News

BSL San Lazzaro vs REN-AUTO 93-66 (28-12; 21-21; 25-14; 19-19), giocata sabato 21/5. Tabellino: Pignieri 10, Pratelli 6, Riva 4, Monaldini 11, Venturi, Castellani 9, Savini, Isibor 10, Frambosi 2, Mongiusti 9, Delvecchio 5. All. Rossi Con una sconfitta a San Lazzaro la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi conclude la propria stagione: una stagione comunque positiva, dato il 5 posto regionale assoluto, importante per la crescita di un gruppo che, non dimentichiamolo, era del tutto nuovo poco meno di un anno fa e che ha visto diverse giocatrici giocare i primi, importanti, minuti in Serie B. A San Lazzaro le rosanero arrivano con alcune assenze e dunque non al meglio, ma, a prescindere da questo, giocano una gara al di sotto delle proprie possibilità dal punto di vista difensivo. Le padrone di casa dettano legge nei due quarti dispari e a nulla serve pareggiare gli altri due, se non a constatare che, almeno dal punto di vista offensivo, la squadra ci prova. «Era una partita senza alcun valore e, come ampiamente prevedibile - spiega coach Rossi -, l'abbiamo approcciata male, giocando un pessimo primo quarto. Anche se siamo alla fine non mi piace subire 93 punti e mi auguro non capiti più in futuro. In generale comunque ritengo che la stagione sia stata positiva: la squadra ha dato molto spazio alle U15, cosa che praticamente nessuna delle nostre avversarie ha fatto, ci sono stati miglioramenti individuali evidenti, abbiamo vinto con San Lazzaro all'andata e le altre sfide ce le siamo comunque giocate al massimo. Ho fatto i complimenti alle ragazze, perché nonostante i problemi si sono impegnate sempre: molte hanno lavorato con due gruppi e questo non ha aiutato ad avere sempre allenamenti al completo, ma era necessario in un'ottica di lavoro complessivo sul settore giovanile. Era un gruppo nuovo, nato dal niente, non era scontato fare dei risultati e per questo non possiamo che essere soddisfatti, anche perché tra covid e infortuni la fortuna non ci ha aiutato: il nostro obiettivo era fare tutti i campionati, cosa che riescono a fare in pochissimi, per creare i migliori gruppi possibile. Siamo sulla buona strada, abbiamo affrontato avversarie molto forti e sfide molto difficili che spero ci serviranno servite da sprone per migliorare: lavoreremo a partire dall'estate per diminuire il gap con le migliori in regione e cercheremo di costruire gruppi più strutturati».

REN-AUTO vs Parma BP 55-78 (12-18; 14-23; 18-13; 11-24), giocata martedì 17/5. Tabellino: Pignieri 9, Riva 6, Monaldini 12, Venturi, Castellani 6, Savini, Frambosi 4, Mongiusti 13, Martellotta 5, Delvecchio. All. Rossi Ultima gara casalinga della stagione per la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero affrontano Parma, che all'andata aveva vinto nettamente, per provare a giocare una gara diversa. Nel primo tempo sono le ospiti a guidare e ad approfittare di qualche pecca nella difesa Happy: all'intervallo il tabellone dice 26-41. La ripresa non sembra discostarsi dai primi 20' e così Parma tocca il massimo vantaggio sul 46-26 a metà quarto. A questo punto la Ren-Auto ha una reazione improvvisa e con un parziale di 18-8 riapre completamente la partita e chiude la frazione sotto di 10 sul 44-54. La rimonta non si arresta e, dopo un paio di tentativi andati a vuoto, nel quarto periodo le rosanero tornano sotto la doppia cifra di svantaggio: 48-56. Negli ultimi minuti però succede di tutto: il metro piuttosto inglese perdona parecchi contatti e a beneficiarne è, ovviamente, la squadra fisicamente più forte, ovvero Parma. La Ren-Auto non ci sta e protesta con veemenza: tre tecnici alla panchina e un antisportivo costano a coach Rossi l'espulsione, non per colpe proprie ma perché così prescrive il regolamento, e consentono alle ospiti di accumulare uno scarto francamente non in linea con quanto visto in campo. Finisce 55-78. «Non prendo nemmeno in considerazione gli ultimi 4' - spiega coach Rossi -. Le ragazze sono state brave a rimontare nel terzo quarto e in generale a giocare una partita molto più tosta di quella di andata: ci hanno provato, sia in attacco che in difesa, nonostante il gap fisico e tornare a -8 è stata una bella reazione. Lo scarto non conta, è la conseguenza di un finale che non commento». La Ren-Auto U17 tornerà in campo per l'ultima gara della stagione a San Lazzaro sabato 21 maggio, alle ore 1t.00, per il match con il BSL San Lazzaro.

