Happy Basket

HAPPY BASKET-Valtarese 64-58 (18-11; 15-18; 17-13; 14-16), giocata lunedì 4/2. Tabellino: La Forgia 19, Palmisano 13, Palmisani 17, Pignieri 6, Borsetti 3, Poplawska Li., Poplawska La. 2, Panzeri, Lazzarini A. 4, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi La RenAuto U18 di coach Pier Filippo Rossi non tradisce le attese, batte sul linoleum azzurro delle scuole Bertola la Valtarese e conquista con due giornate di anticipo l'accesso alla terza fase del campionato. La gara rimane in equilibrio per i primi 5', poi, sull'8-8, l'Happy passa a condurre per rimanere in testa fino alla fine. Un parziale di 10-3, costruito sulla difesa e su due triple di Palmisani, manda le squadre al primo mini-riposo sul 18-11. L'avvio di secondo quarto è ancor più rosanero, al punto che la RenAuto, trascinata da La Forgia, tocca il +15 sul 27-12, a 4' dall'intervallo. La Valtarese però è avversaria tosta e con un controparziale di 6-17 si riavvicina alla pausa lunga, 33-29. Le ospiti, precise dalla lunga e nei liberi, riescono a pareggiare ad inizio terzo quarto sul 37-37, ma non concretizzano il possibile vantaggio e così è l'Happy a trovare un nuovo, perentorio, allungo fino al 50-37. In finale di quarto Valtarese rosicchia qualche punto per il 50-42 con cui le squadre si siedono per l'ultima pausa. La quarta frazione comincia bene per l'Happy, ma le emiliane trovano la reazione giusta e, con un parziale di 5-13, hanno più volte in mano la palla del possibile vantaggio. Ancora una volta, però, la RenAuto si salva con la difesa e, quando Palmisano segna il canestro del 59-55, sugli spalti si torna a respirare. Nei minuti finali l'Happy chiude tutti gli spazi, segna quando conta e può così festeggiare un successo pesante. «Sono molto contento - commenta coach Rossi -, perché ci tenevamo a chiudere stasera il discorso qualificazione. E' un risultato importante che premia il lavoro fatto fino ad oggi». La RenAuto U18 tornerà in campo a Faenza lunedì 11 febbraio, alle ore 19.30, per il match con il Faenza Basket Project.

Magika-HAPPY BASKET 55-48 (15-14; 19-3; 9-21; 12-10), giocata domenica 3/2. Tabellino: Poggi 8, Martinini 3, Innocenti 2, Comini, Tiraferri 16, Ricci, Mescolini 1, Gambetti 12, Guiducci, Vergine, Semprini, Del Fabbro 6. All. Rossi La RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi torna da Castel San Pietro con il referto giallo, ma ancora una volta le rosanero giocano una grande partita eccezion fatta per un deficitario secondo quarto, svolta della gara. La Magika è squadra forte, strutturata fisicamente e profonda, ma nonostante questo l'Happy se la gioca alla pari nel primo quarto. La seconda frazione, come detto, è quella decisiva, perché le padrone di casa piazzano un micidiale parziale di 19-3, che porta le squadre al riposo sul 34-17. Sembrerebbe l'anticamera dell'imbarcata, ma non per questo gruppo che, ancora una volta, trova le energie per riaprire la sfida grazie ad un super terzo quarto: all'ultimo mini-intervallo il divario è di appena 5 lunghezze, 43-38, impensabile per come si era chiuso il primo tempo. La RenAuto continua a macinare gioco e arriva addirittura a -2, 49-47, con la palla in mano: l'attacco purtroppo non si concretizza e sul ribaltamento di fronte la Magika trova il canestro del 51-47, che restituisce alle padrone di casa l'inerzia per chiudere il match. «Peccato non essere riusciti a portare la gara punto a punto fino alla fine - spiega coach Rossi -: la squadra se lo meritava per come ha rimontato nella ripresa. La Magika è una squadra molto forte che addirittura ha proposto, cosa mai vista in Under 16, una ventina di minuti di zona 2-3, eppure le ragazze non si sono scomposte ed è bastato spiegare loro come attaccare perché si adeguassero. Abbiamo giocato male il secondo quarto, ma per il resto sono state bravissime». La RenAuto tornerà in campo alla Carim sabato 9 febbraio, alle ore 18.00, per il match con Scandiano.

