Happy Basket

HAPPY BASKET-Progresso Bologna 46-48 (13-16; 14-15; 15-15; 4-2), giocata sabato 8/2. HAPPY BASKET: Novelli, Re 6, La Forgia 6, Vespignani 4, Duca E. 4, Pignieri 7, Duca N. 7, Palmisano 6, Renzi 4, Farinello, Borsetti, Lazzarini 2. All. Rossi Progresso: Ferraro, Mezzetti, Marchi, Papotti, Bernardini, Cadovi 16, Palmisani, Ruggeri 9, Tridello 2, Bregu 8, Prisco 8, Melloni 5. All. Simeone Arbitri: Baldini e Romano Ultimo match casalingo della prima fase per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero ospitano sul campo amico della Carim il Progresso Bologna, seconda forza del campionato che schiera tra le proprie file l'ex Anna Palmisani. Coach Rossi parte con un quintetto composto da Vespignani, Novelli, Pignieri, Eleonora e Noemi Duca. Il primo canestro dell'incontro lo segnano le ospiti, brave a colpire da fuori la chiusa difesa Happy. Dopo un minuto e mezzo la Ren-Auto deve rinunciare a capitan Novelli, colpita fortuitamente al volto: per la n.4 la gara finisce qui. Il Progresso colpisce da tre e si porta sul 5-0, ma Re, appena subentrata a Novelli, metti i primi punti con una bella penetrazione, 5-2. La Ren-Auto è molto intensa in difesa, riesce a coprire bene l'area, ma si espone inevitabilmente ai tiri da fuori che Bologna segna con buona continuità. A 3' dalla prima pausa le ospiti sono avanti 5-11, complici i tanti errori della Ren-Auto su tiri costruiti più che bene. Un paio di buone difese, però, valgono due transizioni vincenti, di Palmisano ed Eleonora Duca, che riportano l'Happy a -2, 9-11. Due triple consecutive sembrano poter dare il largo al Progresso nell'ultimo minuto, ma una penetrazione di La Forgia e un canestro di Renzi, su assist di Vespignani, tiene la Ren-Auto ad un possesso di distanza a fine quarto, 13-16. Il secondo quarto è la sagra dell'errore: dopo 4' di gioco il parziale è di 3-2 per il Progresso, con Pignieri autrice dell'unico canestro rosanero. Bologna piazza un improvviso parziale di 4-0 e prova a scappare sul 15-23, ma la Ren-Auto risponde con le gemelle Duca che segnano un canestro a testa e riequilibrano il punteggio, 19-23. In un ultimo minuto di grande equilibro sono da segnalare una tripla di Pignieri e un bel canestro in reverse di Re, che tuttavia non limano il divario. Si va al riposo lungo sul 27-31. Un canestro di Renzi in avvio di secondo tempo riporta la Ren-Auto ad un possesso di distanza dopo una vita, 30-33. Da questo momento in poi, però, il Progresso prende in mano la partita e con un micidiale parziale di 8-0 scollina oltre la doppia cifra di vantaggio, 34-45. Sembra una confronto ormai scappato di mano, invece la Ren-Auto trova una nuova reazione, costruita sulla difesa, e con un controparziale sempre di 8-0, chiude il terzo periodo sotto di 4, 42-46. Un match già intenso diventa ancora più tosto al punto che nessuno segna per 3': a sbloccare il punteggio ci pensa Palmisano, che firma il canestro del -2, poi, dall'ennesima buona difesa, arriva il pareggio, grazie ad una transizione vincente di Vespignani. La Ren-Auto sbaglia addirittura il "rigore" del vantaggio, dopo un 12-0 di parziale, e Bologna ne approfitta per tornare sopra, 46-48. Dopo quasi 9' di gara il punteggio del quarto è 4-2, ma nonostante questo la partita è godibilissima, perché le squadre giocano con grande energia. Il finale è infarcito di errori da entrambe le parti: la Ren-Auto ha un paio di opportunità per pareggiare o vincerla, ma la palla non entra mai e il Progresso porta a casa i due punti pur senza brillare. Finisce 46-48. «Partita giocata bene, soprattutto il secondo tempo in cui abbiamo corso e difeso meglio - spiega coach Rossi -, purtroppo non facciamo canestro, tanto più senza Novelli, e contro la seconda in classifica si paga. Dobbiamo trovare il modo di risolvere i nostri problemi, sfruttando l'ultima gara della prima fase come allenamento». La Ren-Auto tornerà in campo a San Lazzaro (BO) sabato 15 febbraio, alle ore 21.00, per il match con la B.S.L..