REN-AUTO vs Peperoncino 42-57 (15-20; 14-13; 6-15; 7-9), giocata giovedì 12/5. Tabellino: Pignieri 4, Riva 2, Monaldini 7, Venturi, Castellani 7, Savini, Isibor 4, Frambosi 7, Fulgenzi 2, Mongiusti 7, Martellotta 2, Delvecchio. All. Rossi. Dopo appena 5 giorni è già tempo di riaffrontare Peperoncino per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: rispetto a sabato scorso le rosanero recuperano Frambosi e Martellotta, ma devono fare a meno di Pratelli. Che la gara sia bene diversa dalla precedente lo si intuisce subito: primo quarto giocato alla pari con la difesa ancora da registrare, ma l'attacco in palla. Peperoncino chiude avanti di cinque, 15-20. Nella seconda frazione la Ren-Auto alza l'intensità difensiva e, anche se questo non serve a spezzare l'equilibrio, si aggiudica il parziale. All'intervallo sono 4 i punti da recuperare, 29-33. Il terzo quarto è quello che indirizza il match: la difesa Happy continua a tenere, ma l'attacco fatica e così il Peperoncino può mettere il break, 6-15, che chiude la partita. L'ultima frazione serve solo a fissare il finale, 42-57, di una partita giocata con grinta ed intensità dalla Ren-Auto. «Abbiamo subito 30 punti in meno rispetto a sabato - coach Rossi - a testimonianza di come l'atteggiamento sia stato completamente diverso: le ragazze hanno fatto quello che avevo chiesto loro, vale a dire giocare con più carattere e più orgoglio e hanno riportato il divario alle dimensioni giuste, brave». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim martedì 18 maggio, alle ore 18.00, per il match con il Parma Basket Project.

Peperoncino Basket vs REN-AUTO 83-49 (14-14; 30-12; 26-5; 13-18), giocata sabato 7/5. Tabellino: Pignieri 2, Pratelli 5, Riva 8, Monaldini 12, Venturi 2, Castellani 2, Savini, Isibor 4, Fulgenzi, Mongiusti 12, Delvecchio 2. All. Rossi. Per la seconda giornata di ritorno del girone di qualificazione alle fasi nazionali la Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi cade affronta la fortissima e imbattuta capolista Peperoncino Basket: le rosanero devono rinunciare a Frambosi e Martellotta e hanno Pratelli in cattive condizioni e questo complica una trasferta più che ostica già in partenza. Nonostante tutto, però, la Ren-Auto approccia bene la gara, mette subito un parziale di 10-2, difende duro e gioca alla pari il primo quarto e parte del secondo. La risposta delle padrone di casa non si fa attendere e ha come risultato una parte centrale a senso unico che chiude la gara. Alla Ren-Auto resta la soddisfazione di portare a casa il parziale dell'ultimo quarto. Finisce 83-49. «Le nostre avversarie sono veramente forti - spiega coach Rossi - ed era impossibile fare meglio senza essere al completo. Devo fare i complimenti alle ragazze, perché hanno giocato benissimo per 15', poi c'è stato un parziale devastante di 50-17 che ha chiuso la gara. In realtà abbiamo giocato bene tutto il secondo quarto, ma il Peperoncino ha fatto canestri incredibili anche contro buone difesa: il risultato della seconda frazione è merito loro, non demerito nostro. Il nostro obiettivo, da qui alla fine è capire qual è il nostro livello e dove lavorare per migliorare in ottica futura: finora abbiamo vinto una partita e le altre ce le siamo giocate anche contro squadre oggettivamente più forti, ma livello di mentalità possiamo e dobbiamo migliorare. A livello tecnico non siamo inferiori a nessuno, ma andiamo ancora a sprazzi quando le cose non vanno bene e la palla non entra. Competitività e lavoro atletico sono aspetti su cui abbiamo ampi margini di crescita e che rappresentano la base per costruire una mentalità sportiva più solida». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim giovedì 12 maggio, alle ore 18.30, per il match di recupero sempre con il Peperoncino Basket.