100 2.0 Women Basket College-HAPPY BASKET 43-59 (6-16; 8-15; 17-18; 12-10), giocata venerdì 1/2. Women Basket College: Baschieri 6, Guerra 2, Melloni 11, Malaguti 2, Bozzoli F. 2, Dinaro, Biagiola 11, Montanari, Garutti, Bozzoli C. 9. All. Bergamini Happy Basket: Novelli 13, Nanni 7, La Forgia 9, Palmisano 4, Palmisani 2, Pignieri 8, Renzi 7, Farinello 6, Borsetti, Lazzarini A. 3. All. Rossi Arbitro: Cascioli di Carpi (MO) Continua la marcia perfetta della RenAuto di coach Pier Filippo Rossi: le rosanero rispettano infatti il pronostico e battono a domicilio Finale Emilia, ultima in classifica, ma decisamente rinforzata rispetto alla gara d'andata. Per 25' comunque non c'è storia, perché la pressione difensiva della RenAuto forza tantissime palle perse che mettono da subito un cospicuo margine tra le squadre: +10 a fine primo quarto, +17 all'intervallo e, addirittura, + 26 a metà della terza frazione. A questo punto Finale comincia a pressare a tutto campo e questo, complice anche un certo appagamento dell'Happy, consente alle padrone di casa di aggiudicarsi l'ultima frazione di un match comunque già ampiamente chiuso. Da ricordare che, ormai da parecchie giornate, la RenAuto non può contare su tre giocatrici importantissime come Re, Tosi e Varlamova, fatto che dà ulteriore risalto ai successi di questo gruppo «Vittoria pesante per andare a Forlì con 4 punti di vantaggio - commenta coach Rossi -: per due quarti e mezzo non c'è stata gara, perché abbiamo fatto un ottimo lavoro difensivo, poi loro ci hanno messo in difficoltà col pressing, ma rischi veri non ne abbiamo corsi. Paghiamo un po' di stanchezza, tra giovanili e Serie C le partite sono davvero tante e dobbiamo recuperare le energie e, possibilmente, qualcuna delle assenti per avere rotazioni più profonde». La RenAuto tornerà in campo a Forlì giovedì 7 febbraio, alle ore 21.15, per il match con l'A.I.C.S., recupero della 9^ giornata di andata.

San Lazzaro-HAPPY BASKET 59-70 (17-21; 13-7; 17-25; 12-17), giocata lunedì 28/1. San Lazzaro: Mantovani, Chichinato 9, Ghigi 23, Benadduce 3, Balboni, Muggioli, Monterumisi 6, Raffaelli 15, Viviani 3. All. Dalè Happy Basket: Novelli 18, Re ne, Nanni 8, La Forgia 13, Palmisano 12, Palmisani, Pignieri 2, Renzi 1, Farinello 12, Borsetti, Lazzarini A. 4. All. Rossi Arbitri: Gallerani e Rimauro di Bologna. E' una RenAuto da dieci in pagella quella che sbanca San Lazzaro, mantenendo l'imbattibilità stagionale: le rosanero di coach Pier Filippo Rossi sfoggiano un sontuoso secondo tempo e colgono l'ennesimo meritato successo. La RenAuto parte bene ed è subito molto produttiva in attacco e così, pur concedendo qualcosa in difesa, chiude sopra di quattro la prima frazione, 17-21. Il secondo quarto è il più complicato, perché l'attacco si inceppa contro la zona di San Lazzaro, che si porta così avanti all'intervallo, 30-28. Al ritorno in campo, però, l'attacco Happy è caldissimo: Novelli e La Forgia guidano le compagne ad un parziale di 25-17 che stende le padrone di casa e porta la RenAuto sul 47-53 all'ultima pausa. Le rosanero aggiungono alla verve offensiva - 6 triple nel secondo tempo - gli aggiustamenti difensivi che danno alla BSL il colpo di grazia: anche l'ultima frazione è vincente e fissa il definitivo 59-70 che vale la decima vittoria in altrettante gare. «Sono molto contento - commenta coach Rossi - vincere contro una squadra ben allenata e valida come San Lazzaro non era facile: le ragazze hanno giocato una partita veramente tosta. Nel secondo quarto non riuscivamo a trovare una via d'uscita contro la loro zona e oltretutto avevamo problemi di falli (ben 25 i liberi realizzati alla fine dal BSL, ndr); nella ripresa abbiamo alzato la pressione e girato meglio la palla in attacco e la partita è cambiata. Le ragazze sono state molto brave, vincere partite come questa è un bel segnale di compattezza». La RenAuto tornerà in campo a Finale Emilia venerdì1 febbraio, alle ore 21.30, per il match con il 100 2.0 Women Basket College.

