Happy Basket

Libertas Forlì-HAPPY BASKET 79-75 (23-20; 12-21; 20-16; 24-18), giocata lunedì 16/12. Tabellino: La Forgia 10, Vespignani 13, Duca E. 15, Pignieri 4, Duca N. 21, Palmisano 4, Poplawska Li., Poplawska La., Poggi, Mecozzi 8, Martinini, Gambetti. All. Rossi A dieci giorni di distanza dalla gara di andata Ren-Auto e Libertas si ritrovano contro per giocarsi il primo posto del girone D nell'ultima giornata della prima fase. Le rosanero hanno dalla loro il vantaggio del +16 ottenuto alla Carim, mentre le forlivesi possono contare sull'ottimo momento di forma. Il primo quarto è offensivamente molto produttivo con le difese che faticano a prendere le misure agli attacchi. La Libertas chiude avanti di tre, ma nella seconda frazione la Ren-Auto comincia a macinare gioco, grazie ad una difesa finalmente efficace. All'intervallo l'Happy è avanti sul 35-41. Al ritorno in campo è però Forlì a prendere l'inerzia della gara: prima le padrone di casa riducono lo scarto, poi, nella quarta e decisiva frazione, mettono la freccia e vanno a vincere, pur non riuscendo a ribaltare la differenza canestri. La Ren-Auto chiude così il girone D al primo posto. «Di buono c'è che abbiamo vinto il girone - commenta coach Rossi -, ma di certo non stiamo attraversando, tra U18 e serie B, un buon momento. Stasera la difesa non ha funzionato praticamente mai, 79 punti subiti sono troppi: gambe molli, situazioni tecniche sbagliate e grossa confusione, abbiamo difficoltà che dieci giorni fa non avevamo. Credo che sia un problema mentale, è la testa che non fa andare le gambe, sono stato un giocatore anche io, capisco che quando non arrivano i risultati e non entrano i tiri ci possa essere un contraccolpo psicologico. In questo periodo ci manca l'entusiasmo, cercheremo di capire perché».

Aics-HAPPY BASKET 74-59 (29-10; 16-9; 13-21; 16-19), giocata domenica 15/12. Tabellino: Oddi, Prosperi, Porcellini, El Morchadi 2, Pignieri 24, Dedda 4, Gasparroni, Rinaldi 2, Pratelli 23, Delvecchio 4. All. Albani La Ren-Auto U14 di coach Massimo Albani esce sconfitta dal confronto con l'Aics Forlì e deve rimproverare soprattutto sé stessa per un approccio di gara completamente sbagliato. Le rosanero infatti non aggrediscono la gara e subiscono la grinta delle padrone di casa che, vogliose di conquistare la prima vittoria in campionato, giocano fin dalla palla a due al 100%. Il primo quarto è, alla fine dei conti, quello che decide la gara: la Ren-Auto subisce ben 29 punti contro i soli 10 segnati e si trova con un pesante -19 da recuperare dopo i primi 10'. L'Aics incrementa il vantaggio anche nella seconda frazione e si va così al riposo sul 45-19. Al rientro in campo l'Happy ha finalmente una reazione e gioca un buonissimo terzo quarto in cui rimonta 8 punti. Anche gli ultimi 10' sorridono alle rosanero, ma ormai è tardi e un positivo secondo tempo serve solo a ridurre lo scarto. «Oggi abbiamo completamente sbagliato l'approccio di gara - spiega coach Albani -: avevamo parecchie assenze, ma questo non è sufficiente a spiegare il nostro primo tempo, tanto più che questo doveva rappresentare uno stimolo per chi avrebbe avuto l'occasione di giocare di più. Forlì ha avuto più voglia di vincere e vorrei fare i complimenti al loro coach che, nonostante l'importanza del risultato, ha fatto ruotare tutta la squadra anche quando stavamo rimontando. Mi dispiace non tanto per il risultato, ma perché oggi non abbiamo giocato alla massima intensità». La Ren-Auto U14 tornerà in campo alla Carim sabato 21 dicembre, alle ore 15.00, per il match con Santarcangelo.