Futurvirtus-HAPPY BASKET 59-68 (11-19; 15-13; 14-14; 19-22), giocata mercoledì 5/2. Tabellino: Vespignani 18, Duca E. 7, Pignieri 14, Duca N. 12, Poplawska Li. 2, Poplawska La. 2, Poggi, Mecozzi 11, Martinini, Tiraferri, Mescolini, Gambetti 2. All. Rossi Continua la marcia inarrestabile della Ren-Auto U18: le rosanero di coach Pier Filippo Rossi, pur senza La Forgia e Palmisano e con Tiraferri a mezzo servizio, espugnano il campo della Futurvirtus grazie ad una convincente prova offensiva. L'Happy parte benissimo e detta legge per i primi 5'/6', poi i falli costringono coach Rossi a ruotare tanto in anticipo sui tempi e il ritmo, inevitabilmente, ne risente. La fase centrale della partita si sviluppa così sul filo dell'equilibrio e quando la Ren-Auto prova a scappare Bologna è brava a sfruttare gli errori difensivi per riavvicinarsi . Nel quarto quarto, però, le rosanero ritrovano la vena offensiva e con ben 22 punti messi a referto vanno a chiudere la gara. «Vittoria importante contro una squadra ben diversa da quella dell'andata - spiega coach Rossi -. Abbiamo commesso troppi falli e perso troppi palloni e in difesa non abbiamo tenuto gli uno contro uno, consentendo a Bologna di rientrare due volte da -15. L'attacco, invece, ha funzionato: senza due giocatrici chiave e con Tiraferri acciaccata abbiamo segnato 68 punti, portando a casa una partita delicata». La Ren-Auto U18 tornerà in campo a Borgo Val di Taro (PR) lunedì 10 febbraio, alle ore 19.00, per il match con la Valtarese.

San Lazzaro-HAPPY BASKET 96-48 (28-9; 28-12; 27-10; 13-17), giocata domenica 2/2. Tabellino: Innocenti 11, Tiraferri 7, Ricci, Mescolini 13, Gambetti 7, Guiducci 5, Vergine 5, Fulgenzi, Hyseni. All. Rossi La Ren-Auto U16 di coach Pier Filippo Rossi non può nulla contro la fortissima capolista San Lazzaro, ma lotta comunque per tutti i 40', nonostante mandi a referto solo nove giocatrici, di cui otto realmente disponibili - Giulia Ricci in panchina per onor di firma -. Le rosanero subiscono l'avvio perentorio delle padrone di casa, che sono devastanti soprattutto nel primo tempo. All'intervallo San Lazzaro è avanti 56-21 e la partita è virtualmente conclusa. Nonostante questo l'Happy non smette di giocare e, seppur in "garbage time", si toglie la soddisfazione di vincere l'ultima frazione. «San Lazzaro ha una delle squadre più forti d'Italia - spiega coach Rossi -, probabilmente il miglior gruppo che ho visto, campionesse nazionali con l'U14 lo scorso anno. Segnare quasi 50 punti contro un'avversaria di questo calibro non è cosa da poco: sappiamo che nel girone ci sono due squadre inarrivabili, l'importante è usare partite come questa per allenarsi e cercare di vincere contro le altre squadre, cosa che finora abbiamo fatto». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim domenica 9 febbraio, alle ore 19.15, per il match con Faenza Futura.