REN-AUTO vs Samoggia 51-64 (22-12; 8-17; 4-20; 17-15), giocata martedì 3/5. Tabellino: Pignieri, Pratelli, Riva 6, Monaldini 11, Venturi 2, Castellani 2, Savini, Frambosi 6, Fulgenzi, Mongiusti 12, Martellotta 12, Delvecchio. All. Rossi Dopo la brillante vittoria con San Lazzaro la Ren-Auto U17 di c coach Pier Filippo Rossi prova a bissare contro la Scuola Basket Samoggia, squadra di alto livello che può vantare diverse atlete impegnate con regolarità in Serie B. L'inizio delle rosanero è di quelli che fanno ben sperare: primo quarto giocato benissimo in entrambe le fasi e parziale nettamente a favore, 22-12. La seconda frazione si sviluppo sul filo dell'equilibrio fino a metà, poi Samoggia passa a difendere a zona 1-3-1 e la partita cambia. Le ospiti vincono bene la seconda frazione e lasciano alla Ren-Auto un solo punto di vantaggio all'intervallo, 30-29. Il terzo quarto è quello che decide la gara: contro la zona di Samoggia le percentuali offensive calano notevolmente, l'Happy perde serenità e continua a forzare da fuori, anziché provare altre soluzioni. Il 4-20 con cui si chiude il quarto è una sentenza definitiva che rende vana la vittoria della Ren-Auto nell'ultimo periodo. Finisce 51-64. «Abbiamo giocato un primo quarto di alto livello e fatto comunque bene per tutto il primo tempo - spiega coach Rossi -, poi ci siamo impantanate contro la 1-3-1 e ci siamo innervosite. Per mia scelta non lavoriamo contro la zona in allenamento, perché preferisco puntare su altri aspetti: stasera non ci è andata bene, anche perché ci siamo impuntate sul tiro da fuori anche quando le percentuali erano deficitarie e avremmo dovuto provare a fare qualcosa di diverso. Sapevamo che per vincere contro una squadra come Samoggia avremmo dovuto fare una partita perfetta e, pur riconoscendo il valore dell'avversaria, ritengo che abbiamo commesso più errori di quanti siano stati i loro meriti. Mi tengo comunque 25' in cui abbiamo giocato una buonissima pallacanestro». La Ren-Auto U17 tornerà in campo a Castello D'Argile sabato 7 maggio, alle ore 17.00, per il match con il Peperoncino Basket.

