Happy Basket

REN-AUTO vs Hellas Cervia 50-54 (5-17; 11-15; 20-11; 14-11), giocata giovedì 2/12. Tabellino: Pignieri 11, Oddi 7, Cardelli 8, Cartoscella 5, Mbaye, Zangheri, Martellotta 12, Isibor 3, Mancini 2, Dedda, Addabbo, Rinaldi 2. All. Rossi. Alle scuole Rodari va in scena il big-match del girone C, con la Ren-Auto che ospita l'imbattuta capolista Cervia che all'andata si era imposta di due sole lunghezze dopo un tempo supplementare: in panchina siede coach Pier Filippo Rossi, stante la quarantena familiare di coach Massimo Albani Le ospiti sono squadra fisica e tecnica e approcciano la gara con grande aggressività: 3-16 dopo 8' di gioco. Nel finale di frazione l'Happy ha una reazione in termini di gioco, difende meglio e prova a correre, ma è imprecisa e rimane lontana, 5-17. Il secondo quarto segue lo stesso canovaccio: la Ren-Auto non è inferiore in termini di atteggiamento e voglia di lottare, ma difetta di lucidità e precisione, diversamente da Cervia che quando può capitalizza. Il parziale di frazione rispecchia il maggior equilibrio, 11-15, ma nel totale l'Hellas va al riposo col doppio dei punti segnati, 16-32. Al ritorno in campo qualcosa è cambiato, la difesa stringe meglio e l'attacco trova finalmente un po' di continuità: parziale di 10-2 e partita riaperta, 26-34. La Ren-Auto non si ferma e Cartoscella con 5 punti consecutivi guida la rimonta, 33-36: in 6' le rosanero hanno segnato 17 punti, uno in più dell'intero primo tempo. Le rosanero hanno persino tre possessi per arrivare a -2, ma sprecano senza riuscire a tirare e così l'Hellas può rifiatare e chiudere il quarto a +7, 36-43. Le ospiti tengono il pallino del gioco anche ad inizio quarto quarto e sembrerebbero sul punto di chiuderla quando toccano nuovamente il +10, 38-48, ma la Ren-Auto con tutte le energie residue si aggrappa alla partita e in pochi minuti torna a -4, 46-50. Curiosità del quarto quarto: per due volte, una per parte, l'arbitro sbaglia l'assegnazione della rimessa e in entrambi i casi sono le giocatrici in campo a correggere, con grande fair-play, la decisione, autoaccusandosi dell'ultimo tocco. Il finale è bellissimo da vedere per l'intensità che le due squadre mettono in campo: a 59" dalla fine Cervia è a +5 con possesso a favore, ma dopo la rimessa Isibor ruba palla e in contropiede va a segnare il canestro del 50-53; coach Rossi chiama il fallo che arriva sì, ma con qualche secondo di ritardo; l'Hellas fa 0/2, ma altrettanto fa l'Happy dopo un fallo a rimbalzo. A 8' dalla fine le ospiti segnano, questa volta, il libero del definitivo 50-54. «Abbiamo avuto un approccio di gare disarmante - commenta coach Rossi - e lo abbiamo pagato alla fine. Non siamo state fluide in attacco e d'altra parte questo è un gruppo che non si allena sempre insieme e che deve ancora lavorare molto sulla coesione. In più abbiamo anche dovuto fare a meno di coach Albani e questo è stato un ulteriore elemento di discontinuità. Onore alle nostre avversarie perché a livello di intensità e fisicità hanno dato più di noi. Dobbiamo sistemare un po' di cose, migliorare la mentalità e qualche comportamento in campo che non va bene. Di positivo c'è stata reazione, nonostante la confusione in attacco».

