, Balducci, Del Fabbro 5, Guiducci 2, Tiraferri 9, Mescolini 5, Gambetti 11, Puliti, Curzi, Fulgenzi, Mongiusti 6. All. Maghelli Secondo successo consecutivo per la Ren-Auto U19 che sbanca Forlì portandosi a casa il derby: le rosanero di coach Maghelli partono forte, si spengono solo momentaneamente nel secondo quarto, poi giocano un secondo tempo di grande consistenza in cui concedono appena 14 punti alle padrone di casa. Dopo un primo tempo chiuso sotto di 5 lunghezze, 29-24, il terzo quarto è quello che spacca la partita e indirizza definitivamente il risultato. Finisce 43-56. «Nel secondo quarto ci siamo incartate e abbiamo sbagliato di tutto - commenta coach Andrea Maghelli -, ma per il resto abbiamo giocato una partita sempre sotto controllo a livello di gioco, abbiamo fatto le cose giuste e lavorato con giudizio. In realtà anche nella seconda frazione la squadra ha creato ma senza concretizzare: a quel punto è subentrata un po' di demoralizzazione e Forlì ne ha approfittato. Nel secondo tempo le ragazze sono state brave a riprendere la concentrazione, hanno giocato con maggior accortezza, anche rispetto al primo quarto, e questo ci ha permesso di costruire il vantaggio e di portare a casa la partita». La Ren-Auto U19 tornerà in campo a Vigarano Mainarda (FE) lunedì 28 novembre, alle ore 18.00, per il match con l'A.S.D. Pall.Vigarano 2008.

REN-AUTO vs Futurvirtus 95-37 (31-4; 18-12; 28-9; 18-12), giocata martedì 22/11. Tabellino: Pratelli 14, Monaldini 20, Balducci 4, Del Fabbro 11, Guiducci 2, Tiraferri 12, Ricci 1, Mescolini 6, Gambetti 12, Curzi 4, Fulgenzi, Mongiusti 9. All. Maghelli Nessun problema per la Ren-Auto U19 nel match con la Futurvirtus: sul campo amico della Carim le rosanero fanno il vuoto già nel primo quarto, 31-4, e, fatta eccezione per un breve calo nel secondo quarto, non abbassano mai l'intensità fino alla sirena. Finisce 95-37. «Le ragazze sono state brave a partire forte e ad imporre subito il ritmo giusto - spiega coach Maghelli -. A parte il piccolo calo di concentrazione nel secondo quarto, abbiamo difeso discretamente, giocato bene in velocità e mosso di più e meglio la palla in attacco le rare volte in cui le nostre avversarie sono riuscite a schierarsi in difesa». La Ren-Auto U19 tornerà in campo a Forlì giovedì 24 novembre, alle ore 20.30, per il match con la Libertas.

REN-AUTO vs Finale Emilia 66-51 (19-8; 19-14; 19-18; 9-11), giocata sabato 19/11. REN-AUTO: Novelli 9, Duca E. 13, Pignieri 13, Duca N. 10, Renzi 1, Garaffoni 7, Borsetti, Capucci 3, Lazzarini 10, Tiraferri, Mescolini, Gambetti. All. Maghelli Finale Emilia: Colantoni 8, Bagnoli 2, Todisco 9, Ghelli, Bozzali 2, Scagliarini, Bergamini 5, Aligante 5, Gavagna 16, Calanca, Smaijc 2, Pincella 2. All. Trevisan Arbitri: Zanetti e Mazza. La Ren-Auto torna alla Carim per la prima giornata di ritorno del girone B del campionato di Serie B in cerca di un pronto riscatto, dopo la sconfitta con la capolista Magika: a far visita alle rosanero è Finale Emilia, penultima in campionato con una sola vittoria, ma in cerca di punti per provare ad agganciare il quarto posto e ad uscire dalla zona playout. Coach Maghelli parte col quintetto "classico": Novelli, Capucci, Garaffoni, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro dell'incontro lo segna Eleonora Duca, ispiratissima nel primo quarto; Finale pareggia subito e la gara rimane in equilibrio per 3' fino al 6-6. Poco alla