HAPPY BASKET- Vis Ferrara 70-33 (20-9; 15-10; 20-10; 15-4), giocata sabato 26/1. Tabellino: La Forgia 10, Palmisano 14, Palmisani 14, Pignieri 2, Borsetti 4, Poplawska Li. 4, Poplawska La. 6, Panzeri 4, Lazzarini A. 12, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi Rotondo successo per la RenAuto U18 di coach Pier Filippo Rossi: sul campo della Carim le rosanero battono in scioltezza Ferrara e guadagnano i due punti necessari per mantenersi in seconda posizione dietro il Faenza Basket Project e continuare la corsa verso la successiva fase di campionato. La RenAuto parte subito 6-0 e accumula un vantaggio costante minuto dopo minuto, fatto che consente da subito di ruotare con ampi minutaggi tutte le giocatrici disponibili. All'intervallo lungo, sul punteggio di 35-1,9 la partita è virtualmente già chiusa ed il secondo tempo serve solo ad aumentare il divario tra le contendenti. «Era necessario vincere e lo abbiamo fatto - commenta coach Rossi -: adesso dobbiamo preparare al meglio la sfida con Valtarese, perché sarà il confronto decisivo per decidere chi accederà alla fase successiva». La RenAuto U18 tornerà dunque in campo per questa fondamentale sfida lunedì 4 febbraio, alle ore 20.15, sul campo delle scuole Bertola.

HAPPY BASKET-Valtarese 45-47 (5-10; 14-17; 10-8; 16-12), giocata mercoledì 23/1. Tabellino: Poggi 9, Martinini 4, Innocenti 2, Comini, Tiraferri 14, Ricci, Mescolini, Gambetti 7, Guiducci 2, Fulgenzi, Semprini, Del Fabbro 7. All. Rossi Sfiora la rimonta "miracolosa" nel finale l'U16 di coach Pier Filippo Rossi e se l'impresa non si concretizza è solo per qualche errore di troppo dalla lunetta. Nel primo tempo la partita la fanno le ospiti, che partono meglio e, dopo un primo recupero Happy, fanno il break a fine secondo quarto. Si va così all'intervallo con la RenAuto sotto di 8 sul 19-27. Il secondo tempo è combattuto e spigoloso con le rosanero che, nonostante il gap fisico e anagrafico, rosicchiano un punto alla volta. Purtroppo, a cavallo tra terza e quarta frazione, si accumulano una decina di errori dalla lunetta che, conti alla mano, alla fine risulteranno decisivi. Nonostante questo, però, la RenAuto non si arrende mai, nemmeno quando, a meno di 3' dalla sirena, le ospiti prendono 7 punti di vantaggio. Recuperando palloni, lottando a rimbalzo d'attacco e trovando una tripla provvidenziale con Del Fabbro, l'Happy si ritrova così sotto di due, palla in mano, ad una manciata di secondi dalla fine. Tiraferri attacca il ferro con coraggio e decisione, ma il suo lay-up gira sul ferro ed esce. Esulta Valtarese, ma la RenAuto non ha nulla da rimproverarsi. «Le ragazze hanno giocato bene - spiega coach Rossi -, avevo chiesto una reazione dopo Cavezzo, che rimane comunque di un altro livello, e l'ho vista. Le nostre avversarie sono quasi tutte più grandi di un anno, non è facile affrontare sfide del genere, eppure le ragazze non si tirano mai indietro. Abbiamo sfiorato il miracolo, peccato per i tiri liberi sbagliati». La RenAuto U16 tornerà in campo a Castel San Pietro (BO) domenica 3 febbraio, alle ore 17.00, per il match con la Magika Pallacanestro.

