News

La società Rimini Happy Basket comunica di aver tesserato l'atleta Laura Garaffoni per la stagione sportiva 2022/2023: l'accordo prevede una clausola di uscita nella finestra di mercato di gennaio, in caso di proposta da una società di categoria superiore. Garaffoni, nata a Cesena il 14 aprile 1999, ha cominciato a giocare a minibasket nella sua città, per poi passare a Cervia dall'U15. Con Cervia ha anche esordito in Serie B nella stagione 2015/2016. Successivamente ha vissuto una breve esperienza a Forlì, dieci presenze in A2, ed ad Orvieto in B, ma senza scendere in campo per lo stop dovuto al covid. La stagione sportiva 2020/2021 la vede impegnata nuovamente in A2 con la maglia della Pall. Bolzano: per lei 5 punti di media in 14 partite. La scorsa stagione il ritorno in Serie B da protagonista alla Jolly Livorno: 11.4 punti a partita con high, due volte, di 22 punti. Coach Andrea Maghelli: «Laura ha un’etica e un’attitudine al lavoro che ho visto raramente e atleticamente è una giocatrice di categoria superiore: per noi può essere un innesto importante sia tecnicamente che umanamente, perché ha legato subito con tutti ed è già parte del gruppo. Ovviamente speriamo che rimanga fino a fine stagione, cercheremo di creare l’atmosfera giusta per invogliarla a restare, ma se dovesse trovare una squadra in serie A faremo il tifo per lei con tutto il cuore». «Innanzitutto ci tengo a ringraziare Happy Basket per l'opportunità che mi ha dato - commenta Garaffoni -: per me è importante allenarmi forte dando sempre il cento per cento e per questo ho accettato con entusiasmo la proposta di Rimini, una società strutturata di cui mi hanno parlato tutti bene, che può permettermi di crescere. Mi sono trovata benissimo sia con lo staff che con le compagne, è bastata una settimana di allenamenti. Certamente la mia ambizione è quella di poter giocare in serie A, ma per raggiungere questo obiettivo so di dover lavorare duro ed è quello che farò anche in maglia Happy, sperando di dare un buon esempio. Come giocatrice penso che il mio punto di forza sia il tiro, in particolare il tiro da tre punti, ma credo di essere un atleta abbastanza completa e sto lavorando tanto su passaggio e playmaking per avere una visione più ampia del gioco ed essere ancora più utile alla squadra».

Rimini Happy Basket è lieta di annunciare che coach Andrea Maghelli rivestirà il ruolo di capo allenatore della Ren-Auto di Serie B e della Ren-Auto U19 per la stagione sportiva 2022/2023. Maghelli, classe '71, alla prima esperienza nella pallacanestro femminile, comincia ad allenare nella sua Brindisi; nella stagione 2001/2002 arriva a Rimini come assistente di coach Franco Ciani ai Crabs. Per ben nove anni allena in Austria, prima i Traiskirchen Lions, poi il BC Vienna con cui vince il campionato nella stagione 2014/2015. Tornato a Rimini è coach dei Crabs in seria B nel 2014 e dal 2016 al 2018. Nel luglio 2021 assume l'incarico di capo-allenatore della nazione della Repubblica di San Marino. Coach Maghelli sarà affiancato, sia in prima squadra che nell'U19, da coach Gianluca Sansone in qualità di vice. «L'anno scorso mi sono divertito molto a fare l'assistente - sono le prime dichiarazioni del neo-coach Ren-Auto -: ho imparato a conoscere un mondo per me nuovo, seppur con un ruolo più defilato. Adesso la situazione è completamente diversa perché avrò ovviamente ben altre responsabilità e sono molto contento di poter approfondire questa esperienza. Per questo ho accettato con entusiasmo la proposta di Happy Basket». «Andrea è ancora giovane, ma ha già una carriera importante ad alto livello - commenta il presidente Giampaolo Piomboni - per questo averlo con noi è motivo di grande soddisfazione: nella stagione appena trascorsa abbiamo avuto modo di conoscerlo anche fuori dal campo, ricavandone un'ottima impressione. Questo per noi è un aspetto fondamentale: cerchiamo sempre persone che a capacità e conoscenze tecniche abbinino le giuste doti umane per far crescere al meglio le nostre ragazze. Da questo punto di vista poter contare su Andrea Maghelli e su Pier Filippo Rossi, che ha assunto un ruolo di primaria importanza per lo sviluppo di tutto il Settore Giovanile del progetto Phoenix, ci permette di avere uno staff altamente qualificato, sia per la prima squadra che per le atlete più giovani».