volta, grazie ad un'ottima difesa e a ripartenze veloci, la Ren-Auto accumula vantaggio e chiude la prima frazione avanti di 11 sul 19-8. L'inizio di secondo quarto è tutto rosanero: Pignieri e Lazzarini da tre confezionano il 5-0 del 24-8. Ancora Pignieri a metà frazione realizza la tripla del massimo vantaggio, +18 sul 34-16. Negli ultimi minuti di primo tempo le squadre pasticciano parecchio e faticano a trovare la via del canestro: la Ren-Auto mantiene comunque saldamente le redini dell'incontro e chiude sul 38-22. Al ritorno in campo la Ren-Auto non si accontenta di amministrare la dote accumulata e prova un ulteriore allungo: Noemi Duca segna il canestro del +19, 49-30, e Pignieri il libero del +20, ma con una tripla Finale chiude il quarto a -17, 57-40. L'ultima frazione non intacca minimamente la sostanza: una tripla di Garaffoni vale il massimo vantaggio, +21 sul 65-44, ma Finale negli ultimi minuti rosicchia qualche punto. Finisce 66-51. «Era importante partire col piglio giusto e così è stato - commenta coach Maghelli -, le ragazze sono state brave a lavorare duro, soprattutto in difesa, dalla prima azione e questo ci ha dato la possibilità di giocare in velocità, la nostra caratteristica migliore che ci permette di produrre tanto. Abbiamo comunque raccolto meno di quello che abbiamo seminato, perché abbiamo sbagliato tiri facili e perso qualche pallone di troppo: non è la prima volta che capita, dobbiamo lavorare per minimizzare questi errori. Le ragazze sono comunque state brave a mantenere la concentrazione per tutta la partita e a giocare con la stessa intensità dall'inizio alla fine, come avevo chiesto in settimana. Per noi era fondamentale vincere per sigillare al più presto un posto tra le prime quattro, conquistare la poule playoff e chiudere ogni discorso relativo alla salvezza». La Ren-Auto tornerà in campo a San Lazzaro sabato 26 novembre, alle ore 19.00, per il match con il BSL.

Nuova Virtus Cesena vs REN-AUTO 53-44 (14-14; 16-8; 11-10; 12-12), giocata martedì 15/11. Tabellino: Pratelli 7, Monaldini 8, Balducci, Del Fabbro 2, Tiraferri 12, Ricci, Mescolini 5, Gambetti, Puliti, Curzi, Fulgenzi, Mongiusti 10. All. Maghelli La Ren-Auto U19 torna da Cesena con una sconfitta figlia più che altro delle bassissime percentuali in attacco. A fare la differenza, parziali alla mano, è il secondo quarto dal momento che nelle altre tre fazioni le squadre rimangono in quasi totale parità. Come detto la cattiva serata al tiro delle rosanero condiziona l'intera gara: i troppi tiri sbagliati, tanti dei quali comodi e ben costruiti, spengono ogni tentativo di rimonta. Cesena, buona squadra a prescindere, è brava ad approfittarne e a portare a casa la vittoria. Finisce 53-44. «Abbiamo sbagliato troppi tiri facili e perso troppi palloni - commenta coach Andrea Maghelli -, ma nonostante questo siamo rimaste in partita per tutto il primo quarto. Le nostre scelte sbagliate hanno agevolato la loro difesa che si è chiusa e non ci ha concesso di giocare profondo: questo ci ha mandato in confusione e ci ha tolto lucidità. Nonostante tutto, comunque, fine terzo c'è stata una reazione, abbiamo recuperato un gap che ha toccato i 16 punti, ma non siamo riusciti a completare la rimonta anche per qualche episodio sfortunato, e da lì in poi loro hanno mantenuto il controllo». La Ren-Auto U19 tornerà in campo alla Carim martedì 22 novembre, alle ore 17.45, per il match con la Futurvirtus.