Thunder Matelica-HAPPY BASKET 59-53 (13-9; 11-16; 11-18; 24-10), giocata sabato 14/12. Matelica: Gonzales 38, Stronati 2, Sbai, Zito 2, Baldelli 6, Ricciutelli, Gargiulo, Ceccarelli, Zamparini 4, Michelini 6, Paffi, Franciolini 2. All. Rapanotti HAPPY BASKET: Novelli 10, Nanni, La Forgia 3, Vespignani, Duca E. 4, Pignieri 10, Duca N. 8, Palmisano 11, Renzi 2, Farinello 3, Borsetti, Lazzarini 2. All. Rossi Arbitri: Renga e Adami Gioca una buona partita la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi, ma questo non è sufficiente ad aver ragione di Matelica, che porta a casa la vittoria grazie alla fuori-categoria Debora Gonzales, autrice di 38 punti, 31 dei quali nel solo secondo tempo sui 35 complessivi delle Thunder. Le padrone di casa partono meglio, complice la scarsa verve offensiva della Ren-Auto , che tira con percentuali bassissime e chiudono il primo quarto avanti di 4, 13-9. La situazione si ribalta nella seconda frazione: l'Happy Basket comincia a fare canestro e difende con efficacia, riuscendo così a mettere la testa avanti alla sirena di metà gara, 24-25. Le rosanero giocano ancora meglio al rientro in campo, sfruttano la velocità in attacco, alternano difesa allungata e zona e incrementano il margine, nonostante Gonzales che ne mette 10 sugli 11 di Matelica. All'ultima pausa la Ren-Auto è avanti di 8 sul 35-43. Il quarto quarto, però, è un assolo della fuoriclasse italo-argentina che firma praticamente da sola il parziale di 24-10, che consegna alle padrone di casa il referto rosa. Finisce 59-53. «Per 32' avevamo fatto una buona gara - spiega coach Rossi -, non tanto dal punto di vista offensivo, quanto da quello difensivo, riuscendo a limitare Gonzales e a non subire praticamente nulla dalle altre. Siamo anche arrivate a +10, poi la difesa sulla palla ha smesso di funzionare: Gonzales non c'entra niente con questa categoria ed è stata bravissima a segnare in ogni modo, ma avevo dato delle indicazioni precise su come difendere e le ho ribadite nei time-out, ma in campo non abbiamo fatto quello che avevo chiesto. Non abbiamo speso falli quando eravamo lontane dal bonus e gli aiuti arrivavano in ritardo. Siamo una squadra giovane ed è normale subire dei contraccolpi mentali quando ti trovi davanti una giocatrice di Serie A fisicamente e tecnicamente superiore, ma avremmo dovuto mettere in pratica quello che ci eravamo detti. In attacco abbiamo avuto i soliti problemi al tiro contro la zona, ma bisogna anche dire che diventa difficilissimo attaccare su un campo più stretto senza praticamente tiro da tre dagli angoli, quando le avversarie si chiudono. Mi dispiace molto, perché era una partita alla portata: abbiamo affrontato una giocatrice di Serie A, spero faremo tesoro di questa esperienza». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 21 dicembre, alle ore 19.00, per il match con le Basket Girls Ancona.

HAPPY BASKET-Hellas Cervia 79-49 (20-12; 27-12; 16-11; 16-14), giocata mercoledì 11/12. Tabellino: Vespignani 15, Palmisano 16, Poplawska Li. 2, Poplawska La. 2, Bozzelli 2, Poggi 6, Mecozzi 12, Martinini, Comini 5, Mescolini 4, Gambetti 15. All. Rossi Non ha problemi la Ren-Auto U18 di coach Pier Filippo Rossi a mantenere l'imbattibilità nel testa-coda con Cervia: le rosanero giocano una buona gara e mandano a referto tutte e dodici le giocatrici a disposizione. In vista dei tanti impegni dei prossimi giorni, coach Rossi fa turnover e concede ampio spazio anche alle U16 Gambetti e Mescolini. Per quanto riguarda il campo la partita non è mai in discussione, col divario che si dilata a poco a poco col passare dei minuti fino alla sirena. «Ho sfruttato questa partita per provare qualcosa di nuovo, sia in attacco, che in difesa - spiega coach Rossi - e sono contento per come le ragazze hanno provato a mettere in pratica quello che avevo chiesto. Adesso non ci resta che concentrarci sull'importantissima partita di lunedì che definirà la vincitrice del girone». La Ren-Auto U18 tornerà dunque in campo a Forlì lunedì 16 dicembre, alle ore 19.20, per il match con la Libertas.