HAPPY BASKET-Olimpia Pesaro 58-39 (17-11; 14-7; 13-6; 14-15), giocata sabato 1/2. Happy Basket: Novelli 12, Re 3, La Forgia 4, Vespignani 8, Duca E. 5, Pignieri 2, Duca N. 5, Palmisano 4, Renzi 8, Farinello 5, Borsetti 2, Lazzarini. All. Rossi Olimpia: Cioppi, Canossini 7, Barulli 8, Gjnaj, Caiozzo 2, Benedetti 6, Paccapelo 6, Pentucci, Cecchini 3, Cencellieri, Canestrari 7. All. Alexander Arbitri: Scandellari e Capozzi di Bologna Dopo il rinfrancante successo di Senigallia la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi torna sul campo amico della Carim, per affrontare l'Olimpia Pesaro in un match di importanza capitale in ottica seconda fase: all'andata il successo dell'Happy era stato netto, ma le marchigiane arrivano a Rimini caricate dall'inattesa vittoria sul campo di Forlì. Coach Rossi sceglie un quintetto composto da: Vespignani, Novelli, Palmisano, Pignieri e Noemi Duca. Prima della palla a due viene osservato, come su tutti i campi, un minuto di silenzio in memoria di Kobe Bryant. Comincia il match e, dopo un paio di minuti confusi, Novelli sblocca il punteggio con la tripla del 3-0. E' un avvio tutto di marca Ren-Auto: le rosanero trovano la via del canestro in più modi con Palmisano, La Forgia, Farinello e Noemi Duca e si portano sul 15-5 a 3' dalla prima pausa. La reazione dell'Olimpia non si fa attendere, 6-0 di parziale per il 15-11. Si va al cambio di quarto con la Ren-Auto avanti di 6 lunghezze sul 17-11. Ottimo avvio rosanero anche nella seconda frazione: le scatenate Vespignani ed Eleonora Duca firmano il nuovo +10, 23-13 a 6' dall'intervallo. La Ren-Auto sembra in controllo, ma in attacco si blocca e non segna più per 4'; Pesaro, dal canto suo, non fa granché, ma lima qualche punto, 23-18. Serve un bel passo d'incrocio a centro area di La Forgia per togliere finalmente il coperchio dal canestro, poi sulla difesa successiva l'Happy ruba palla e Noemi Duca in transizione subisce un fallo antisportivo: un libero per lei ed uno di Vespignani valgono il 27-18. L'Olimpia torna in attacco per provare a sbloccarsi, ma gli arbitri puniscono con un tecnico ingiusto coach Alexander, rea di aver protestato per un "non fischio" su un contatto onestamente falloso. Novelli capitalizza nel migliore dei modi il regalo: segna il libero e sul possesso successivo mette la tripla del 31-18. Il primo tempo finisce qui. Novelli segna ancora da tre in apertura di terzo quarto per il 34-18. Un paio di belle giocate di Laura Renzi, bravissima a tagliare e ben servita dalle compagne, danno il nuovo massimo vantaggio, +17 sul 38-21. La Ren-Auto è totalmente in controllo del match, impone il proprio ritmo in attacco e la propria aggressività in difesa e chiude il terzo quarto sul 44-24. In avvio di ultima frazione si iscrivono a referto anche Re, che segna in penetrazione, subisce fallo e realizza il libero aggiuntivo e Borsetti, autrice di un pregevole semigancio dallo smile. La tripla di Farinello con dedica ai genitori, arrivati da Cantù, è l'ultima giocata degna di nota della partita. Finisce 58-39. «Buona prestazione - commenta coach Rossi -, soprattutto sul piano difensivo. In attacco stiamo provando cose nuove e sbagliamo ancora troppo: 58 punti sono pochi per la quantità di gioco che abbiamo sviluppato. Abbiamo comunque affrontato la gara con l'intensità giusta. Dobbiamo lavorare e sfruttare le partite che rimangono per crescere ed arrivare alla seconda fase nelle migliori condizioni possibili». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 8 febbraio, alle ore 19.00, per il match con il Progresso Bologna.

Progresso Bologna-HAPPY BASKET 53-64 (15-19; 15-24; 11-13; 12-8), giocata giovedì 30/1. Tabellino: La Forgia 15, Vespignani 12, Duca E. 11, Pignieri 4, Duca N. 10, Palmisano 10, Poplawska Li., Poplawska La., Poggi, Mecozzi 2, Tiraferri, Gambetti. All. Rossi Importante successo della Ren-Auto U18 di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero espugnano il campo di Bologna e si portano in testa al Girone F della fase regionale. La Ren-Auto costruisce il proprio successo nel primo tempo, riuscendo ad imporre il proprio ritmo alle avversarie che limitano i danni grazie a parecchi viaggi in lunetta. Il secondo quarto è di netta marca Happy, 30-43 all'intervallo. Nel terzo quarto l'Happy si inceppa in attacco, ma lavora benissimo in difesa e trova un ulteriore piccolo allungo, che consente di amministrare senza patemi il match fino alla sirena. «Nel primo tempo abbiamo giocato molto bene - spiega coach Rossi -, imponendo alla partita il ritmo giusto e distribuendo i punti. Hanno giocato tutte, anche le U16 per più di 10' a testa. Abbiamo subito troppi liberi, fatto che ha limitato il vantaggio sostanziale che avevamo prodotto in termini di gioco: i falli sono un aspetto che dobbiamo imparare a gestire meglio. Bene a livello di concentrazione e bene le situazioni di uno contro uno: stiamo provando a cambiare sistema di gioco in attacco e questo, sia a Senigallia con la B, che ieri sera, ha prodotto tanti liberi a nostro favore. Non siamo riusciti ad "ammazzare" la partita, ma ho visto segnali positivi». La Ren-Auto U18 tornerà in campo a Bologna mercoledì 5 febbraio, alle ore 19.40, per il match con la Futurvirtus.