Magika vs REN-AUTO 76-48 (12-15; 26-8; 17-12; 21-13), giocata sabato 12/11 Magika: Roccato, Venturoli 16, Rosier 19, Zuffa, Rizzati 5, Panighi, Melandri 12, Cerè 4, Albieri 6, D'Agnano 11, Daidone 3. All. Maldi REN-AUTO: Novelli 9, Madonna, Duca E. 4, Pignieri 5, Duca N. 9, Renzi 2, Garaffoni 6, Borsetti, Capucci 13, Tiraferri, Gambetti, Mongiusti. All. Maghelli Arbitri: Manzi e Culmone Nell'ultima giornata di andata del girone B del campionato di Serie B femminile la Ren-Auto è di scena a Castel San Pietro per sfidare la Magika nel big match che vale il primo posto: le padrone di casa sono infatti imbattute e precedono di due punte le rosanero in classifica. Coach Maghelli sceglie un quintetto composto da Novelli, Capucci, Garaffoni, Eleonora e Noemi Duca. La Magika parte subito forte con un parziale di 6-0 interrotto da un libero di Noemi Duca: 6-1 dopo 2'30" di gioco. Il primo canestro su azione lo segna Capucci con una penetrazione da sinistra, 8-3. Novelli, Noemi Duca e Capucci da tre firmano il 7-0 che ribalta il punteggio e costringe le padrone di casa al time-out: 8-10 con 3'37" da giocare nel quarto. Altri quattro punti, ancora firmati dal tandem Novelli-Noemi Duca, valgono il massimo vantaggio, 8-14. Una difesa attenta e aggressiva porta la Magika sempre al limite dei 24" e non concede tiri comodi, 10-15 a meno di 1' dalla prima pausa. Le padrone di casa segnano l'ultimo canestro del quarto che si chiude sul 12-15. In apertura di seconda frazione la Magika accorcia, ma Capucci, ancora da tre la ricaccia indietro, 14-18. La reazione delle padrone di casa è perentoria: 9-0 di parziale e time-out obbligato per coach Maghelli sul 23-18. La Ren-Auto fatica a rimbalzo difensivo e questo offre seconde occasioni che la Magika sfrutta a dovere: 25-18 a 6' dall'intervallo. A 3'30" la Magika da tre segna il massimo vantaggio, 29-21. Le padrone di casa sono in trance agonistica e la Ren-Auto non riesce a trovare antidoti: un'altra tripla vale addirittura il -15 per le rosanero e due liberi successivi il -17, 38-21 con 1'20" sul cronometro. Con 34" da giocare nel primo tempo Eleonora Duca toglie finalmente il tappo dal canestro, 38-23. E' una magra consolazione perché il parziale del secondo quarto, 26-8 non lascia dubbi su chi abbia il controllo della gara. In avvio di secondo tempo la Magika tocca addirittura il +22, 45-23 e la tripla del 45-26 di Pignieri è solo un fuoco di paglia. La Magika infatti continua a segnare ad ogni possesso, diversamente dalla Ren-Auto ormai in down psicologico: 49-26 a metà quarto. La frazione si chiude sul 55-35. L'ultimo quarto sembrerebbe il più classico dei garbage time, ma la Ren-Auto prova a risollevarsi e torna a -18 grazie ad una tripla di Garaffoni, 60-42. Non basta questo, tuttavia, a scalfire le certezze di una Magika che continua a tirare con percentuali irreali e aumenta il divario: finisce 76-48. «Abbiamo giocato un buon primo quarto ed eravamo partite bene anche nel secondo - commenta coach Maghelli -, ma poi loro hanno cominciato a segnare canestri difficili e noi ci siamo completamente bloccate. Abbiamo perso lucidità e ci siamo messe ad attaccare solo uno contro uno senza circolazione di palla, diventando prevedibili; questo ha consentito ad una squadra forte ed esperta come la Magika di fermarci senza troppa fatica e ripartire per segnare canestri facili. Nel secondo tempo poi loro hanno tirato con percentuali altissime e noi non siamo riuscite a reagire. Spero che questa sconfitta possa servirci. Chiudiamo comunque l'andata in buona posizione, ma questo è certamente un passo indietro: abbiamo ribaltato il proverbiale secchio del latte, dobbiamo ricominciare a riempirlo per blindare il prima possibile un posto tra le prime quattro». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 19 novembre, alle ore 20.30, per il match con Finale Emilia.