HAPPY BASKET-Faenza Futura 44-40 (14-12; 9-6; 14-12; 7-10), giocata domenica 8/12. Tabellino: Oddi 2, Cartoscella 4, Gambetti C., Gambetti A., El Morchadi, Pignieri 17, Dedda, Gasparroni, Belhaj 2, Rinaldi, Pratelli 14, Delvecchio 5. All. Albani Bella vittoria per la Ren-Auto U14 che batte, nel giorno dell'Immacolata, Faenza dopo 40' di gara tostissima. Le rosanero di coach Massimo Albani, se si esclude un momentaneo pareggio delle ospiti a inizio quarto quarto, tengono la testa avanti per tutta la gara grazie ad una costante aggressività, che frutta tanti recuperi difensivi e tanti rimbalzi offensivi. Il primo tempo è di marca Happy, ben più di quanto dica lo scarto - 23-18 all'intervallo -: sono gli errori ai liberi, infatti, a tenere Faenza a contatto, perché a livello di mole di gioco la Ren-Auto ha l'inerzia costantemente in pugno. Il terzo quarto segue lo stesso copione e così all'ultima pausa l'Happy è avanti di 7 punti, 37-30. Nell'ultimo quarto la partita sembra poter cambiare padrona: la stanchezza e la fisicità di Faenza mettono in difficoltà le giovani riminesi che, subito il pareggio, potrebbero finire sotto in un paio di occasioni, ma difendono forte, rimettono la testa avanti e vanno a vincere con pieno merito. «Il merito della vittoria va al 100% alle ragazze - spiega coach Albani - perché questa settimana tra le nostre e quelle delle esordienti le ragazze hanno passato la settimana tra scuola e palestra, eppure sono sempre venute ad allenarsi. Nonostante fossimo più giovani delle nostre avversarie le ragazze sono state lì a prendere e a dare "botte", senza mollare mai, contro una squadra molto ben allenata e fisicamente superiore. Abbiamo sbagliato qualche tiro facile di troppo, a questa età ci sta, vuol dire che lavoreremo in allenamento ancora di più. Vedo che sta crescendo anche la volontà di cercarsi, di coinvolgere tutte in attacco, di giocare di squadra. Sono molto contento». La Ren-Auto U14 tornerà in campo a Forlì domenica 15 dicembre, alle ore 17.15, per il match con l'Aics.

HAPPY BASKET-Magika Castel S.Pietro 51-54 (15-15; 12-12; 10-15; 14-12), giocata sabato 7/12. HAPPY BASKET: Novelli 9, Nanni, La Forgia 9, Vespignani 4, Duca E. 2, Pignieri 2, Duca N. 17, Palmisano 2, Renzi, Farinello 4, Borsetti, Lazzarini 2. All. Rossi Magika Castel S.Pietro: Venturoli, Patera 2, Zuffa 4, Panighi, Melandri 13, Roccato 8, Rubbi 2, D'Aguano 25, Strada, Negroni, Bassi. All. Martinelli Arbitri: Buresta e Cardanelli. Al via il girone di ritorno per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero affrontano Castel S.Pietro che all'andata acciuffò la vittoria per un solo. Coach Rossi sceglie uno starting five composto da Vespignani, Palmisano, Pigneri, Farinello e Noemi Duca. Il primo canestro dell'incontro lo segna Pigneri, brava ad attaccare forte il ferro; subito dopo Noemi Duca segna il 4-0 con un bel movimento dal post. La Magika reagisce e impatta sul 4-4. L'ingresso di Novelli dà all'Happy una scossa, sia in attacco che in difesa e questo produce un parziale di 11-2 che vale il 15-6 a 3' dalla prima pausa. Sembra un colpo pesantissimo, invece Castel S.Pietro, grazie alla zona 2-3 e all'ottimo gioco interno in attacco, confeziona il controparziale di 9-0 che le consente di chiudere in pareggio, 15-15, la prima frazione. In avvio di secondo quarto le ospiti trovano il primo vantaggio, 15-17; la Ren-Auto, dal canto suo, in attacco continua a sbagliare contro la chiusissima zona avversaria ed è costretta ad inseguire. Dopo 4' di "siccità" Noemi Duca firma il nuovo pareggio, 17-17. La Magika è comunque più a fuoco, anche perché da fuori l'Happy non la mette mai, e con i rimbalzi d'attacco e la forza del proprio centro D'Aguano, efficacissima dentro l'area, allunga sul +6, 17-23. L'inerzia cambia in continuazione e così, aumentando l'intensità difensiva, la Ren-Auto impatta sul 25-25 a 40" dall'intervallo. Le squadre vanno al riposo sul 27-27. Al ritorno in campo l'Happy continua a pagare tantissimo il gap fisico e anche quando difende bene, o benissimo, concede alla Magika rimbalzi d'attacco che producono secondi, o addirittura terzi tiri. Nonostante questo il match rimane in equilibrio, perché le rosanero non lesinano gli sofrzi. Dal 29-29, però, Castel S.Pietro riprende in mano la partita e con un micidiale parziale di 11-0, prova a ipotecare la vittoria, 29-40. Coach Rossi, allora, mette anche le sue a zona 2-3 e la scelta paga, perché la Ren-Auto si riavvicina e chiude il quarto sul 37-42. Il primo canestro dell'ultimo periodo le segna Novelli ed è la tripla che rimette tra le squadre un solo possesso, 40-42. Poco dopo La Forgia dalla lunetta pareggia, 42-42. Ancora La Forgia con un canestro dall'angolo riporta la Ren-Auto avanti dopo una vita, 44-43. In campo adesso è battaglia, le squadre non si risparmiano colpi e segnano con continuità: a 3' dalla fine la Magika è di nuovo avanti, 49-52. In un finale convulso sono ancora i rimbalzi d'attacco, che Castel S.Pietro arpiona ripetutamente, a fare la differenza e a regalare i due punti alle ospiti. Finisce 51-54 «Evidentemente abbiamo qualche problema contro Castel S.Pietro e contro la zona... - spiega coach Rossi -. Abbiamo perso per i troppi rimbalzi d'attacco concessi. Ho scelto di non alzare il quintetto per avere più circolazione di palla e più tiro contro la zona: era servito, avevamo recuperato, ma la Magika è stata brava e fredda nel finale. Non abbiamo fatto una settimana di allenamento esaltante, dobbiamo rimetterci giù e lavorare, lavorare, lavorare. Il tiro non è entrato, ma il problema non è stato quello, ma, come detto, l'aver subito troppo a rimbalzo, spesso dopo aver difeso bene». La Ren-Auto tornerà in campo a Matelica sabato 14 dicembre, alle ore 18.30, per il match con le Thunder.