La Federazione Italiana Pallacanestro ha diramato alcuni giorni fa la composizione dei gironi del campionato di Serie B Femminile 2022/2023. A differenza delle scorse stagioni la Ren-Auto è stata inserita in un girone interamente emiliano-romagnolo. In attesa del calendario è stato inoltre reso noto che il campionato prenderà ufficialmente il via domenica 2 ottobre 2022. GIRONE B 026025 BASKET FINALE EMILIA ASD 038163 RIMINI HAPPY BASKET A.S.D. 048011 B.S.L. SAN LAZZARO ssdrl 048068 SCUOLA BASKET SAMOGGIA 1999 A.S.D. 051313 A.S.D. MAGIKA PALLACANESTRO 052969 LIBERTAS BASKET ROSA FORLI ASD 054755 NUOVA VIRTUS CESENA

Rimini Happy Basket è orgogliosa di annunciare che Ren-Auto Piraccini sarà il main sponsor della società anche per la stagione sportiva 2022/2023. Una partnership consolidata che va ben oltre i confini della semplice sponsorizzazione, dal momento che la famiglia Piraccini è coinvolta e partecipe nell’attività sportiva che va dal minibasket alla prima squadra. «E’ un momento difficile e di trasformazione nel nostro comparto, ma affrontiamo la sfida guardando al futuro – spiega Giovanni Piraccini -: per noi è importante dare un segno di continuità per il lavoro svolto in questi anni ed un sostegno alle ragazze e alle loro famiglie. Ci è sempre piaciuto lo spirito che alimenta Happy Basket, una bella realtà che, come noi, crede nel valore dell’impegno sportivo e sociale. Al di là dei risultati quello che ci piace sono la passione e la determinazione con cui viene affrontata ogni sfida, gli stessi obiettivi che noi ci prefiggiamo come azienda». Non nasconde la propria soddisfazione il presidente Piomboni: «Pur sapendo che questa è una famiglia speciale, l'entusiasmo con cui anno dopo anno Ren-Auto sceglie di sposare il progetto di Happy Basket ci riempi di orgoglio: da qui cominceremo a pianificare con la dirigenza e con lo staff tecnico il prossimo futuro sportivo. Incontrare persone dello spessore della famiglia Piraccini, che anche in tempi non facili ci danno un sostegno dimostrando di credere nel nostro lavoro, è la soddisfazione più grande, un abbraccio che ci conforta».

BSL San Lazzaro vs REN-AUTO 93-66 (28-12; 21-21; 25-14; 19-19), giocata sabato 21/5. Tabellino: Pignieri 10, Pratelli 6, Riva 4, Monaldini 11, Venturi, Castellani 9, Savini, Isibor 10, Frambosi 2, Mongiusti 9, Delvecchio 5. All. Rossi Con una sconfitta a San Lazzaro la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi conclude la propria stagione: una stagione comunque positiva, dato il 5 posto regionale assoluto, importante per la crescita di un gruppo che, non dimentichiamolo, era del tutto nuovo poco meno di un anno fa e che ha visto diverse giocatrici giocare i primi, importanti, minuti in Serie B. A San Lazzaro le rosanero arrivano con alcune assenze e dunque non al meglio, ma, a prescindere da questo, giocano una gara al di sotto delle proprie possibilità dal punto di vista difensivo. Le padrone di casa dettano legge nei due quarti dispari e a nulla serve pareggiare gli altri due, se non a constatare che, almeno dal punto di vista offensivo, la squadra ci prova. «Era una partita senza alcun valore e, come ampiamente prevedibile - spiega coach Rossi -, l'abbiamo approcciata male, giocando un pessimo primo quarto. Anche se siamo alla fine non mi piace subire 93 punti e mi auguro non capiti più in futuro. In generale comunque ritengo che la stagione sia stata positiva: la squadra ha dato molto spazio alle U15, cosa che praticamente nessuna delle nostre avversarie ha fatto, ci sono stati miglioramenti individuali evidenti, abbiamo vinto con San Lazzaro all'andata e le altre sfide ce le siamo comunque giocate al massimo. Ho fatto i complimenti alle ragazze, perché nonostante i problemi si sono impegnate sempre: molte hanno lavorato con due gruppi e questo non ha aiutato ad avere sempre allenamenti al completo, ma era necessario in un'ottica di lavoro complessivo sul settore giovanile. Era un gruppo nuovo, nato dal niente, non era scontato fare dei risultati e per questo non possiamo che essere soddisfatti, anche perché tra covid e infortuni la fortuna non ci ha aiutato: il nostro obiettivo era fare tutti i campionati, cosa che riescono a fare in pochissimi, per creare i migliori gruppi possibile. Siamo sulla buona strada, abbiamo affrontato avversarie molto forti e sfide molto difficili che spero ci serviranno servite da sprone per migliorare: lavoreremo a partire dall'estate per diminuire il gap con le migliori in regione e cercheremo di costruire gruppi più strutturati».