REN-AUTO vs Capra RA 68-44 (15-9; 17-11; 21-9; 15-15), giocata giovedì 3/11. Tabellino: Pratelli 6, Monaldini 11, Balducci, Del Fabbro 9, Guiducci, Tiraferri 15, Ricci, Mescolini 14, Gambetti 4, Puliti, Fulgenzi, Mongiusti 9. All. Maghelli Esordio vittorioso per la Ren-Auto U19 di coach Andrea Maghelli: le rosanero, sul campo amico delle scuole Rodari, hanno la meglio sul Capra Ravenna dopo una gara condotta sin dalle prime battute. Le note migliori per l'Happy arrivano dalla difesa, subito a fuoco, mentre all'attacco serve un quarto per ingranare: nella prima frazione infatti, un po' per frenesia, un po' perché alla prima di campionato si devono ancora prendere le misure, fioccano gli errori anche su tiri facili da transizioni e contropiedi. Dopo un buon secondo quarto nella terza frazione, vinta nettamente col parziale di 21-9, arriva l'allungo decisivo che di fatto chiude la contesa in anticipo. Finisce 68-44. «La prima di campionato presenta sempre delle insidie - spiega coach Maghelli -, perché era la prima partita "vera", dopo qualche amichevole non particolarmente probante, e perché non ci siamo allenate quasi mai al completo. Mi è piaciuta la difesa e anche in attacco abbiamo fatto buone cose nel momento in cui abbiamo smesso di giocare di fretta: per le prossime partite dovremo lavorare proprio sulla fluidità offensiva, evitare di giocare troppo con la palla e fare più movimento senza. Sono comunque soddisfatto, le ragazze hanno evidenziato un buon atteggiamento mentale che ci ha permesso di rompere il ghiaccio e partire col piede giusto». La Ren-Auto tornerà in campo a Cesena martedì 15 novembre, alle ore 20.30, per il match con la Nuova Virtus.

NV Cesena vs REN-AUTO 52-65 (15-9; 8-21; 17-17; 12-18), giocata domenica 30/10. Nuova Virtus: Koral 12, Clementi, Sabbatani, Zoffoli, Battistini 11, Bollini, Gori 4, Currà 19, Nanni 2, Girelli 3, Abati 1, Sampieri. All. Lisoni REN-AUTO: Novelli 4, Mecozzi, Duca E. 11, Pignieri 8, Duca N.14, Renzi, Garaffoni 10, Capucci 8, Lazzarini, Tiraferri, Gambetti, Mongiusti 10. Arbitri: Zambelli e Neri. La quinta giornata del girone B del campionato di B femminile vede la Ren-Auto di coach Andrea Maghelli di scena nella vicina Cesena in quello che è, almeno sulla carta, quasi un testacoda: le neopromosse padrone di casa sono infatti l'unica squadra ancora a secco di vittorie, mentre l'Happy cerca i due punti per agganciare momentaneamente in vetta Castel San Pietro, ferma per il turno di riposo. Coach Maghelli recupera dopo tre gare capitan Novelli, schierata nello starting five insieme a Capucci, Garaffoni, Eleonora e Noemi Duca. Da sottolineare tra le fila di Cesena la presenza delle ex Valeria Nanni e Claudia Girelli. Le padrone di casa trovano il primo vantaggio con un 2/2 dalla lunetta, ma Noemi Duca pareggia immediatamente con un bel movimento in svitamento a centro area. Cesena entra decisamente meglio in partita, è più aggressiva, impeccabile dalla lunetta e sorprende una Ren-Auto tropo svagata nella circolazione di palla: parziale di 7-0 per la Nuova Virtus per il 9-2 complessivo. L'attacco rosanero non riesce ad essere efficace contro la difesa schierata e il poco che