HAPPY BASKET-Libertas Forlì 70-54 (11-14; 24-16; 14-14; 21-10), giocata giovedì 5/12. Tabellino: La Forgia 15, Vespignani 7, Duca E. 12, Pignieri 4, Duca N. 24, Palmisano 6, Poplawska Li., Poplawska La., Poggi, Mecozzi 2, Mescolini. All. Rossi La Ren-Auto U18 di caoch Pier Filippo Rossi si aggiudica il big match con Forlì e consolida imbattuta il primo posto nel girone. Le rosanero impiegano un quarto ad adattarsi alla zona, utilizzata per tutti i 40' dalle ospiti: nei primi 10' fioccano gli errori sia al tiro, che in situazione di contropiede e così Forlì chiude avanti alla pausa, 11-14. Il secondo quarto comincia sulla stessa falsa riga e così la Libertas tocca anche il +10, 14-24. A questo punto, però, l'Happy cambia marcia e infila un parziale di 21-6 che ribalta tutto e porta le squadre all'intervallo sul 35-30. La terza frazione si sviluppa in totale equilibrio, ma nell'ultima la Ren-Auto trova lo sprint vincente e chiude la contesa sul +16, 70-54. «Nel complesso abbiamo difeso bene - spiega coach Rossi -, mentre in attacco all'inizio abbiamo sbagliato di tutto da qualsiasi posizione del campo, pur facendo le cose giuste. Quando abbiamo preso le misure le cose sono decisamente cambiate e forse il margine poteva essere più ampio. L'unico rammarico è stato quello di non aver potuto utilizzare rotazioni più ampie, ma contro 40' di zona ho dovuto tenere in campo chi sa attaccare quel tipo di difesa». La Ren-Auto U18 tornerà in campo alla Carim mercoledì 11 dicembre, alle ore 19.40, per il match con l'Hellas Cervia.