Faenza Basket Project vs REN-AUTO 29-87 (8-24; 3-26; 5-16; 13-21), giocata domenica 28/11. Tabellino: Pignieri 8, Riva 16, Monaldini 18, Venturi 2, Castellani 15, Savini 2, Martellotta 2, Isibor 2, Prosperi 2, Frambosi 7, Fulgenzi, Mongiusti 13. All. Rossi Non ha problemi la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi a tornare da Faenza con l'ennesimo successo stagionale: per le giovani rosanero si tratta della quarta vittoria in altrettante gare, risultato che consolida il primo posto nel girone C. Faenza non ha armi da opporre alle ragazze dell'Happy e il divario incrementa quarto dopo quarto con consistenza costante. «Non era certamente un test proibitivo - spiega coach Rossi -, ma le ragazze sono state brave perché segnare 87 punti in una gara in discesa testimonia quanto buono sia stato l'approccio di gara. Ho potuto ruotare tutte, cercando di risparmiare le U15 che in settimana affronteranno una gara difficile con Cervia». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim giovedì 9 dicembre, alle ore 18.00, per il match con la Nuova Virtus Cesena.

REN-AUTO vs Porto San Giorgio Basket 75-57 (22-16; 21-12; 13-9; 19-20), giocata sabato 27/11. REN-AUTO: Novelli 6, Duca E. 16, Pignieri 15, Duca N. 11, Renzi 1, Borsetti 2, Capucci 11, Lazzarini 2, Tiraferri 2, Gambetti 9. All. Rossi PSG: Ruggeri 1, Induti 8, Fancello, Medori 2, Forò, Andreacci 8, Gianangeli 12, Giammarini, Lattanzi 11, Principi 2, Nociaro 13. All. Ficiarà Arbitri: Colinucci e Mazza La Ren-Auto torna alla Carim dopo un mese - il 30 ottobre contro Pesaro l'ultima apparizione sul parquet amico - e ospita Porto San Giorgio per la seconda giornata di ritorno del girone C di Serie B. Coach Rossi deve fare a meno dell'infortunata Fabiola Madonna - difficilmente in campo prima dell'anno nuovo - e sceglie un quintetto composto da: Novelli, Pignieri, Capucci, Eleonora e Nomei Duca. Anche Porto San Giorgio deve fare i conti con gli infotuni, che limitano le rotazioni di un roster giovanissimo che ha nella 2005 Agnese Gianangeli, recentemente convocata in Nazionale U18, la propria punta di diamante. Il primo canestro dell'incontro lo segna proprio la stellina in maglia verde e sarà l'unico vantaggio di Porto San Giorgio; Pignieri pareggia poco dopo ed Eleonora Duca realizza il 4-2. Le gemelle Duca e Pignieri guidano un attacco rosanero che corre benissimo e segna ben 22 punti in un quarto; le ospiti si aggrappano a Gianangeli e restano comunque in scia, 22-16 al primo intervallo che sarebbe 19-16 se non fosse per Gambetti che, con 3'5" da giocare, si fa tutto il campo in palleggio e insacca la tripla sulla sirena. Nel secondo tempo la Ren-Auto aumenta i giri anche in difesa e in attacco continua a segnare con transizioni impeccabili e un grande movimento senza palla che taglia la difesa ospite in evidente difficoltà. All'intervallo l'Happy è sopra di 15, 43-28. Il terzo quarto è probabilmente il meno bello da vedere, caratterizzato da azioni confuse, tante palle perse e una certa sterilità offensiva, che consente comunque alla Ren-Auto di allargare il divario, 56-37. L'ultimo quarto diventa così una formalità, tanto più che con 4 punti consecutivi di Gambetti le rosanero toccano anche il +25, 65-40. Porto San Giorgio non rinuncia comunque a giocare, vince la frazione e lima il margine fino al definitivo 75-57. «Sono molto contento dell'approccio alla partita - spiega coach Rossi -, di come l'abbiamo condotta: negli ultimi 15 giorni abbiamo lavorato soprattutto sull'attacco e stasera abbiamo segnato 75 punti. In difesa siamo una garanzia, qualcosa stiamo cambiando e abbiamo fatto un po' di confusione, ma per 25'/30' abbiamo tenuto un buon ritmo. Era una partita importantissima, perché ci permette di fare un passo importante verso la seconda fase: la fase playoff non è ancora acquisita, ma manca poco e ho detto alle ragazze che dobbiamo provare a vincere tutte le tre partite che ci rimangono». La Ren-Auto tornerà in campo a Pesaro domenica 5 dicembre, alle ore 19.00, per il match con l'Olimpia.