arriva è conseguenza di giocate in velocità: 9-5 a metà frazione. Dopo un libero di Capucci Cesena segna il canestro del 12-6 e successivamente, con 4 liberi consecutivi tocca il nuovo massimo vantaggio, +8 sul 15-7. Capucci dalla lunetta avvicina la Ren-Auto: il quarto si chiude sul 15-9. I liberi continuano ad essere l'unico modo con cui le due squadre muovono il punteggio: un 2/2 di Garaffoni vale il 15-11. La numero 14 trova finalmente la via del canestro nell'azione successiva, poi Mongiusti, con un gioco da tre punti dopo rimbalzo d'attacco, regala il primo vantaggio alla Ren-Auto, 15-16. Ancora Mongiusti, questa volta con un tiro dai sei metri, segna il canestro del 15-18. E' il cambio di inerzia che serviva: la difesa diventa ermetica e concede appena un punto, mentre in attacco la squadra corre e gira bene la palla. A 4' dall'intervallo il punteggio è 16-23. Lo scarto non cambia e si va così al riposo lungo sul 23-30. Rilevante l'impatto della 2005 Mongiusti, autrice di 9 pesantissimi punti. Al ritorno in campo la Nuova Virtus ha una reazione veemente e piazza un parziale di 7-2 chiuso da una tripla di Girelli, 30-32. Eleonora Duca con una tripla e la sua gemella Noemi con un bel movimento sotto canestro ridanno ossigeno alla Ren-Auto, 32-37. Le "Ducas" trascinano l'attacco, ma Cesena resta a contatto. Negli ultimi secondi di frazione Garaffoni ruba palla e in contropiede realizza il canestro che fissa il punteggio sul 40-47 al 30°. Si riparte e la Nuova Virtus con un 4-0 immediato si riavvicina , 44-47, ma Pignieri in penetrazione e Noemi Duca di forza da sotto "pareggiano". L'atmosfera si scalda, Cesena e il suo pubblico non gradiscono il metro arbitrale, fioccano le proteste e le conseguenti decisioni punitive della coppia in grigio. Fallo su Pignieri, tecnico alla panchina ed espulsione diretta di coach Lisoni fruttano 5 liberi per per la Ren.Auto: Pignieri e Capucci con freddezza glaciale li realizzano tutti per il 47-58 a metà frazione. Da qui in poi non c'è più partita, perché l'incontro scivola via in un mare di polemiche e conseguenti fischi continue che la Ren-Auto capitalizza a dovere. Finisce 52-65. «E' stata una partita molto fisica - commenta coach Maghelli -: all'inizio non siamo riusciti a prendere le misure all'aggressività di Cesena che ci ha condizionato al punto da portarci a sbagliare tiri facili in attacco. Nel secondo quarto le cose sono cambiate, abbiamo lavorato meglio in difesa costringendo le nostre avversarie a forzare molto; a quel punto le ragazze sono riuscite a giocare in campo aperto, si sono rilassate e anche a difesa schierata l'attacco ha cominciato a girare. Nel momento di bagarre il 5/5 ai liberi è stato un segno di forza mentale: la squadra è stata brava a mantenere la calma in quel momento, tanto più se consideriamo i finali delle partite precedenti. E' un peccato perché per quel quarto contro Samoggia non siamo a punteggio pieno, ma abbiamo comunque una buona classifica e lavoreremo approfittando della pausa per arrivare concentrati alla partita con la Magika». La Ren-Auto tornerà in campo a Castel San Pietro sabato 12 novembre, alle ore 20.30, per il match con la Magika.