Fiore Valdarda vs REN-AUTO 58-66 dts (14-13; 14-9; 10-17; 15-14; 5-13), giocata sabato 30/4. Valdarda: Bernini, Patelli 10, Lekre 8, Longeri 7, Negri, Bertoni 7, Rutigliani, Meschi, Nonni 4, Yamble 16, Rastelli 6. All. Russo REN-AUTO: Novelli 21, Duca E. 2, Pignieri 16, Duca N. 10, Borsetti 1, Lazzarini, Benicchi 11, Tiraferri 5, Mescolini, Gambetti, Mongiusti. All. Rossi Arbitri: Resca e Ercolini La Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi affronta i 250 km che la separano da Fiorenzuola D'Arda per la penultima gara della stagione e porta a casa una bella vittoria, sudata ma pienamente meritata. Le rosanero dimostrano ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, di essere un gruppo solido e di grande carattere, capace di trovare le giuste motivazioni anche in una partita senza significato dal punto di vista della classifica. Il lungo viaggio costa alla Ren-Auto i primi due quarti: le polveri sono decisamente bagnate e, anche se la difesa tiene, è Valdarda a fare la partita. All'intervallo le padrone di casa sono avanti sul 28-22. Al rientro in campo la Ren-Auto ha ben altro piglio e trascinata da capitan Novelli, Pignieri e da una sorprendete Benicchi, si prende la partita: parziale di 17-10 e vantaggio a fine terzo quarto, 38-39. La prima metà del quarto periodo è tutta riminese: l'Happy mena le danze e raggiunge il massimo vantaggio, 40-48. In una partita a punteggio così basso sembra il colpo del k.o. e invece Valdarda risorge e con un parziale di 10-0 torna avanti, 50-48. Manca poco alla fine e un cambio di inerzia così brusco stenderebbe chiunque, ma non la Ren-Auto che si rimette in partita con due giocate di Pignieri, tripla del pareggio e stoppata in difesa, e agguanta il supplementare sul 53-53. Nell'overtime sale in cattedra Beatrice Benicchi, che realizza 7 punti, tra cui la tripla del 58-63 che chiude la gara. Finisce 58-66. «Le ragazze sono state bravissime - commenta coach Rossi - non era facile trovare la motivazioni in una partita del genere: sapevamo che in avvio avremmo pagato il viaggio, ma poi abbiamo preso ritmo e giocato molto bene per 25'. Sul 40-48 i meriti sono tutti di Valdarda che ha segnato dei canestri di qualità contro buone difese da parte nostra. Abbiamo avuto un'ottima reazione, l'abbiamo rimessa in piedi e vinta con autorevolezza nel supplementare. Probabilmente arriveremo seste, indipendentemente dal risultato della gara con Finale: credo che il nostro sia stato un buon percorso, ce la siamo giocata con tutte anche quando eravamo in emergenza e l'unico rammarico è proprio quello di aver avuto un po' di sfortuna dal punto di vista fisico. Per il resto posso solo dire: brave». La Ren-Auto tornerà in campo a Finale Emilia (MO) domenica 8 maggio, alle ore 17.30, per il match con il Basket Finale Emilia.

REN-AUTO vs BSL San Lazzaro 73-65 (20-14; 20-15; 10-22; 23-14), giocata martedì 26/4. Tabellino: Pignieri, Pratelli 8, Riva 3, Monaldini 6, Venturi, Castellani 14, Savini 2, Frambosi 2, Fulgenzi 4, Mongiusti 18. Martellotta 11, Delvecchio 5. All. Rossi La Ren-Auto U17 di coach Pier Filippo Rossi torna in campo dopo due settimane e cerca, contro San Lazzaro, il primo successo della fase di qualificazione alle finali nazionali. Le rosanero devono subito rinunciare a Pignieri bloccata dal torcicollo durante il riscaldamento, ma partono fortissimo e giocano un fantastico primo tempo in cui segnano ben 40 punti con sette giocatrici diverse: all'intervallo il vantaggio è consistente, +11 sul 40-29. San Lazzaro è tuttavia una buonissima squadra e lo dimostra nella terza frazione in cui ribalta completamente la gara con un parziale di +12, che al 30' vale il sorpasso, 50-51. Come se non bastasse Pratelli deve lasciare il campo definitivamente a causa di una botta la naso subita nel primo quarto. Sembrerebbe un cambio di inerzia decisivo e invece la Ren-Auto reagisce di forza: in attacco segna tantissimo e in difesa ricomincia a lavorare duro. E' il colpo del k.o. che stende San Lazzaro e che consente di portare a casa il primo referto rosa della seconda fase. Finisce 73-65. «Le ragazze stasera sono state bravissime - spiega coach Rossi -: nel primo tempo abbiamo fatto sempre canestro, poi nel terzo quarto San Lazzaro è rientrata e la partita è cambiata. La squadra però ha ricominciato a difendere bene e a sbagliare poco in attacco, ma ad essere determinate è stato l'atteggiamento tenuto durante tutta la gara: venivamo da due sconfitte consecutive in trasferta, dopo una prima fase da imbattute, poteva essere una botta difficile da assorbire. Invece le ragazze hanno interpretato la partita nella maniera giusta giocando con tranquillità e testa sgombra. Si stanno esprimendo al massimo delle loro possibilità, nonostante le difficoltà e la taglia quasi sempre inferiore alle avversarie, e stasera hanno giocato una grande partita». La Ren-Auto U17 tornerà in campo alla Carim martedì 3 maggio, alle ore 18.00, per il match con la Scuola Basket Samoggia.