Nuova Virtus Cesena vs REN-AUTO 26-65 (8-23; 4-16; 11-16; 3-10), giocata mercoledì 24/11 Tabellino: Pignieri 12, Oddi 7, Cardelli 11, Cartoscella, Piva, Martellotta 13, Isibor 16, Mancini 2, Dedda 2, Addabbo, Gasparroni 2, Rinaldi. All. Albani La Ren-Auto U15 di coach Massimo Albani vince anche a Cesena e chiude il girone d'andata al secondo posto con quattro vittorie ed una sola sconfitta, quella patita di misura contro la capolista Cervia. Un bel risultato per un gruppo che ha potenziale, e questo si sapeva, ma è comunque nuovo e con una chimica ancora in fase di costruzione. Ad ogni modo un successo che conferma la bontà del progetto Phoenix costituito con Santarcangelo e I.B.R.. La partita con Cesena viene decisa già nel primo quarto e, senza voler sembrare irrispettosi, la Ren-Auto non è nemmeno precisissima in attacco. Nella seconda frazione la difesa aumenta d'intensità e il parziale all'intervallo, 12-39, sa già di sentenza definitiva. Il secondo tempo è più equilibrato, ma le giovani rosanero si impongono comunque in ciascun parziale e chiudono il match sul 26-65. «Finiamo il girone d'andata al secondo posto - commenta coach Albani -, un risultato che è merito di queste ragazze, sempre pronte a dare il 101%. Abbiamo comunque degli aspetti da migliorare: dobbiamo crescere nel gioco di squadra, imparare a prenderci ciascuna le giuste responsabilità individuali ed evitare di "sederci" quando le avversarie non sono irresistibili. Nel complesso comunque tutte si impegnano tantissimo, abbiamo delle indubbie qualità e credo che con il lavoro in allenamento acquisiremo ancora più consistenza». La Ren-Auto U15 tornerà in campo alle scuole Rodari giovedì 2 dicembre, alle ore 19.30, per il match con l'Hellas Cervia.

Capra Ravenna vs REN-AUTO 54-58 (20-11; 7-12; 17-19; 10-16), giocata martedì 23/11 Tabellino: Pignieri 2, Pratelli 13, Riva 4, Monaldini 12, Venturi, Castellani, Savini 1, Martellotta 10, Prosperi, Frambosi, Mongiusti 12, Cardelli 4. All. Rossi Di scena a Ravenna per il big match che oppone le uniche due squadre imbattute del girone e che vale dunque la testa della classifica, la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi gioca una partita di grande intensità e porta a casa due punti tanto pesanti quanto meritati. In avvio sono le padrone di casa ad essere più a fuoco e a provare la fuga: 20-11 nel primo quarto e gara in salita per le giovani rosanero. La Ren-Auto si ritrova con la difesa e comincia la rincorsa concedendo appena 7 punti a Ravenna nella seconda frazione. All'intervallo il Capra Team chiude comunque avanti di due possessi, 27-23. Il terzo quarto è il più equilibrato del match: entrambi gli attacchi sono in palla, ma è l'Happy a prevalere di quel tanto che basta per limare ulteriormente lo svantaggio e chiudere all'ultima pausa a -2, 44-42. Come in ogni buon film che si rispetti il bello viene alla fine e il paziente capolavoro rosanero si compie proprio nell'ultima frazione: l'attacco non perde colpi e la difesa ritorna attenta e aggressiva. La Ren-Auto mette la testa avanti sul 49-50, ma Ravenna risorpassa subito con una tripla e allunga con un canestro più fallo - tiro libero non realizzato - per il 54-50. Sembra un colpo da k.o. e invece la Ren-Auto pareggia con due canestri di Greta & Greta - Riva e Mongiusti -, poi Monaldini con un libero segna il punto del vantaggio, 54-55, e Pratelli chiude ogni discorso con la prima tripla Happy della serata per il definitivo 54-58. «Complimenti ad entrambe le squadre - commenta coach Pier Filippo Rossi - è stata una bellissima partita, di quelle che non si vedono spesso a livello di U17. Loro sono una squadra giovane, molto fisica e ben organizzata, hanno segnato con continuità giocando benissimo penetra e scarica e in difesa ci ha messo molto le mani addosso rendendoci la vita difficile. Noi abbiamo sbagliato l'approccio di gara e parecchi tiri in attacco, ma poi le ragazze sono state bravissime nel trovare la giusta intensità, principalmente in difesa, e nel ribaltare la gara. Sono molto contento del gruppo, abbiamo avuto ottime cose anche dalle U15, Pignieri, Martellotta e Cardelli che è del 2008 e gioca grazie ad una deroga. Era una gara difficile, ci giocavamo il primo posto e siamo stati bravi a vincerla». La Ren-Auto tornerà in campo a Faenza domenica 28 novembre, alle ore 12.00, per il match con il Faenza Basket Project.