REN-AUTO vs Libertas Forlì 57-55 (15-13; 17-5; 14-15; 11-22), giocata sabato 22/10. REN-AUTO: Duca E. 12, Pignieri 8, Duca N. 10, Renzi 2, Garaffoni 8, Borsetti, Capucci 15, Lazzarini, Benicchi, Tiraferri, Gambetti, Mongiusti 2. All. Maghelli Libertas: Vespignani 16, Bernabè, Montanari, Pieraccini 2, Valensin 22, Ronchi, Pierich, Silighini 5, Balestra 8, Ragghianti 2, Giorgetti. All. Brighina Arbitri: Mazza e Grazioli Dopo la beffarda sconfitta di Anzola la Ren-Auto di coach Andrea Maghelli torna in campo alla Carim per il derby con Forlì: le rosanero seconde in classifica vogliono assolutamente rispettare il pronostico e incamerare due punti preziosi. Coach Maghelli, ancora privo di Novelli, sceglie un quintetto molto fisico composto da Capucci nelle vesti di playmaker, Garaffoni, Renzi, Eleonora e Noemi Duca.. Il primo canestro dell'incontro lo segna l'ex Vespignani, ma Eleonora Duca pareggia immediatamente. Forlì segna il canestro del 2-4, ma per le ospiti sarà l'ultimo vantaggio della partita. Eleonora Duca è molto a fuoco, la difesa fa un buon lavoro e, anche se l'attacco non è quello dei primi quarti passati, la Ren-Auto chiude avanti, 15-13 al primo mini-intervallo. Nella seconda frazione le cose vanno decisamente meglio su entrambi i fronti: in attacco la palla gira con maggior fluidità e paradossalmente gli errori più banali arrivano da comode situazioni di transizione, ma a fare la differenza è soprattutto una difesa che concede alle ospiti appena 5 punti. Il parziale di 17-5 vale un complessivo +14 all'intervallo, 32-18. Al ritorno in campo la partita sembra avere una sola padrona: a metà quarto un canestro di Pignieri vale il nuovo massimo vantaggio, +16 sul 40-24, e la Ren-Auto chiude senza patemi la frazione, 46-33. In maniera graduale ed inesorabile, però, il quarto quarto da "quasi formalità" si trasforma nel fantasma del finale con Samoggia: Forlì non è mai doma e rosicchia punto su punto, grazie alla propria fisicità e un'accresciuta aggressività; la Ren-Auto non riesce ad adattarsi al metro arbitrale e comincia a perdere ritmo e certezze. Quando Noemi Duca segna il libero del 54-50 ed Eleonora Duca recupera il successivo rimbalzo su errore di Forlì sembra ora dei titoli di coda, ma il passaggio di apertura è debole, Valensin lo recupera e serve immediatamente Balestra che segna la tripla del -1 a 40" dalla fine. Si cambia fronte, Capucci subisce fallo ed è freddissima a realizzare dalla lunetta il 2/2 del 56-53. La Libertas allora prova un attacco disperato: la tripla di Balestra va corta, ma l'ultimo tocco è di Pignieri; Forlì rimette da sotto canestro, la palla arriva a Valensin che sulla sirena dei 24" trova la tripla del pareggio. I direttori di gara però non hanno dubbi: canestro da due, sospiro di sollievo, 56-55 e Ren-Auto ancora avanti con 14" da giocare. Dopo il time-out Pignieri rimette per Capucci, fermata nuovamente col fallo: il primo libero è corto, il secondo è buono, 57-55. Mancano 8". Forlì decide di non provare la tripla e di andare dentro per il pareggio: palla alla solita Valensin che penetra da sinistra ma trova la difesa di contenimento di Eleonora Duca e la stoppata decisiva di Pignieri. Suona la sirena e la Carim esplode in un urlo liberatorio. Finisce 57-55. «Sembra un po' il copione delle ultime tre partite - attacca coach Maghelli -: nell'ultimo quarto cerchiamo di amministrare il vantaggio, ma, come ho spiegato alle ragazze, non è fattibile giocare 10' abbassando il ritmo per cercare di proteggere quanto fatto prima. Dobbiamo lavorare su questo e sull'essere più ciniche, perché nel primo tempo abbiamo raccolto meno di quanto seminato. Nel quarto periodo abbiamo giocato solo con la palla in mano snaturando il nostro gioco, perché il movimento senza palla è una delle nostre caratteristiche migliori. A quel punto nostri cattivi attacchi hanno permesso a Forlì di prendere fiducia e di segnare anche canestri decisivi, fino al finale deciso da episodi. Lunedì Giulia Novelli rientrerà in gruppo, spero di averla in campo domenica». La Ren-Auto tornerà in campo a Cesena domenica 30 ottobre, alle ore 18.00, per il match con la Nuova Virtus.