HAPPY BASKET-Faenza 47-67 (11-20; 17-15; 10-16; 9-16), giocata lunedì 21/1. Tabellino: La Forgia 7, Palmisano 10, Palmisani 8, Pignieri 9, Borsetti 3, Poplawska La. 2, Poplawska Li. 2, Panzeri, Lazzarini A. 6, Lazzarini N., Zannoni. All. Rossi Una RenAuto U18 rimaneggiata e a corto di energie si deve arrendere alla capolista Faenza, ma resta comunque in gara finché regge il fiato e contiene per quanto possibile Soglia, una delle migliori pivot del campionato di A2. Tra infortuni ed acciacchi coach Pier Filippo Rossi non può contare sul roster completo e a ciò si aggiunge l'affaticamento delle reduci dalla splendida vittoria di sabato con la Serie C; se a questo sommiamo l'oggettiva forza di Faenza, capolista non a caso, il match diventa una rincorsa sin dalle prime battute, anche perché le ospiti, non "paghe" della propria superiorità fisica, la mettono con continuità anche da fuori. La RenAuto poi non va in lunetta per i primi 38', dato statistico quantomeno curioso. Le rosanero comunque non lasciano nulla di intentato e, al solito, giocano per tutti i 40' con impegno e grinta. «Anche stasera le ragazze hanno giocato con l'atteggiamento giusto e finché è durato il fiato abbiamo fatto la nostra partita - spiega coach Rossi -, ma il nostro gioco è dispendioso e in questo momento siamo un po' corte. Abbiamo dato tutto quello che avevamo, ma penso che al completo e più fresche ce la potremmo giocare, Faenza è molto forte ma non è un'avversaria impossibile. Adesso ci aspettano due gare molto toste con Ferrara e, soprattutto, Valtarese: speriamo di recuperare un po' di pezzi e qualche energia, anche se non sarà facile, dato che anche la C sarà impegnata in sfide importanti». La RenAuto U18 tornerà in campo alla Carim sabato 26 gennaio, alle ore 19.00, per il match con la Vis Ferrara.

Cavezzo-HAPPY BASKET 72-56 (21-11; 14-20; 23-5; 14-20), giocata domenica 20/1. Tabellino: Poggi 6, Martinini, Innocenti 3, Comini 2, Tiraferri 12, Ricci 2, Mescolini 2, Gambetti 19, Guiducci 2, Vergine, Semprini 2, Del Fabbro 6. All. Rossi Dopo quattro successi consecutivi la RenAuto U16 di coach Pier Filippo Rossi si ferma a Cavezzo, nonostante le rosanero giochino ancora una volta una gara intensa per tutti i 40'. Va riconosciuta certamente la qualità della squadra di casa, ottima tecnicamente e superiore fisicamente, in grado di schierare un quintetto di giocatrici del 2003 molto competitivo. Questi fattori "forzano" una partenza timorosa dell'Happy Basket, che tuttavia resta lì e recupera buona parte del gap del primo quarto nella seconda frazione: si va così al riposo sul 35-31. Il terzo quarto è quello decisivo, perché per la RenAuto diventa impossibile contenere in difesa la prestanza delle lunghe di Cavezzo e avere in attacco la lucidità per restare in partita. Ancora una volta però le giovani riminesi non smettono di giocare fino alla sirena e si tolgono così la soddisfazione di vincere l'ultima frazione. «Contro un'avversaria così forte è un attimo prendere un'imbarcata - commenta coach Rossi -, invece in attacco abbiamo fatto buone cose, rientrando incredibilmente in partita nel secondo quarto. Abbiamo fatto fatica in difesa contro la loro fisicità, ma del resto stiamo ancora imparando a giocare contro squadre del genere. Considerando poi che Cavezzo ha molte buone giocatrici anche più grandi di età, credo che le ragazze abbiano giocato una partita più che discreta». La RenAuto U16 tornerà in campo alle scuole Bertola mercoledì 23 gennaio, alle ore 19.00, per il match con la Valtarese.