REN-AUTO vs Faenza BP 93-39 (27-7; 23-5; 24-14; 19-13), giocata giovedì 18/11. Tabellino: Pignieri 17, Oddi 14, Cardelli 17, Cartoscella 6, Zangheri 1, Martellotta 14, Isibor 8, Mancini 2, Dedda 4, Addabbo, Gasparroni 4, Rinaldi 6. La Ren-Auto U15 di coach Massimo Albani rispetta in pieno il pronostico e batte di slancio Faenza sul campo amico delle scuole Rodari. Le giovani rosanero approcciamo benissimo la gara e mettono al sicuro il risultato già nel primo quarto, grazie ad un netto 27-7 di parziale. Nella seconda frazione la musica non cambia e si arriva così all'intervallo sul 50-12. Nel secondo tempo il ritmo cala leggermente, ma non cambia la sostanza ed il finale "palindromo", 93-39, è servito. «Stasera abbiamo approcciato la gara benissimo - spiega coach Albani -, giocando subito forte e trovando la via del canestro dalla prima all'ultima azione: 93 punti sono davvero tanti. Avremmo potuto sfruttare l'occasione per provare a giocare di più insieme, migliorando la circolazione e il gioco senza palla, ma abbiamo scelto la strada più "comoda", visto che le avversarie non hanno opposto grande resistenza. Non posso d'altra parte biasimare delle ragazze così giovani se cercano di segnare quando la difesa concede molto, è una cosa del tutto normale». La Ren-Auto tornerà in campo a Cesena mercoledì 24 novembre, alle ore 18.15, per il match con la Nuova Virtus.

REN-AUTO vs Aics 91-44 (27-13; 35-12; 17-10; 12-9), giocata martedì 16/11. Tabellino: Pignieri 5, Pratelli 13, Riva 10, Monaldini 17, Venturi 2, Castellani 5, Savini 4, Martellotta 10, Isibor 4, Frambosi 3, Fulgenzi 4, Mongiusti 14. All. Rossi All'esordio casalingo, davanti ad una buona cornice di pubblico, la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi offre una prova di forza con L'Aics Forlì, disputando una gara spumeggiante in attacco e attenta in difesa. Le rosanero sono implacabili nei primi due quarti e vanno al riposo lungo con una margine di vantaggio ampissimo, +37 sul 62-25. Nella ripresa il ritmo inevitabilmente cala, ma la Ren-Auto continua a giocare e chiude sul 91-44. «Abbiamo segnato 62 punti nel primo tempo e questo la dice lunga sulla nostra prova in attacco - spiega coach Rossi -: loro non sono una prima della classe ma nemmeno una cattiva squadra, i meriti sono soprattutto nostri. Abbiamo tirato con buonissime percentuali, anche da tre, corso bene e difeso: fisicamente siamo una squadra un po' leggera, ma le ragazze stanno trasferendo sul campo quello che proviamo in allenamento e i risultati si vedono, non è mai semplice segnare 91 punti. Hanno giocato tutte e dodici, incluse le tre U15, e si sono divertite. Dalla prossima settimana dovrebbero cominciare i test più impegnativi, ma per ora sono molto contento». La Ren-Auto tornerà in campo a Ravenna martedì 23 novembre, alle ore 18.20, per il match con il Capra Team.