HAPPY BASKET-Puianello 56-43 (16-16; 16-11; 14-10; 10-6), giocata domenica 26/1. Tabellino: Innocenti, Tiraferri 15, Mescolini 2, Gambetti 10, Guiducci 5, Vergine 8, Fulgenzi, Del Fabbro 9, Pignieri, Pratelli 7. All. Rossi Seconda vittoria consecutiva per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero, dopo il successo con Mirabello, battono anche Puianello e si issano momentaneamente al terzo posto in classifica nel Girone G, dietro alle corazzate San Lazzaro e Vico. All'Happy servono 10' per prendere le misure all'avversario: qualche errore di troppo in attacco e una difesa ancora da registrare tengono lo score in pareggio al primo intervallino, 16-16. Dalla seconda frazione in poi la difesa comincia a salire di intensità e questo cambia la partita, 32-27 a fine primo tempo. Nei successivi 20' la Ren-Auto concede a Puianello appena 16 punti totali e la vittoria è cosa fatta. «Le ragazze sono state bravissime - spiega coach Rossi -, hanno difeso come delle belve e sono state costanti in attacco. Puianello, come Mirabello, era un'avversario difficile, merito nostro averle ridimensionate. Questo è davvero un bel gruppo, in campo mettono in pratica quello che chiedo e giocano sempre al cento per cento». La Ren-Auto U16 tornerà in campo a San Lazzaro domenica 2 febbraio, alle ore 19.45, per il match con il B.S.L..

HAPPY BASKET-Nuova Virtus Cesena 25-75 (8-26; 6-10; 2-19; 9-20), giocata domenica 26/1. Tabellino: Oddi 6, Cartoscella 6, Prosperi 1, Porcellini 2, Gambetti C., El Morchadi, Dedda, Gasparroni, Belhaj, Rinaldi 10, Delvecchio. All. Albani Senza 4/5 del quintetto la Ren-Auto U14 di coach Massimo Albani perde nettamente con Cesena, ma la gara rappresenta un'ottima occasione per dare spazio e responsabilità a tutto il roster a disposizione. A livello di punteggio non c'è storia, ma la gara dà comunque buone indicazioni, con due 2008, Rinaldi e Oddi, protagoniste in attacco. «Senza chi solitamente ci risolve i problemi in attacco - spiega coach Albani - le ragazze hanno dovuto prendersi responsabilità che di solito delegano e non sono mancate le risposte positive. Abbiamo commesso molti errori, ma sbagliare non è un problema, quello che conta è scendere in campo con l'atteggiamento giusto, cioè avendo sempre voglia di imparare e migliorare. E' l'unico modo che abbiamo per crescere: allenarsi, sbagliare e migliorare. Nelle prossime gare questo sarà il nostro assetto, dobbiamo sfruttare l'opportunità per giocare senza la pressione del risultato».

Basket 2000-HAPPY BASKET 49-55 (14-7; 13-15; 11-15; 11-18), giocata sabato 25/1. Senigallia: Mingucci, Cadalani 5, Amedei, El Haiti 4, Sordi 26, Baracaglia, Vecchietti, Formica, Lazzari 1, Castagnolo, Bonacci, Angeletti 13. All. Tonucci HAPPY BASKET: Novelli 12, Re, La Forgia 2, Vespignani 4, Duca E. 2, Pignieri 8, Duca N. 11, Palmisano 1, Renzi 13, Farinello, Borsetti 2, Lazzarini. All. Rossi Arbitri: Paciaroni e De Carolis La Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi ritrova il successo in quel di Senigallia e interrompe così la striscia di quattro sconfitte consecutive. Le rosanero vincono una gara più difficile del previsto e incamerano due punti che sono una boccata d'ossigeno in un momento emotivamente difficile. Il primo quarto ben testimonia il blocco psicologico che condiziona non tanto il gioco, quanto le percentuali offensive: solo 7 punti segnati e Senigallia che prova a scappare doppiando a 14. Dopo 10' da incubo, però, la Ren-Auto reagisce e comincia a far canestro con discreta regolarità. All'intervallo le padrone di casa sono comunque avanti di 5 sul 27-22. Il "quasi pareggio" arriva nella terza frazione: la difesa tiene, l'attacco resta costante e così all'ultima pausa il divario tra le squadre è di un solo punto, 38-37. Il quarto quarto è tutto rosanero, col sigillo di capitan Novelli che infila la tripla del 49-53 che vale il sospirato successo. Finisce 49-55. «Stasera contava solo vincere - spiega coach Rossi -, perché in caso di sconfitta ci saremmo trovati in una posizione di classifica complicata. Abbiamo giocato un pessimo primo quarto, poi ci siamo ripresi nel finale: è un momento difficile, alcune ragazze non riescono a ritrovarsi, speriamo che questo successo ci dia un po' di entusiasmo. Abbiamo segnato i liberi e messo qualche tripla importante, ma dobbiamo lavorare ancora molto perché ci manca la fiducia in noi stessi. All'andata dopo la prima vittoria ci sbloccammo, mi auguro possa succedere la stessa cosa». La Ren-Auto tornerà in campo alla Carim sabato 1 febbraio, alle ore 19.00, per il match con l'Olimpia Pesaro.