HAPPY BASKET-Bologna Basket School 61-51 (9-15; 13-14; 18-9; 21-13), giocata sabato 19/1. HAPPY BASKET: Novelli 7, Nanni, La Forgia 7, Palmisano 16, Palmisani 8, Pignieri 7, Renzi 2, Farinello 14, Borsetti, Poplawska Li., Poplawska La., Lazzarini A.. All. Rossi BBS: Montan, Muscedere 2, Bardasi 8, Giancane 7, Caracchi 12, Arbelti 4, Rinnovasi 4, Biguzzi 3, Mota, Adami, Onofri 11. All. Buccarella. Arbitro: Zavatta (FC) Dopo la lunga pausa torna in campo la RenAuto di coach Pier Filippo Rossi in quello che a tutti gli effetti rappresenta il big match di giornata: Bologna Basket School è infatti una delle squadre appaiate in seconda piazza a 12 punti, un osso più che duro, dunque, contro cui cercare di mantenere l'imbattibilità. Data l'assenza di Re, coach Rossi lancia come quintetto base Novelli, La Forgia, Palmisano, Farinello e Renzi. Il primo canestro della gara lo segna Bologna ed è una tripla, pareggiata poco dopo dal bersaglio pesante di Palmisano. Gara frizzante con le squadre che costruiscono buoni tiri, che non sempre però concretizzano: le ospiti sono più precise e si portano avanti sul 5-8. Una tripla di Farinello vale il nuovo pareggio a metà quarto, 8-8. A questo punto Bologna si fa più incisiva a rimbalzo d'attacco e conquista un paio di secondi tiri che mettono tra le squadre due possessi di margine, 8-12, tanto più che in attacco la RenAuto si accontenta di tiri dalla lunga che non entrano. L'Happy, che deve fare i conti pure con l'assenza di Varlamova, non riesce a dare profondità ai propri attacchi, fatica a trovare la via del canestro e così Bologna trova il break con cui si va alla prima pausa, 9-15. In avvio di secondo quarto le ospiti allungano fino al 9-19 grazie ad una maggior reattività; due liberi di Palmisano ed un bel canestro di Renzi tengono lì l'Happy, 13-19. La partita attraversa una fase caotica con molti errori che lasciano tra le squadre un paio di possessi di distanza. E' BBS però a trovare nuovamente l'affondo, 13-22, approfittando anche dell'assenza di Novelli, costretta in panchina da problemi di falli. La RenAuto, a dire il vero, non costruisce nemmeno cattive conclusioni, ma la palla non entra proprio mai e così le ospiti restano saldamente in vantaggio, 16-26 a 3'15" dall'intervallo lungo. Dopo 2' di siccità totale un 4-0 di parziale dà un po' di ossigeno alla RenAuto, 20-26. Nel finale di frazione Palmisano segna un bel canestro, nonostante il fallo evidente commesso dalla diretta avversaria; ne segue una reazione che l'arbitro punisce con un fallo antisportivo. Bologna segna un solo libero e non concretizza il successivo attacco e si va così all'intervallo sul 22-29. La terza frazione si apre con un 5-0 a zero targato Farinello/Pignieri, che riapre la partita, 27-29. Dopo 3'30" Farinello da tre trova il pareggio che mancava da un'eternità, 32-32. La partita diventa molto bella con le squadre che si rispondono colpo su colpo, che si tratti di un canestro, o di una giocata di intensità. Nella seconda metà di frazione si segna invece con il contagocce, perché la partita si fa "sporchissima" e la clava prevale sul fioretto. E' Pignieri a trovare la giocata, a pochi secondi dalla sirena, che porta l'Happy in vantaggio, 40-38, all'ultimo mini-intervallo. Un bel arresto e tiro di Palmisani dà alla RenAuto il massimo vantaggio, 42-38, in avvio di quarto quarto. Partita "cattiva" come poche, nessuna si risparmia un tuffo o un contatto, è una battaglia; e nella battaglia l'Happy viene fuori e trova un break importante con Palmisani sugli scudi. E così, a 6'30" dalla fine, le rosanero sono avanti di 9, 50-41. L'inerzia pende decisamente dalla parte della RenAuto, prima su tutte le palle vaganti e asfissiante in difesa; arriva così il massimo vantaggio, +12 sul 53-41. Sembra una partita in discesa e invece con un glaciale 5/5 dalla lunetta BBS torna lì, 53-46, anche perché l'Happy in attacco regala qualche pallone di troppo. Le ospiti trovano anche il -5, ma due liberi di Palmisano e un contropiede di Farinello, dopo palla recuperata, riportano il margine a tre possessi, 57-48. Nonostante nella sostanza la partita sia finita le squadre non smettono di giocare e si danno battaglia fino alla sirena, onorando in pieno una partita bella ed intensa come poche. Finale alla Carim, RenAuto batte Bologna Basket School 61-51: L'Happy Basket infila il nono successo in altrettante gare e mantiene la vetta solitaria del girone B. «Dopo un avvio difficile, contro la miglior squadra incontrata finora, abbiamo sistemato alcune cose - spiega coach Rossi -: in attacco all'inizio abbiamo fatto un po' fatica, perché stiamo lavorando su un nuovo sistema di gioco offensivo e alcune cose ancora non sono ancora automatiche. Avevo ricordato alle ragazze prima della gara che se giochiamo con intensità per 40' le altre squadre fanno fatica a starci dietro: nel secondo tempo si è visto del basket di qualità sia in attacco che in difesa, come dimostra il complessivo 39-22. Sono molto contento, perché le ragazze si sbattono e danno il 100% anche quando, come stasera, c'è chi gioca con qualche acciacco. Personalmente cerco di infondere la cultura del lavoro e dell'impegno e devo dire che non è facile vedere in giro l'applicazione e la costanza che sto vedendo nei gruppi che alleno: le ragazze non si stanno "sedendo" e sono cresciute, questa è la strada per togliersi delle soddisfazioni». La RenAuto tornerà in campo a San Lazzaro (BO) lunedì 28 gennaio, alle ore 21.30, per il match con il B.S.L..