Basket 2000 Senigallia vs REN-AUTO 51-45 (5-6; 17-16; 21-6; 8-17), giocata sabato 13/11. Basket 2000: Cantone 12, Cattalani, Amadei 2, Bernardi, D'Amico, Borghetti 3, Fromica, Lazzari, Torruella 15, Angeletti 10, Ceccanti 9. All. Luconi REN-AUTO: Novelli 5, Madonna 5, Duca E. 4, Pignieri 8, Duca N. 9, Renzi 2, Capucci 10, Lazzarini 2, Tiraferri, Gambetti. All. Rossi Arbitri: Auriemma e Rupoli Per l'ultima giornata di andata del Girone C la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi è di scena a Senigallia, per giocarsi con le padrone di casa il secondo posto in classifica dietro Ancona. Sarà l'importanza della posta in palio, sarà una semplice coincidenza, ma entrambi gli attacchi in avvio sono freddissimi e la palla non entra mai. 2-3, dopo 0-3. Ritmo alto, ma tanta confusione con continui errori in transizione da una parte e dall'altra: le squadre raramente riescono a trovare giocate profonde ed in particolare la difesa Ren-Auto concede solo tiri dalla lunga che, fortunatamente, il Basket 2000 non realizza. Noemi Duca da sotto segna il "goal" del 2-5 a 3' dal primo riposo. Con 55" da giocare Senigallia ruba palla e in contropiede segna il canestro del 5-5, ma poco dopo un tiro libero di Noemi Duca consente all'Happy di chiudere il primo quarto avanti sul 5-6. Inevitabilmente il secondo quarto vede salire le percentuali offensive: dopo poco meno di 3' Capucci segna la tripla dell'8-11 e a metà quarto esatta una transizione ben orchestrata da Lazzarini, dopo l'ennesima rubata in difesa, porta Eleonora Duca a segnare il massimo vantaggio fino a questo punto, 12-16. Capitan Novelli con due liberi e un assist perfetto per un comodo appoggio di Lazzarini guida il parziale di 4-0 che porta la Ren-Auto sul +8, 12-20. Il Basket 2000 passa a zona 2-3 e l'Happy, pur costruendo tiri aperti, non segna più: a 44" dal riposo lungo Senigallia pareggia dalla lunetta, 22-22. Le rosanero hanno un ultimo possesso, ma la palla non entra e così il primo tempo si chiude in perfetto equilibrio. Il primo canestro della ripresa lo segna Noemi Duca che anticipa forte e alto la diretta avversaria e si invola in contropiede, 22-24. Il possesso successivo è quello che vede le padrone di casa mettere la testa avanti per la prima volta: tripla del 25-24, immediatamente doppiata da un'altra tripla, quella del 28-24. La Ren-Auto è scossa, perde di lucidità difensiva e concede una tripla apertissima che Senigallia, decisamente on-fire, non sbaglia, 31-25. E non finisce qui perché, dopo un altro errore Happy, Senigallia segna la quarta tripla consecutiva per il 34-25 che costringe coach Rossi al time-out. L'emoragia difensiva però non si ferma, anche perché il Basket 2000 non sbaglia più nulla e realizza con percentuali irreali: a 3' dall'ultima pausa la Ren-Auto è a -15, 40-25. Il terzo quarto si chiude con un eloquente parziale di 21-6 per il complessivo 43-28. Quando l'inerzia sembra totalmente a sfavore, l'Happy trova in difesa le proprie migliori risorse e, con due liberi di Novelli e due contropiedi da palle rubate, realizza un parziale di 6-0 che riavvicina le squadre, 43-34 a 6'54" dalla fine. La Ren-Auto avrebbe un paio di possessi per riaprire del tutto la partita, ma li spreca e Senigallia resta avanti in doppia cifra. Finita? No, perché le rosanero hanno una reazione clamorosa e con un parziale di 11-0 - 17-2 da inizio quarto -, costruito in un paio di minuti, pareggiano, 45-45, a 1' dalla fine. Il Basket 2000 però non crolla e trova prima la tripla del 48-45, poi i liberi del 51-45, che chiudono la gara. «Abbiamo avuto un black-out totale per 6'/7' nel terzo quarto - spiega coach Rossi - e Senigallia è stata brava ad aumentare la pressione per approfittare della nostra mancanza di ritmo in attacco. Nel primo quarto abbiamo difeso benissimo, ma poi abbiamo buttato via troppi palloni che ci avrebbero permesso di accumulare un vantaggio importante. La mancanza di fluidità offensiva è colpa mia, sto cerando di trovare la chiave e dobbiamo lavorare principalmente su questo, perché in difesa le ragazze sono state brave. Ci serve un po' di continuità non si può giocare accendi/spegni. Nonostante questo, comunque, nel girone di andata ne abbiamo vinte due in maniera netta e perse altrettante di poco: dobbiamo presentarci pronte tra 15 giorni, imposteremo il lavoro per migliorare l'equilibrio offensivo». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 27 novembre, alle ore 20.30, per il match con Porto San Giorgio.