Mirabello-HAPPY BASKET 43-61 (14-20; 8-11; 14-22; 7-8), giocata lunedì 20/1. Tabellino: Innocenti, Tiraferri 9, Mescolini 13, Gambetti 15, Guiducci, Vergine 10, Fulgenzi, Del Fabbro 2, Pignieri, Pratelli 12. All. Rossi Ottimo successo per la Ren-Auto U16, che sbanca Mirabello con una prova solidissima: lo rosanero di coach Pier Filippo Rossi aggrediscono il match fin dalla palla a due, vincono tutti i parziali e incamerano così i primi due punti della seconda fase. Come detto l'avvio è subito perentorio con ben 20 punti segnati nei primi 10'; nel secondo quarto un ulteriore allungo permette all'Happy di portarsi all'intervallo avanti di 9 sul 22-31. Al rientro in capo arriva l'accelerata decisiva, 14-22 il parziale della terza frazione, che vale il meritatissimo successo. «Le ragazze sono state molto brave - spiega coach Rossi - perché Mirabello non è certo una squadra di basso livello. Abbiamo difeso bene e in attacco siamo cresciute col passare dei minuti, fino a toccare i venti punti di vantaggio: lì la partita è praticamente finita. Abbiamo fatto una bella figura davanti al vicepresidente federale, una soddisfazione per tutto il gruppo. Nel nostro girone ci sono due squadre molto forti, Vico e San Lazzaro, con tutte le altre ce la possiamo giocare». La Ren-Auto U16 tornerà in campo alla Carim domenica 26 gennaio, alle ore 14.30, per il match con il Puianello.

Junior Ravenna-HAPPY BASKET 59-34 (7-12; 26-10; 16-7; 10-5), giocata domenica 19/1. Tabellino: Cartoscella 1, Prosperi 2, Porcellini, Gambetti C., Gambetti A. 4, El Morchadi, Pignieri 7, Gasparroni 3, Belhaj, Rinaldi, Pratelli 11, Delvecchio 6. Albani Come da pronostico la Ren-Auto U14 di coach Massimo Albani esce sconfitta dalla trasferta in casa della capolista Ravenna, ma in casa Happy non mancano comunque le note positive. Il primo quarto infatti è di decisa marca rosanero: alla Junior vengono concessi appena sette punti ed il parziale di 7-12 la dice lunga su quale delle due squadre stia facendo la partita. Poi, poco alla volta Ravenna viene fuori e, grazie in particolar modo ad un secondo quarto dominato, va a vincere piuttosto nettamente. «Mi rendo conto che può sembrare strano, ma sono contento per la partita fatta dalle ragazze - spiega coach Albani -. Con la società abbiamo concordato di ampliare rotazioni e minutaggi per dare la possibilità a tutte di crescere e migliorare sul campo: in attacco abbiamo dei punti di riferimento precisi, che a volte portano le altre a non prendersi responsabilità. Non è certo un'accusa, succede a questa età, ma è appunto compito dello staff cercare di ampliare le opzioni per far maturare tutte in chiave futura. Contro la capolista abbiamo giocato per oltre un quarto alla pari, anche meglio, poi comunque le ragazze si sono sbattute ed è venuto fuori il gruppo. Per questo non mi sembra assurdo dire che abbiamo fatto una buona gara, vincere piace a tutti, ma il risultato non è il nostro unico obiettivo».