Puianello vs REN-AUTO 61-42 (25-8; 6-5; 22-14; 14-15), giocata domenica 24/4. Tabellino: Pignieri 20, Oddi 2, Cartoscella 2, Mbaye, Isibor 4, Mancini 4, Dedda, Mosca, Bruschi, Martellotta 10, Gasparroni, Rinaldi. All. Albani Con la gara di ritorno della finale regionale 3°/4° posto si conclude la stagione sportiva della Ren-Auto U15 di coach Massimo Albani. Dopo il -14 dell'andata le giovani rosanero, prive di Rachele Cardelli, si recano in terra emiliana con poche aspettative, ma con la voglia di fare bene e, come ormai consuetudine, giocano una gara tosta e senza paura dopo un inizio piuttosto impacciato. Puianello vince nettamente il primo quarto, 25-8, ma dalla seconda frazione in poi la Ren-Auto rende la vita difficile alle forti padrone di casa e conclude con grinta una stagione molto al di sopra delle attese. «Le ragazze sono state ancora una volta molto brave - spiega coach Massimo Albani -, perché dopo un avvio in cui hanno pagato l'emozione, hanno giocato alla pari con un avversario più fisico e molto forte. Sono orgoglioso del cammino fatto ed è in partite e in confronti come questi che le ragazze possono imparare in cosa devono crescere e migliorare».

REN-AUTO vs Pall. Scandiano 53-59 (15-14; 17-14; 9-16; 12-15), giocata sabato 23/4 REN-AUTO: Novelli 3, Madonna, Duca E. 4, Pignieri 9, Duca N. 10, Borsetti 3, Capucci 8, Lazzarini 5, Benicchi, Tiraferri 8, Gambetti, Mongiusti 3. All. Rossi Scandiano: Fedolfi 12, Brevini 19, Facchetti, Bini 8, Marino 10, Bocchi, Teti, Pellacani, Nalin, Chiletti 7, Meglioli 3, Cisse. All. Piatti Arbitri: Gaudenzi e Moro Ultima partita della stagione alla Carim per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero ospitano Scandiano in una partita che, pur non contando nulla in termini di classifica, ha tutti gli ingredienti per essere una sfida bella da vedere. La Ren-Auto ormai da parecchie settimane sta giocando un'ottima pallacanestro, nonostante le tante assenze e Scandiano è probabilmente la squadra più attrezzata al di fuori del trio di testa. Coach Rossi recupera Eleonora Duca e Madonna, ovviamente a corto di condizione, e parte con un quintetto composto da: Novelli, Tiraferri, Capucci, Pignieri e Noemi Duca. Come da pronostico la partita è piacevole e la Ren-Auto gioca 25' di buonissima pallacanestro, sia in attacco che in difesa: le rosanero, pur sbagliando tanto al tiro da fuori, mandano a canestro un po' tutte e chiudono il primo tempo avanti sul 32-28. Il secondo tempo riparte come si era chiuso il primo: la Ren-Auto è più in palla e trova l'allungo sul 37-30. Le riminesi avrebbero anche il possesso per incrementare il vantaggio, ma a questo punto la partita cambia: Scandiano a cavallo tra terzo e quarto quarto trova un parziale di 19-4 che rivolta completamente la partita, 41-49 a 6' dalla fine. Un canestro di Capucci interrompe una siccità offensiva che durava da oltre 7', ma ormai è troppo tardi: le ospiti si sono prese l'inerzia della partita e volano sul +13, 43-56, a 2' dalla sirena. Una tripla di Tiraferri e una di Pignieri poco prima della fine