  Libertas Forlì-HAPPY BASKET 53-42 (19-13; 11-9; 14-5; 9-15), giocata mercoledì 4/12. Tabellino: Innocenti, Mescolini 17, Gambetti 10, Guiducci 4, Vergine 8, Fulgenzi, Hyseni, Semprini, Piselli, Pratelli 3, Brocchi. All. Rossi Brutta serata per la Ren-Auto U16 in quel di Forlì: le rosanero, sempre prive di Del Fabbro e Tiraferri, incappano nella più classica delle giornate in cui non funziona nulla e si devono arrendere alle padrone di casa della Libertas. Forlì parte meglio e, affidandosi alla sua miglior giocatrice, buca con continuità la difesa dell'Happy, che, dal canto proprio sbaglia tanto e soprattutto non trova una continuità offensiva che permetta di ricucire il margine. A decidere la gara è un terzo quarto in cui la Ren-Auto è troppo imprecisa in attacco e segna appena 5 punti; nell'ultima frazione il tentativo di rimonta è come al solito generoso, ma non sufficiente a riaprire la partita. «In una stagione capita sempre la partita no e a noi è capitata oggi - spiega coach Rossi -; oltre a questo fisicamente eravamo parecchio giù, del resto le assenze riducono le rotazioni ed in più eravamo reduci dalla battaglia con Cervia. Forlì si è chiusa in area e noi non siamo riuscite a mettere in difficoltà la difesa. Speriamo di recuperare le infortunate per la sfida con Santarcangelo che sarà decisiva». La Ren-Auto U16 tornerà dunque in campo alla Carim mercoledì 18 dicembre, alle ore 19.40, per il match con Santarcangelo.

Nuova Virtus Cesena-HAPPY BASKET 48-42 (8-21; 15-3; 12-9; 13-9), giocata mercoledì 4/12. Tabellino: Oddi, Cartoscella, Prosperi, Gambetti C., Gambetti A. 1, El Morchadi 2, Pignieri 23, Dedda, Gasparroni, Belhaj 5, Rinaldi 2, Delvecchio 9. All. Albani Esce sconfitta dal match contro Cesena la Ren-Auto U14 di coach Massimo Albani, ma le giovani rosanero hanno davvero poco da rimproverarsi, visto che in campo lottano dall'inizio alla fine, nonostante gli acciacchi e un metro piuttosto permissivo. La trasferta comincia in maniera anomala: stante il contemporaneo impegno dell'U16 a Forlì, la società decide di spostare le ragazze in treno, scelta che la squadra accoglie con grande entusiasmo ad ulteriore testimonianza di quanto questo gruppo sia affiatato. In campo la partenza è super: l'Happy va letteralmente come un treno e segna la bellezza di 21 punti, subendone appena 8. La Nuova Virtus però è squadra fisica e può contare sul fattore campo: il secondo quarto assomiglia al primo, ma a ruoli invertiti e così si arriva all'intervallo sul 23-24. Il secondo tempo è invece equilibrato, ma Cesena riesce a mettere la testa avanti e a gestire il vantaggio fino alla sirena. «Le ragazze hanno dato il massimo - spiega coach Albani - e nonostante le assenze e qualche acciacco non hanno preso alibi, né si sono tirate indietro. Siamo partiti bene, poi però è finita la benzina. Siamo l'unica squadra che mette 2008 in quintetto e questa è una grande soddisfazione, visto che anche le più giovani stanno imparando a prendersi delle responsabilità. Su un campo difficile abbiamo difeso e lottato: dobbiamo continuare a lavorare, i miglioramenti si vedono e pazienza se a volte abbiamo sbagliato buoni tiri, perché li abbiamo comunque costruiti bene. Sono dispiaciuto per il risultato, non per la prestazione». La Ren-Auto U14 tornerà in campo alla Carim domenica 8 dicembre, alle ore 11.00, per il match con Faenza Futura.

Aics-HAPPY BASKET 39-60 (7-11; 18-18; 8-11; 6-22), giocata lunedì 2/11. Tabellino: Poplawska Li. 7, Poplawska La. 4, Pignieri 13, Poggi 2, Mecozzi 14, Martinini 2, Comini 6, Mescolini 3, Gambetti 7, Vergine 2, Bozzelli. All. Bezzi Non ha problemi la Ren-Auto U18 guidata per l'occasione da coach Eros Bezzi a tornare da Forlì con i due punti: le rosanero, dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, si sciolgono offensivamente nella ripresa e chiudono in crescendo con un'ultima frazione da 22-6, che non dà scampo all'Aics. Unica notizia negativa della serata il problema fisico occorso ad Elisa Martinini, la cui entità sarà valutata nei prossimi giorni. «Stasera ho potuto dare spazio a tutte - spiega coach Bezzi - e sono contento perché le ragazze si sono cercate molto, non lesinando impegno. In attacco abbiamo sbagliato qualcosa di troppo, pur costruendo bene, in difesa abbiamo preso le misure alle nostre avversarie nel secondo tempo e questo ci ha permesso di correre e di giocare in velocità e di chiudere la partita». La Ren-Auto U18 tornerà in campo alla Carim giovedì 5 dicembre, alle ore 17.50, per il big-match con la Libertas Forlì.