U13: LA RENAUTO PERDE, MA CRESCE

Vallarta Lugo-HAPPY BASKET 58-33 (13-5; 15-10; 8-10; 22-8), giocata venerdì 18/1. Tabellino: Oddi 4, Prosperi, Gambetti 2, Pignieri, Rinaldi 3, Pratelli 20, Cartoscella, Delvecchio 4, Zamagni, Brocchi. All. Rusin Referto giallo per la RenAuto U13 di coach Gelo Rusin in quel di Bagnacavallo, ma ancora segnali di crescita incoraggianti. Il Vallarta parte decisamente meglio e, pressando e raddoppiando in difesa, mette a segno un parziale importante nel primo quarto, 13-8. Poco a poco l'Happy si mette in partita e nella fase centrale di gara le squadre giocano sostanzialmente alla pari. Nell'ultima frazione le rosanero pagano la stanchezza, dato che le condizioni non ottimali di alcune costringono le compagne agli straordinari in termini di minutaggio, e così Lugo va a vincere con scarto fin troppo punitivo. «Anche oggi ho visto piccoli ma importanti miglioramenti - spiega coach Rusin -: contro la loro pressione non abbiamo sofferto, grazie all'ottimo lavoro di Delvecchio e abbiamo limitato le palle perse, soprattutto dalla rimessa. Dobbiamo lavorare meglio a rimbalzo e imparare a prenderci qualche responsabilità in più in attacco per non lasciare troppo peso sulle spalle delle solite. Sono comunque contento perché la nostra crescita è evidente». La RenAuto U13 tornerà in campo alla Carim martedì 5 febbraio, alle ore 16.30, per il match con l'A.I.C.S..