REN-AUTO vs Parma BP 55-78 (12-18; 14-23; 18-13; 11-24), giocata martedì 17/5. Tabellino: Pignieri 9, Riva 6, Monaldini 12, Venturi, Castellani 6, Savini, Frambosi 4, Mongiusti 13, Martellotta 5, Delvecchio. All. Rossi Ultima gara casalinga della stagione per la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero affrontano Parma, che all'andata aveva vinto nettamente, per provare a giocare una gara diversa. Nel primo tempo sono le ospiti a guidare e ad approfittare di qualche pecca nella difesa Happy: all'intervallo il tabellone dice 26-41. La ripresa non sembra discostarsi dai primi 20' e così Parma tocca il massimo vantaggio sul 46-26 a metà quarto. A questo punto la Ren-Auto ha una reazione improvvisa e con un parziale di 18-8 riapre completamente la partita e chiude la frazione sotto di 10 sul 44-54. La rimonta non si arresta e, dopo un paio di tentativi andati a vuoto, nel quarto periodo le rosanero tornano sotto la doppia cifra di svantaggio: 48-56. Negli ultimi minuti però succede di tutto: il metro piuttosto inglese perdona parecchi contatti e a beneficiarne è, ovviamente, la squadra fisicamente più forte, ovvero Parma. La Ren-Auto non ci sta e protesta con veemenza: tre tecnici alla panchina e un antisportivo costano a coach Rossi l'espulsione, non per colpe proprie ma perché così prescrive il regolamento, e consentono alle ospiti di accumulare uno scarto francamente non in linea con quanto visto in campo. Finisce 55-78. «Non prendo nemmeno in considerazione gli ultimi 4' - spiega coach Rossi -. Le ragazze sono state brave a rimontare nel terzo quarto e in generale a giocare una partita molto più tosta di quella di andata: ci hanno provato, sia in attacco che in difesa, nonostante il gap fisico e tornare a -8 è stata una bella reazione. Lo scarto non conta, è la conseguenza di un finale che non commento». La Ren-Auto U17 tornerà in campo per l'ultima gara della stagione a San Lazzaro sabato 21 maggio, alle ore 1t.00, per il match con il BSL San Lazzaro.