rimettono tra le due squadre il "giusto" scarto, ma la sostanza non cambia: finisce 53-59. «Non abbiamo avuto due settimane di lavoro normali - spiega coach Rossi -, il turno di riposo è coinciso con la pausa pasquale e abbiamo avuto problemi con le palestre per la concomitanza di tornei giovanili. Non è un alibi, ma contro squadre forti come Scandiano se sei a corto di allenamento non puoi pensare di vincere. Il nostro lavoro in difesa lo abbiamo fatto, ma purtroppo nel secondo tempo siamo state deficitarie in attacco anche quando abbiamo costruito buoni tiri. Purtroppo tra covid e infortuni siamo a corto di condizione e siamo calate alla distanza. Mi dispiace perché era l'ultima in casa e tanto le ragazze, quanto il nostro pubblico, si sarebbero meritati una vittoria. Ci giochiamo le ultime due partite, speriamo di riuscire ad allenarci un po' di più per fare bene». La Ren-Auto tornerà in campo a Fiorenzuola D'Arda (PC) sabato 30 aprile, alle ore 18.00, per il match con il Fiore Basket Valdarda.

REN-AUTO vs Puianello 34-48 (12-11; 9-11; 12-12; 1-14), giocata giovedì 21/4 Tabellino: Pignieri 6, Oddi 12, Cardelli 4, Cartoscella 3, Piva, Isibor, Mancini, Dedda, Martellotta 5, Gasparroni 2, Rinaldi 2. All. Albani La Renauto U15 di coach Massimo Albani affronta Puianello, già incontrata nel primo turno playoff, nella prima delle due sfide valide per la conquista del terzo e ultimo posto della regione Emilia-Romagna per le Finali Nazionali. Un risultato al di sopra delle aspettative, ma assolutamente meritato, per quello che a inizio stagione era un gruppo del tutto nuovo, frutto della fusione tra Happy Basket e Santarcangelo all'interno del progetto Phoenix RBR. Puianello, già vincente nelle sfide precedenti, parte naturalmente favorita potendo contare su una fisicità nettamente superiore, ma le giovani rosanero non si lasciano intimorire e giocano tre quarti alla pari: il primo lo vincono, il secondo lo perdono e il terzo lo pareggiano, 33-34 dopo 30'. Lo sforzo prodotto per compensare uno scontro fisicamente impari, tuttavia, spiana la strada a Puianello che si aggiudica nettamente ultima frazione e partita. Finisce 34-48. «Le ragazze sono state bravissime - spiega coach Albani - sono rimaste in partita per tre quarti dando tutto quello che avevano e si sono arrese solo quando sono finite le batterie. Non dobbiamo dimenticare che questo è una squadra nuova che raramente si è potuta allenare al completo, visto che quattro ragazze fanno parte anche dell'U17 e come è giusto che sia si dividono tra i due gruppi: quello che conta è che ci sono stati miglioramenti individuali evidenti, sia nei fondamentali, che nella capacità di tenere il campo anche contro squadre molto forti come Puianello. Da istruttore questi aspetti sono più importanti del risultato finale e comunque anche stasera non posso che essere soddisfatto di quello che le ragazze hanno fatto e dell'atteggiamento per tutti i 40'». Ren-Auto e Puianello torneranno in campo, questa volta in terra emiliana, domenica 24 aprile alle ore 11.00 per la gara di ritorno.