Capra Ravenna vs REN-AUTO 48-54 (9-12; 15-12; 11-17; 13-13), giocata venerdì 12/11. Tabellino: Pignieri 13, Oddi 2, Cardelli 6, Gasparroni, Cartoscella 3, Martellotta 12, Isibor 18, Mancini, Dedda, Addabbo, Rinaldi. All. Albani Secondo successo consecutivo per la Ren-Auto di coach Massimo Albani: le giovani rosanero, alla fine di un match nel complesso equilibrato, tornano da Russi con i due punti, grazie ad un buon avvio e ad un ottimo terzo quarto. Le padrone di casa sono squadra fisica e di buonissimo livello che nelle prime due uscite stagionali ha segnato rispettivamente 87 e 64 punti: inevitabile aspettarsi che la difesa sia la chiave della gara. La Ren-Auto parte subito bene, concede pochissimo e chiude il primo quarto sopra di tre; il Capra Team risponde nella seconda frazione e si va così al riposo lungo in perfetta parità, 24-24. Il terzo quarto è quello che decide la gara: l'Happy alza ulteriormente l'intensità difensiva, trova maggior fluidità in attacco e accumula 6 pesantissimi punti di scarto, 35-41. Nell'ultima frazione le rosanero contengono benissimo il tentativo di rimonta delle padrone di casa e si godono un meritato successo. «Abbiamo concesso solo 47 punti ad una squadra che ne segnava 75 di media - commenta coach Albani -: nel primo tempo abbiamo difeso bene soprattutto individualmente nell'uno contro uno, nel secondo tempo abbiamo aggiunto aiuti e difesa di squadra. L'atteggiamento difensivo e la voglia di sacrificarsi sono certamente quello che ha fatto la differenza, ma nel secondo tempo abbiamo anche girato bene la palla in attacco. Possiamo ancora crescere, mi piacerebbe vedere un po' più di intraprendenza da parte di qualche ragazza, ma siamo sulla buona strada. Comunque complimenti alla ragazze, sono state molto brave». La Ren-Auto tornerà in campo alle scuole Rodari giovedì 18 novembre, alle ore 19.30, per il match con il Faenza Basket Project.

Futurvirtus vs REN-AUTO 40-62 (15-16; 0-18; 7-14; 18-14), giocata domenica 7/11. Tabellino: Pignieri 8, Pratelli 13, Riva 1, Monaldini 12, Savini, Martellotta 4, Isibor 4, Frambosi 4, Fulgenzi 2, Mongiusti 14, Brocchi. All. Rossi Vince bene la Ren-Auto U17 all'esordio stagionale: le rosanero di coach Pier Filippo Rossi, gruppo nuovo di zecca nato all'interno del progetto Phoenix, impiegano un quarto ad ingranare, ma poi prendono il largo e scappano via diventando irraggiungibili. Salta in particolare all'occhio il 18-0 rifilato alle avversarie nel secondo quarto, un parziale perentorio che chiude in sostanza la gara già nel primo tempo. La seconda metà serve così solo a fissare il 40-62 finale. «Come prima partita sono soddisfatto - spiega coach Rossi -: questo è un gruppo nuovo, costituito da ragazze di età diverse, che si allenano anche in altri gruppi con sistemi di gioco diversi, è chiaro che la chimica sia da perfezionare. Sono comunque ragazze che giocano da tempo, tecnicamente di buon livello, con atteggiamento e disponibilità giuste, che stanno mostrando miglioramenti evidenti. Oggi, dopo un approccio comprensibilmente difficile, ho chiesto di alzare l'intensità difensiva nel secondo quarto e la risposta è stata un 18-0: da lì abbiamo giocato una buonissima parte centrale di gara». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim martedì 16 novembre, alle ore 18.00, per il match con l'A.i.c.s. Forlì.