REN-AUTO vs Peperoncino 42-57 (15-20; 14-13; 6-15; 7-9), giocata giovedì 12/5. Tabellino: Pignieri 4, Riva 2, Monaldini 7, Venturi, Castellani 7, Savini, Isibor 4, Frambosi 7, Fulgenzi 2, Mongiusti 7, Martellotta 2, Delvecchio. All. Rossi. Dopo appena 5 giorni è già tempo di riaffrontare Peperoncino per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: rispetto a sabato scorso le rosanero recuperano Frambosi e Martellotta, ma devono fare a meno di Pratelli. Che la gara sia bene diversa dalla precedente lo si intuisce subito: primo quarto giocato alla pari con la difesa ancora da registrare, ma l'attacco in palla. Peperoncino chiude avanti di cinque, 15-20. Nella seconda frazione la Ren-Auto alza l'intensità difensiva e, anche se questo non serve a spezzare l'equilibrio, si aggiudica il parziale. All'intervallo sono 4 i punti da recuperare, 29-33. Il terzo quarto è quello che indirizza il match: la difesa Happy continua a tenere, ma l'attacco fatica e così il Peperoncino può mettere il break, 6-15, che chiude la partita. L'ultima frazione serve solo a fissare il finale, 42-57, di una partita giocata con grinta ed intensità dalla Ren-Auto. «Abbiamo subito 30 punti in meno rispetto a sabato - coach Rossi - a testimonianza di come l'atteggiamento sia stato completamente diverso: le ragazze hanno fatto quello che avevo chiesto loro, vale a dire giocare con più carattere e più orgoglio e hanno riportato il divario alle dimensioni giuste, brave». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim martedì 18 maggio, alle ore 18.00, per il match con il Parma Basket Project.

Finale Emilia vs REN-AUTO 65-51 (15-11; 15-15; 13-9; 22-16), giocata domenica 8/5. Finale: Conte 2, Bozzoli 6, Todisco 5, Ghelli, Bozzali 2, Calzolari 11, Gavagna 2, Branca, Benedusi 4, Cadoni 20, Vancini, Pincella 13. All. Bregoli REN-AUTO: Novelli 20, Pignieri 6, Renzi 4, Borsetti, Capucci 3, Lazzarini 13, Benicchi 2, Tiraferri 3, Mescolini, Gambetti. All. Rossi Arbitri: Boudrika e Mazza. Per l'ultima giornata di campionato la Ren-Auto viaggia verso Finale Emilia per un match che non conta da nessun punto di vista, dato che le rosanero sono già certe di chiudere al sesto posto assoluto del raggruppamento Emilia Romagna/Marche. Coach Rossi deve fare a meno delle gemelle Duca, ma recupera Renzi che comunque non al top. Primo tempo in equilibrio con le padrone di casa che fanno valere i 4 punti di vantaggio accumulati nel primo quarto, 30-26. Nella seconda metà di gara Finale fa decisamente meglio della Ren-Auto e vince meritatamente 65-51. «Sulla partita di stasera ho poco da dire - commenta coach Rossi -: Finale ha giocato meglio e ha meritato di vincere. A fine gara negli spogliatoi ho ringraziato le ragazze per l'impegno e il lavoro svolto nell'arco di questi tre anni: abbiamo avuto parecchi problemi legati al covid e qualche brutto infortunio, ma nei limiti del possibile la squadra si è sempre allenata al massimo, mi ha seguito e si è creato un gruppo unito. L'unico rimpianto è appunto quello di aver avuto qualche assenza di troppo, ma in ogni caso credo che i risultati siano stati assolutamente positivi. Anche in situazioni di emergenza non abbiamo mai subito imbarcate, ce la siamo giocata con tutte, anche con squadre che hanno straniere e giocatrici pagate, e ci siamo tolti qualche bella soddisfazione. Oltretutto alla fine il nostro girone della prima fase si è rivelato molto competitivo, visti i risultati ottenuti da Ancona e Senigallia nella poule playoff, e questo aumenta la soddisfazione per i risultati ottenuti. In questi tre anni si sono visti miglioramenti individuali tanto nelle giocatrici inserite da fuori, quanto in quelle cresciute con noi e abbiamo regolarmente inserito ragazze del settore giovanile in prima squadra, come previsto dal nostro progetto. Non posso che essere soddisfatto, il quadro complessivo è positivo».

Peperoncino Basket vs REN-AUTO 83-49 (14-14; 30-12; 26-5; 13-18), giocata sabato 7/5. Tabellino: Pignieri 2, Pratelli 5, Riva 8, Monaldini 12, Venturi 2, Castellani 2, Savini, Isibor 4, Fulgenzi, Mongiusti 12, Delvecchio 2. All. Rossi. Per la seconda giornata di ritorno del girone di qualificazione alle fasi nazionali la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi cade affronta la fortissima e imbattuta capolista Peperoncino Basket: le rosanero devono rinunciare a Frambosi e Martellotta e hanno Pratelli in cattive condizioni e questo complica una trasferta più che ostica già in partenza. Nonostante tutto, però, la Ren-Auto approccia bene la gara, mette subito un parziale di 10-2, difende duro e gioca alla pari il primo quarto e parte del secondo. La risposta delle padrone di casa non si fa attendere e ha come risultato una parte centrale a senso unico che chiude la gara. Alla Ren-Auto resta la soddisfazione di portare a casa il parziale dell'ultimo quarto. Finisce 83-49. «Le nostre avversarie sono veramente forti - spiega coach Rossi - ed era impossibile fare meglio senza essere al completo. Devo fare i complimenti alle ragazze, perché hanno giocato benissimo per 15', poi c'è stato un parziale devastante di 50-17 che ha chiuso la gara. In realtà abbiamo giocato bene tutto il secondo quarto, ma il Peperoncino ha fatto canestri incredibili anche contro buone difesa: il risultato della seconda frazione è merito loro, non demerito nostro. Il nostro obiettivo, da qui alla fine è capire qual è il nostro livello e dove lavorare per migliorare in ottica futura: finora abbiamo vinto una partita e le altre ce le siamo giocate anche contro squadre oggettivamente più forti, ma livello di mentalità possiamo e dobbiamo migliorare. A livello tecnico non siamo inferiori a nessuno, ma andiamo ancora a sprazzi quando le cose non vanno bene e la palla non entra. Competitività e lavoro atletico sono aspetti su cui abbiamo ampi margini di crescita e che rappresentano la base per costruire una mentalità sportiva più solida». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim giovedì 12 maggio, alle ore 18.30, per il match di recupero sempre con il Peperoncino Basket.

REN-AUTO vs Samoggia 51-64 (22-12; 8-17; 4-20; 17-15), giocata martedì 3/5. Tabellino: Pignieri, Pratelli, Riva 6, Monaldini 11, Venturi 2, Castellani 2, Savini, Frambosi 6, Fulgenzi, Mongiusti 12, Martellotta 12, Delvecchio. All. Rossi Dopo la brillante vittoria con San Lazzaro la Ren-Auto U17 di c coach Pier Filippo Rossi prova a bissare contro la Scuola Basket Samoggia, squadra di alto livello che può vantare diverse atlete impegnate con regolarità in Serie B. L'inizio delle rosanero è di quelli che fanno ben sperare: primo quarto giocato benissimo in entrambe le fasi e parziale nettamente a favore, 22-12. La seconda frazione si sviluppo sul filo dell'equilibrio fino a metà, poi Samoggia passa a difendere a zona 1-3-1 e la partita cambia. Le ospiti vincono bene la seconda frazione e lasciano alla Ren-Auto un solo punto di vantaggio all'intervallo, 30-29. Il terzo quarto è quello che decide la gara: contro la zona di Samoggia le percentuali offensive calano notevolmente, l'Happy perde serenità e continua a forzare da fuori, anziché provare altre soluzioni. Il 4-20 con cui si chiude il quarto è una sentenza definitiva che rende vana la vittoria della Ren-Auto nell'ultimo periodo. Finisce 51-64. «Abbiamo giocato un primo quarto di alto livello e fatto comunque bene per tutto il primo tempo - spiega coach Rossi -, poi ci siamo impantanate contro la 1-3-1 e ci siamo innervosite. Per mia scelta non lavoriamo contro la zona in allenamento, perché preferisco puntare su altri aspetti: stasera non ci è andata bene, anche perché ci siamo impuntate sul tiro da fuori anche quando le percentuali erano deficitarie e avremmo dovuto provare a fare qualcosa di diverso. Sapevamo che per vincere contro una squadra come Samoggia avremmo dovuto fare una partita perfetta e, pur riconoscendo il valore dell'avversaria, ritengo che abbiamo commesso più errori di quanti siano stati i loro meriti. Mi tengo comunque 25' in cui abbiamo giocato una buonissima pallacanestro». La Ren-Auto U17 tornerà in campo a Castello D'Argile sabato 7 maggio, alle ore 17.00, per il match con il Peperoncino Basket.